14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

L’incredibile appello di William Shakespeare a favore dei rifugiati

L’incredibile appello di William Shakespeare a favore dei rifugiatiVi starete chiedendo cosa c’entri William Shakespeare con i rifugiati, di cui tanto si sta parlando in questo periodo. In apparenza nulla, se non fosse che Shakespeare scrisse un vero e proprio appello a loro favore, e che questo documento oggi costituisce l’ultimo copione manoscritto del Bardo che abbiamo a disposizione e che presto sarà disponibile online.

 

L’iniziativa in corso

Il manoscritto è stato conservato e digitalizzato e sarà visionabile nell’ambito della mostra Shakespeare in 10 Acts organizzata dalla British Library a partire dal 15 aprile. Durante la manifestazione sarà possibile accedere tramite il sito web appositamente dedicato all’evento (Discovering Literature: Shakespeare), oltre al manoscritto in questione, a una serie di documenti, tra cui:

 

LEGGI ANCHE – Eccezionale scoperta italiana sul “Pericle” di Shakespeare

 

  • Alcune delle più antiche immagini dei Nativi Americani portate in Europa dai primi coloni del Vecchio continente;
  • La copia personale di Samuel Taylor Coleridge delle opere drammatiche di Shakespeare, con le annotazioni del poeta e i suoi famosi commenti sulla “malvagità immotivata” di Iago;
  • L’unico ritratto giunto fino a noi di John Dee, che si pensa abbia ispirato a Shakespeare il personaggio di Prospero.

Saranno, inoltre, disponibili anche saggi e film come parte di uno sforzo della British Library per ridare slancio alla conoscenza del contesto in cui Shakespeare operava.

L’incredibile appello di William Shakespeare a favore dei rifugiati

LEGGI ANCHE – I quattrocento anni dalla morte di William Shakespeare

 

L’appello a favore dei rifugiati

L’opera a cui abbiamo fatto riferimento all’inizio dell’articolo è l’unica copia sopravvissuta di un copione manoscritto di Shakespeare. Si tratta di un testo dedicato a Thomas More, nel quale Shakespeare immagina il filosofo pronunciare un appello appassionato a favore di un trattamento più umano degli immigrati.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

La scena in questione, che vede Moore opporsi alle potenti rivolte londinesi contro l’immigrazione, fu scritta in un momento storico in cui crescevano le tensioni sociali in conseguenza dell’aumento del numero dei protestanti francesi in cerca di asilo nel Regno Unito.

 

LEGGI ANCHE – William Shakespeare, le opere teatrali rilette da autori contemporanei

 

Il testo originale, scritto approssimativamente nel 1600 e incentrato sulla vita di Enrico VIII, non era opera di Shakespeare e non fu messo in scena a causa dei disordini che ne sarebbero potuti derivare. Shakespeare fu solo uno dei molti autori che rimisero mano al testo, ma il suo contributo resta quello più importante.

L’incredibile appello di William Shakespeare a favore dei rifugiati

Ecco le parole che Shakespeare fa pronunciare a Thomas More:

 

Vorreste abbattere gli stranieri,
ucciderli, tagliar loro la gola, prendere le loro case
e tenere al guinzaglio la maestà della legge
per incitarla come fosse un mastino. Ahimè, ahimè!
Diciamo adesso che il Re,
misericordioso verso gli aggressori pentiti,
dovesse limitarsi, riguardo alla vostra gravissima trasgressione,
a bandirvi, dov’è che andreste? Che sia in Francia o Fiandra,
in qualsiasi provincia germanica, in Spagna o Portogallo,
anzi, ovunque non rassomigli all’Inghilterra,
orbene, vi troverete per forza a essere degli stranieri.

L’incredibile appello di William Shakespeare a favore dei rifugiati

LEGGI ANCHE – Anne Hathaway è la moglie di Shakespeare

 

Vi piacerebbe allora trovare una nazione d’indole così barbara
che, in un’esplosione di violenza e di odio,
non vi conceda un posto sulla terra,
affili i suoi detestabili coltelli contro le vostre gole,
vi scacci come cani, quasi non foste figli e opera di Dio,
o che gli elementi non siano tutti appropriati al vostro benessere,
ma appartenessero solo a loro? Che ne penserete
di essere trattati così? Questo è quel che capita agli stranieri,
e questa è la vostra disumanità da senza dio.

(traduzione di Edoardo Rialti, edizione Lindau 2015)

Il tuo voto: Nessuno Media: 3 (4 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.