Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

L’inizio di una nuova saga. “Solo il tempo lo dirà” di Jeffrey Archer

L’inizio di una nuova saga. “Solo il tempo lo dirà” di Jeffrey ArcherIl romanzo di Jeffrey Archer, Solo il tempo lo dirà (HarperCollins Italia, 2018, traduzione di Seba Pezzani), mostra nelle prime pagine gli sparuti alberi genealogici delle famiglie Barrington e Clifton, le cui sorti, si immagina, si intrecceranno nelle quasi cinquecento pagine successive. Solo il tempo lo dirà è il primo volume di una saga che – cominciando a Bristol all’inizio del Novecento – si sviluppa in ben sei parti, e probabilmente arricchirà gli alberi delle due famiglie di diversi rami.  

L’autore della saga, Jeffrey Archer, barone di Weston-super-Mare (uno dei luoghi del romanzo) è un ex deputato del partito conservatore britannico, e uno dei più ricchi autori di bestseller sulle due sponde dell’Atlantico.

 

Vuoiconoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Di certo il romanzo è costruito con mestiere. I capitoli sono raggruppati in sezioni ben distinte, e in ciascuna gli avvenimenti vengono raccontati dal punto di vista di un personaggio diverso, e a partire da momenti diversi nella storia, in modo che l’intreccio venga illuminato pian piano e ricordato ai lettori periodicamente. Ogni sezione è introdotta da un breve prologo narrato in prima persona dal personaggio cui la sezione è intitolata: in questo modo tutti i personaggi principali possono dare la propria versione dei fatti salienti del romanzo. Interessante notare che le versioni collimano tutte alla perfezione, facilitando così il lavoro del lettore, restringendo le possibili congetture e interpretazioni, anziché ampliarle.

Il prologo iniziale è affidato a Maisie, la madre di Harry Clifton, l’eroe di questo primo volume della saga. La donna vi illustra in tono spiccio le misere circostanze che hanno preceduto il proprio matrimonio, e che risulteranno gravide di conseguenze per il suo unico figlio Harry.

L’inizio di una nuova saga. “Solo il tempo lo dirà” di Jeffrey Archer

La vita di Harry Clifton non comincia difatti sotto i migliori auspici. In un quartiere operaio di Bristol, il bambino cresce senza il padre, morto, gli viene detto, nella Grande Guerra, benché Harry sappia contare e i conti non gli tornino. Fortunatamente, l’unico modello cui Harry può guardare non è lo zio Stan, operaio navale e ubriacone irriducibile. Con la madre Maisie, tanti sono gli adulti che si preoccupano dell’avvenire del bambino: tra gli altri, il maestro della scuola elementare, la direttrice del coro della chiesa, e Jack Tar, un vecchio saggio che vive in un vagone abbandonato ai cantieri navali. Harry ha un dono, una bellissima voce bianca che gli frutta l’ammissione al St Bede, il miglior collegio cattolico della città. Da lì, grazie a tutti i suoi talenti e alla determinazione della madre, che da casalinga riesce a farsi piccola imprenditrice, Harry farà ancora tanta strada. Il volume ne narra solo l’adolescenza, e si chiude lasciando il lettore nella totale incertezza riguardo al futuro dell’eroe.

I lunghi capitoli del romanzo sono dedicati alla lotta parallela di Harry e della madre per progredire rispettivamente a scuola e nel lavoro, entrambi ostacolati o agevolati da nemici e benefattori, a volte conosciuti, altre misteriosi. Il percorso di Harry poi è reso più arduo non solo da nemici in carne e ossa, ma dalla stessa sua crescita imprevedibile, dal passato che il ragazzo ignora, dallo scoppiare di una nuova guerra. Tuttavia, gli amici che riesce a conquistare con la sua lealtà sono alleati formidabili: soprattutto Giles ed Emma, i figli di Hugo Barrington, il padrone senza scrupoli dei cantieri navali sul fiume Avon e vecchio datore di lavoro del padre di Harry.

L’inizio di una nuova saga. “Solo il tempo lo dirà” di Jeffrey Archer

È facile pensare a Harry come a un Oliver Twist o magari a un Pip, ma naturalmente il romanzo di Archer richiama quelli di Dickens solo in superficie: la Bristol operaia al posto dei vicoli della Londra vittoriana, l’eroe ragazzino sfiorato ma non corrotto dal contatto con malvagi e malavitosi, la suspense alla fine del volume, che si interrompe bruscamente con una sterzata imprevista. Mentre i personaggi di Dickens però non si dimenticano, e le sue pagine impegnano a lungo i lettori divertendo, commuovendo o spazientendo, in Archer non c’è proprio nulla che impegna e trattiene, al contrario si galoppa veloci verso la fine del volume, portati avanti da un intreccio che dopo pochi giorni, con tutta la buona volontà, non si riesce più a ricordare.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

È possibile che, nelle rimanenti cinque parti della saga, i personaggi e le loro vicende riescano a sorprendere e coinvolgere il lettore in maniera più duratura. Solo il tempo lo dirà di Jeffrey Archer riesce comunque ad assolvere la sua funzione: regala ai lettori qualche ora di assoluta spensieratezza ed evasione, piaceri che si potranno rinnovare all’uscita del prossimo volume.


Per la prima foto, copyright: Nathan Riley.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.