Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

L’impotenza davanti alla vita. “La vita involontaria” di Brianna Carafa

L’impotenza davanti alla vita. “La vita involontaria” di Brianna CarafaPuntata n. 114 della rubrica La bellezza nascosta

 

«Ecco però che a poco a poco tutto era miracolosamente permesso grazie a un rischio deliberato della volontà, un gioco di tentativi, una timida accettazione del peccato: esplorare gli spazi interstellari studiando astronomia a Houston, o seguire la via della teologia già battuta da Chardin, o creare nuove forme nei laboratori, o penetrare con una spedizione nelle foreste dell’Amazzonia, alla ricerca dei palazzi d’oro dell’Eldorado. Con il passare del tempo, tutte le meraviglie apparivano alla mia fantasia protese verso di me con braccia aeree e invitanti. Gabriele dalla faccia d’angelo, che tutto sapeva, che di tutto carpiva immagini, che tutto assaggiava tra le quattro pareti della sua stanza, seguiva infatti trepidante in un mucchio di relazioni, bollettini, riviste, come se gliene derivassero sempre nuove ispirazioni, le imprese compiute in ogni campo e in ogni luogo da altri. Alla fine perciò, un ventaglio di strade si aprì sotto ai miei piedi, con informazioni spesso minuziose, progetti e itinerari già tracciati sulle carte geografiche.»

 

Esistono destini da cui è impossibile fuggire, sono come delle strade tracciate con foga, sentieri che siamo costretti a percorrere, luoghi in cui siamo obbligati ad abitare senza neanche renderci conto di quanta costrizione esista nei nostri movimenti, nelle nostre decisioni, nei rapporti che decidiamo di allacciare e nelle scelte che ci illudiamo di compiere liberamente.

L’impotenza davanti alla vita. “La vita involontaria” di Brianna Carafa

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Vivere spesso è scontrarsi contro una serie infinita di impossibilità, ci si accorge di essere mortali, ci si rende conto di quanto poco controllo abbiamo sugli eventi e sulle cose e sulle persone, ci si accorge di essere fragili e che la fragilità non viene quasi mai rispettata e quindi spesso si finisce rotti, rotti e in mille pezzi, vicini alla fine.

L’impotenza davanti alla vita. “La vita involontaria” di Brianna Carafa

Brianna Carafa nasce a Roma nel 1924, dove poi morirà nel 1978, La vita involontaria è stato portato alle stampe, nuovamente, dalla casa editrice Cliquot.

Paolo Pintus vive in una città immaginaria della Germania, si trasferisce poi a Valona per intraprendere un percorso formativo, ma le cose prendono una piega difficoltosa; Pintus inizia a bere, si dà alla vita vagabonda e comincia poi gli studi di psicologia. Finisce il percorso di laurea in maniera brillante, ma gli resta sempre attaccata addosso la sensazione di non aver scelto mai niente da solo, liberamente.

 

LEGGI ANCHE – Tutte le puntate di La bellezza nascosta

 

La vita involontaria è un romanzo che spiazza, denso, lucido, somiglia a un grido, a uno spostamento disperato di qualcuno che si vede forzato dentro qualcosa che non crede di aver scelto, dentro un’esistenza che sembra essergli piombata addosso come acqua ghiacciata.

L’impotenza davanti alla vita. “La vita involontaria” di Brianna Carafa

Con uno stile asciutto, una scrittura che è anche forza espressiva, Brianna Carafa ci racconta la storia di un ragazzo qualunque, di un giovane uomo che crede di prendere decisioni che in realtà subisce e che cerca rifugio nelle scelte estreme, nei luoghi oscuri, tra le persone che non gli appartengono.

«Ora tenevo sempre nell’armadio qualche bottiglia di liquoreper far fronte alla giornata e però, allo stesso tempo non facendole fronte, me ne stavo torpidamente al riparo da ogni assaltoesterno, fermo in un deserto privo di desideri e d’impulsi. Mialzai dal letto e mi attaccai al collo di una bottiglia come a unpoppatoio. Poi mi stesi di nuovo, per frugare tra gli arabeschidel soffitto. E allora finalmente sulla zona vuota del centrosplendette nel deserto un’oasi remota, la pura immagine di unadonna mai avvicinata e non più uccisa da me, bensì giovanecome una ragazza, prima che su di lei si fossero abbattute lelunghe e silenziose disgrazie dell’esistenza. Era stata mia madrea dirmi per bocca di zia Beatrice: “Vivi la tua vita”, perché avolte gli spiriti si servono di tramiti inconsistenti e difettosi percomunicare con i loro cari. Così, mi aveva lasciato un messaggio amorevole, disinteressato di libertà.»

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Un romanzo che esplora l’impotenza davanti alle cose che ci impone il vivere, un libro che porta con sé una dose di coraggio e che è capace di esplorare il dolore e le scelte, tutto quello che prima o poi torna indietro travolgendoci con più forza di prima.


Per la prima foto, copyright: Romain Lours su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.