Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

L’epica dei reietti: “Il pianeta irritabile” di Paolo Volponi

Paolo Volponi, Il pianeta irritabile[Articolo pubblicato nella Webzine Sul Romanzo n. 5/2013, La gioia dell’incontro]

Esiste, nella storia recente della letteratura italiana, un momento in cui sono venute a confliggere
e confrontarsi, in un groviglio terribile e miracoloso, numerose istanze concorrenti e complementari. Facciamo riferimento agli  anni Settanta, in cui, già smaltita la sbornia iniziale da miracolo economico, si cominciava a fare i conti con i baby-boomer ormai cresciuti, con compromessi a destra e a manca, responsabilità nazionale, sopravvivenza (oggi diremmo agibilità, forse).
In questa temperie sono nati ed emersi, anche se a corrente alternata e con fortune diseguali, numerosi testi, di cui ci siamo in parte occupati in puntate precedenti di questa stessa rubrica. Un romanzo, targato 1978 e tra i più esemplificativi, pur appartenendo a un genere non naturalistico, o forse proprio grazie a questo, è Il pianeta irritabile di Paolo Volponi.
Lo scrittore urbinate conosceva certo gli snodi dell’industria italiana e altrettanto la promozione culturale irrefrenabile e quasi tumultuosa che veniva propugnata da aziende come l’Olivetti. Non sarà inutile ricordare l'esperienza di uno scrittore e intellettuale come Ottiero Ottieri, con tutta probabilità insuperato cronista della "letteratura di lavoro" nel nostro Paese.
Volponi, dunque, sarebbe stato, in teoria, uno scrittore dal difficile accesso a un genere come la fantascienza, tanto anti-naturalistico quanto crogiolo di invettive, apodittico per un verso, come problematico, introspettivo, speculativo per un altro. Del resto, testi come Memoriale, La macchina mondiale, Corporale, vagavano decisamente per altri lidi.

Il pianeta irritabile si apre, invece, con un incipit che non dona scampo e lascia pochi dubbi: «Piove a dirotto da sempre, senza interruzioni né rallentamenti». In un ambiente palesemente stravolto, subiamo un'improvvisa immersione in un mondo altro, oltre la fine, segnato, andato irrimediabilmente in macerie. Il primo sintomo di questa "eversione geografica", come potremmo chiamarla, è lo sfasamento tra il mondo sensibile e le sue caratteristiche, il modo con cui si presenta agli stralunati osservatori dei quali seguiremo le vicissitudini. In questo futuro, lontano ma forse neanche troppo, e in questo mondo, in cui da qualche parte si può godere della «visione dei ruderi affioranti della millenaria città del Vaticano», oppure di felci che hanno «tronchi dello spessore di una gamba», un quartetto improbabile, da circo (letteralmente), costituito da un nano, Zuppa, un babbuino, Epistola, un elefante, Roboamo, e un'oca, Plan Calcule, attraversa, scalcinato, intemperie imponderabili e improvvise insidie. Romanzo di viaggio, dunque, almeno in apparenza; in realtà, ben più profondo e mefistofelico requiem alla Terra. Giacché, in senso stretto, succede poco, ne Il pianeta irritabile, ma la materia narrata è densissima, quasi inestricabile a tratti, e si alternano avanzamenti rapidissimi, come sulle ali delle parole, ad infossamenti altrettanto straordinari.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Il viaggio dei quattro indomiti è riportato per ellissi continue, per selezione e scarnificazione, attraverso episodi salienti in una "traversata" che, se da un lato ricorda la prima Cantica della Commedia dantesca, dall'altro è di continuo stemperata, annullata, virata in farsa mediante l'uso insistito, e quasi jazzistico, della rappresentazione grottesca.

Per continuare a leggere, clicca qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.