Corso online di Scrittura Creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di Editing

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

L’inferno adesso è Aleppo

L’inferno adesso è AleppoAd Aleppo si è scatenato l’inferno, aggravato da questa nuova, strana alleanza tra Trump e Putin. Non un inferno comune, ma una strage di innocenti.

I bambini sono diventati il bersaglio degli assassini, dei due fronti in lotta. Da una parte la coalizione pro Assad, composta prevalentemente dall’esercito regolare siriano supportato dai russi; dall’altra i cosiddetti ribelli, talvolta spalleggiati dagli statunitensi. Ora, entrambi sparano sui bambini, sugli ospedali pediatrici, sulle scuole, colpendo il futuro siriano. L’eccidio non si ferma nemmeno davanti agli appelli dell’Onu, alle condanne multilaterali. Le bombe e le granate continuano a piovere sulla città e a lacerare le carni infantili.

 

LEGGI ANCHE – Siria: tra guerra e saccheggi

 

Aleppo è la contemporaneità più sanguinaria: la rivelazione di cosa è capace di fare, ancora, il potere quando sceglie la via della guerra. Non c’è via di scampo, perché ogni strada è chiusa, ogni via interrotta. Si può soltanto aspettare che l’assedio termini. Anche se di assedio non si può davvero parlare, perché Aleppo è una specie di bersaglio per tutti, come fu Homs due anni fa, la morta Homs.

 

LEGGI ANCHE – Shady Hamadi ci racconta il suo esilio dalla Siria

 

Le parti in guerra hanno deliberato che tutto si deve giocare contro le città e contro l’infanzia urbana. Tutto deve servire a educare una generazione al terrore che viene dal cielo. Tutto deve congiurare contro la libertà. La lingua delle bombe di Assad prova a imporre a una Siria lacerata una lezione per sempre. Ma è una strategia folle, perché indebolendo i suoi avversari interni indebolisce sé stesso sul piano internazionale.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Assad lo sa da tempo, quindi ha giocato d’azzardo, legandosi a Putin nella speranza (adesso divenuta certezza) che Trump vincesse. Trump che si è affrettato a ritrovare in Assad un interlocutore degli Stati Uniti, non un avversario. Questo intreccio abbastanza complicato di interessi militari e politici, più che economici, favorisce Assad a danno dei suoi oppositori. Ecco perché l’offensiva contro Aleppo riprende più forte e più cattiva subito dopo l’elezione di Trump. È come se il presidente siriano voglia ingraziarsi gli Usa sacrificando una città. Così facendo, Assad diventa una cerniera di sanguinaria pazzia tra Russia e Usa.

L’inferno adesso è Aleppo

LEGGI ANCHE – Ecco perché ho lasciato la Siria. Intervista ad Adonis

 

Grande assente è l’Ue, come sempre impegnata a osservare, a non intervenire, a non prendere parte. La stessa Ue che non rompe con Erdogan, si limita a definirsi raccapricciata da quanto accade ad Aleppo. Lo stesso per l’Onu, la cui nullità internazionale è dimostrata proprio dalla debolezza espressa sulla guerra siriana. Dunque non c’è via d’uscita dall’inferno di Aleppo. Ancora sangue innocente scorrerà tra le macerie di una città distrutta.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.