In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

L’elogio della diversità. Intervista a Elena Mearini

L’elogio della diversità. Intervista a Elena MeariniPubblicato da Giulio Persone Editore, si intitola Felice all’infinito il libro di Elena Mearini che ci incanta con una storia dai sapori semplici ma profondi e penetranti, esattamente come sono tutte le cose belle della vita.

Felice è il nome di un ragazzino che frequenta le medie, viene bullizzato dai compagni, vive con la mamma e la nonna, ed è segretamente innamorato di una compagna bella, gentile e buona, ma che sembra irraggiungibile. L’infinito, invece, è uno stato di cose, un’essenza delle cose che si manifesta in determinate circostanze e ha il potere, una volta incontrati gli umani, di renderli migliori, meno agguerriti, quasi più felici.

Bilanciare gli elementi per raggiungere l’infinito è un’arte, un lavoro duro ma possibile, anzi è un obiettivo di cui Felice diventa consapevole quando deve fare i conti con un evento che gli mostra quanto possono essere cattive le persone.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Il ragazzo è sorprendente. Nonostante la vita, le sofferenze, la derisione e l’essere chiamato l’Alieno da parte dei compagni di classe, lui trova sempre un modo per trasformare il nero, l’assenza di colore, in bianco, nella totalità dello spettro luminoso. Felice trasforma la rabbia degli altri in tolleranza racchiudendo l’infinito tra le pieghe di fagottini salati e dolci. È una passione che gli ha trasmesso la nonna ed è ciò che, in qualche modo, gli permetterà di cambiare la propria realtà.

In occasione dell’uscita del libro, l’autrice ci ha svelato qualche dettaglio che si cela dietro alla stesura di Felice all’infinito.

 

In che misura le passioni possono essere ancore di salvezza?

Le passioni hanno la forza della fede, ci portano a credere nonostante l’incertezza e il dubbio del tutto. Sono salvezza perché rappresentano l’orizzonte indelebile, la linea di partenza per un altro domani ancora. Chi vive una passione ha il privilegio di uno sguardo innamorato, capace di scorgere bellezza tra le rovine.

L’elogio della diversità. Intervista a Elena Mearini

Quanto è importante conoscere il proprio posto e non essere un fiore nella cuccia di un cane, per citare Felice?

Il posto giusto per sé ci permette di aderire alla nostra natura, seguire le nostre attitudini, coltivare i sogni esatti nella porzione di terra che ci sorregge, prendercene cura e osservarli crescere. Il proprio posto nel mondo è utile a non perdere mai di vista chi siamo e cosa vogliamo.

 

Che cosa vuole insegnarci Felice all’infinito?

Che sentirsi “diversi” o essere percepiti come tali non significa portare in sé uno sbaglio o un errore, ma uno sguardo inedito sulle cose, capace di mettere a fuoco nuove ipotesi di esistenza. Il “diverso” è colui che più di tutti possiede lo strumento della creazione, l’occhio unico, irripetibile.

 

LEGGI ANCHE – L’alieno triste alle prese col bullismo. Un estratto da “Felice all’infinito” di Elena Mearini

 

Afferma Felice: per essere umani serve fare anche qualcosa di cattivo, altrimenti nella bontà perfetta si è degli alieni. Ho trovato il pensiero di una profondità e semplicità sublimi. Anche lei pensa, come Felice, che cattiveria e umanità vanno di pari passo?

Sì, dobbiamo esperire anche il lato oscuro che ci appartiene, abitarlo, conoscerlo in quanto nostro, per poi essere in grado di domarlo e non lasciare che prenda il sopravvento. Un grande capolavoro della letteratura, Il signore delle mosche di Golding, ci insegna assai bene questo concetto.

L’elogio della diversità. Intervista a Elena Mearini

A dare senza chiedere nulla in cambio si è più simili alle stelle che agli umani, dice. Non è una vision un po’ troppo pessimista dell’animo umano?

No, non credo sia una visione pessimistica ma aderente alla realtà. L’uomo ha bisogno della restituzione in qualche modo, non può prescindere da essa. Ammettere questa urgenza equivale anche a prendere maggiore coscienza dei propri limiti, della propria natura. Vuole dire conoscersi, nel bene e nel male.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

C’è soluzione al bullismo, secondo lei? E, in caso affermativo, quale potrebbe essere?

Non possiamo prescindere dalla convivenza con il male, quindi fenomeni come questi sono arginabili ma non estirpabili in maniera definitiva. Credo sia fondamentale educare i ragazzi alla caduta, insegnare loro che toccare terra non è una colpa néuna vergogna. Elogiare inoltre la fragilità, mostrarla come umanissima fonte di bellezza e creatività, non diminuirla né offenderla mai.


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori e scrittrici.

Per la prima foto, copyright: Kevin Lee su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.