Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

“L'Iguana” di Anna Maria Ortese, una vertiginosa confessione

“L'Iguana” di Anna Maria Ortese, una vertiginosa confessioneL'Iguana che Anna Maria Ortese pubblicò nel 1965, e che oggi è ristampato da Adelphi, è la storia di una fuga. La fuga è quella di un giovane conte milanese, Aleandro, dalla realtà cittadina (ma lo è per caso, potendo essere campagnola, italiana, occidentale) e moderna, deturpata dai miracoli dell'industria. Aleandro si fa viaggiatore e giramondo una volta l'anno, per conto della madre, sempre alla ricerca di nuovi lidi che possano rinfrancare l'occhio dalla quotidianità cittadina. Gli intenti sono tutt'altro che nobili, perlopiù economici e individualistici, ma il viaggio di Aleandro si rivelerà presto tutt'altro che apatico e distaccato.

La cultura è un vento che soffia da tante parti e anche l'educazione è una forma di cultura, spinge persino ad essere intelligenti. Aleandro è un giovane dotato di grandissima educazione. È l'educazione di chi riconosce nella natura, non solo quella di animali e piante, ma in quella umana soprattutto, la genuinità di chi non ha peccato, la dolcezza di chi sa ricambiare: sentimenti piccoli: la compassione, l'indulgenza. Sull'isola di Ocaña, dove Aleandro approderà, al di là dello stretto di Gibilterra, lontano dalle coste portoghesi, questa genuinità non è di casa, o meglio, non lo è più. Un'isola tanto piccola e minuta da non essere registrata su alcuna carta geografica.

“L'Iguana” di Anna Maria Ortese, una vertiginosa confessione

L'isola in questione ha tutto per entrare nell'immaginario letterario erede della grande narrazione di viaggio, quando la meta era sempre una distanza ulteriore e così si spiegavano le meraviglie, gli esseri più deformi e le visioni più imprevedibili che l'occhio umano continuava a rimandare. A quale angolo infatti del nostro pianeta assomiglia Ocaña? A nessuno. Ocaña è Ocaña; inesistente, è un dato inconfutabile, ma allo stesso tempo paradigmatica, un'utopia e un ammonimento: un'isola che ha in sé ogni prerogativa letterariamente intesa per potersi definire tale, dove tutto si converte in qualcosa di oltre.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Può succedere che un'iguana, sottomessa alle dure intimazioni di un giovane locale, parli e si muova come una ragazza vestita di poche cose e che un ragazzo possa innamorarsene. L'Iguana è per Aleandro una ragazza dolcissima, una bestia repellente per il marchese Ilario che abita l'isola con i suoi fratelli. La vita sull'isola può sembrare il crepuscolo di una condizione ideale, ormai degradata, tra uomo e natura; una storia di tradimenti. Credo invece si debba leggere come una cronaca di giudizi mal calibrati: ciascuno è pronto a imporre il proprio, al di là di ciò che è bene e ciò che è male. Ilario inciampa continuamente in giudizi affrettati. Aleandro, invece, dalla curiosità si abbandonerà all'amore. Aleandro soffre la distanza rispetto alle fantasticherie che incontra e arriva ad amare questo mito tanto terreno senza tuttavia un contatto profondo; sono semplicemente contraccolpi interiori, strazianti, da splendido eroe romantico. Il desiderio fortissimo (e forse inconsapevole) di Aleandro è essere l'ultimo dei suoi.

Il viaggio diventa una condanna silenziosa e spaventosa. Aleandro non ha più riferimenti positivi fra le mani.

“L'Iguana” di Anna Maria Ortese, una vertiginosa confessione

Nell'aprile del 1994, con grande dolore, Anna Maria Ortese cominciò una breve introduzione alla nuova edizione de Il mare non bagna Napoli. Era una confessione attesissima e agognata, più dall'autrice stessa che non dai suoi lettori. La Ortese perse, negli anni, al pari di Aleandro, ogni riferimento che fosse buono e saldato a una realtà accettabile e vivibile. Fuggiva anche lei negli anni, senza voltarsi, per il rischio di doversi giustificare e tornare a tastare un dolore terribile. «Da molto, moltissimo tempo, io detestavo con tutte le mie forze, senza quasi saperlo, la cosiddetta realtà: il meccanismo delle cose che sorgono nel tempo, e dal tempo sono distrutte. Questa realtà era per me incomprensibile e allucinante».

La Ortese soffrì terribilmente la guerra; la sua irritazione ebbe bisogno di occasioni eccezionali per manifestarsi. Il dolore di Napoli e l'illusione di Ocaña sono fratelli; fratelli in un dolore eccezionale.


La prima foto ritrae un'illustrazione di Veronica Leffe. La fonte è qui

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (4 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.