Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

L’arte senza stile, la scelta di Samuel Beckett

L’arte senza stile, la scelta di Samuel BeckettFra le tante fotografie scattate a Samuel Beckett, una in particolare porto sempre nel mio taccuino mentale. È un primo piano del 1930, Beckett aveva 24 anni, il suo volto lungo era meno scavato e i capelli bianchi che sfuggono a ogni presa, con cui siamo abituati a immaginarlo, erano scuri e incastrati nelle maglie di una brillantina che avrebbe placato qualsiasi terremoto emotivo si stesse scatenando negli occhi del futuro drammaturgo irlandese. Nello scatto Beckett indossa occhiali tondi dalla montatura dorata con i quali sembra guardare attraverso l’obiettivo, alla ricerca di qualcosa che il suo Paese e forse la stessa scrittura, così come allora era concepita, non riusciva ancora a dargli. Qualcosa che per lui era importante, necessario, anche se forse non sapeva ancora cosa fosse.

Mi piace pensare che anche i grandi uomini siano dotati di una buona dose di incertezza e di paura da ignorare, altrimenti dove sarebbe la loro grandezza? In quella foto Beckett era alla vigilia di un cambiamento che avrebbe segnato tutta la sua vita e la nostra come lettori. Studiava al Trinity College di Dublino, ma aveva già in mente la creazione del Concentrismo, movimento letterario fondatoda Beckettsotto lo pseudonimo di Jean du Chas che metteva sotto accusa il mondo accademico irlandese.

 

LEGGI ANCHE – Celebrare il genio di Samuel Beckett a Edimburgo

 

Guadando bene nei suoi occhi, possiamo intravedere i riflessi di Londra, dove Beckett arriva nel 1931, sovrapposti a quelli della città che sarebbe diventata la sua nuova patria: Parigi. È qui che scrive il suo primo romanzo, Dream of Fair to Middling Women, che troverà una pubblicazione solo dopo la sua morte all’inizio degli anni Novantadel Novecento. Ed è qui che durante la seconda guerra mondiale inizia a intessere relazioni con James Joyce, Marcel Duchamp e Alberto Giacometti, dichiarando di preferire senza dubbio «la Francia in guerra piuttosto che l’Irlanda in pace».

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

L’arte senza stile, la scelta di Samuel BeckettMa sarà in un viaggio di ritorno da Dublino a Parigi, dopo essere andato a trovare sua madre, che Samuel avrà quella che lui stesso definirà «un’epifania», decidendo che la sua strada da quel momento in poi sarebbe stata quella dell’impoverimento del linguaggio, «del sottrarre piuttosto che dell’aggiungere». Per questo Beckett sceglierà di passare dall’inglese al francese, convinto che scrivere in una lingua straniera potessefarloarrivare a quello che è ormai il suo obiettivo stilistico: «scrivere senza stile […] liberarsi dalla terribile prosa dei romanzi del Novecento». Liberarsi dalle logiche narrative e stilistiche che la lingua madre gli imponeva per arrivare dove i suoi occhi di ventiquattrenne già volevano arrivare: ripulire il personaggio da qualsiasi necessità di trama che inevitabilmente distoglieva l’attenzione del lettore dalle paure e dallo smarrimento che tutti noi spingiamo nel fondo appiccicoso della nostra anima.

Sì, avrei voluto essere fra quei parigini che nel 1953 andarono a vedere uno strano, stranissimo spettacolo di uno sconosciuto autore irlandese al Théâtre de Babylone. Lo spettacolo in questione era En attendant Godot di Samuel Beckett che aveva trovato così una via di fuga dal sistema romanzo per approdare a un «luogo speciale per poter esplicitare il rapporto fra l’esistenza umana e i detriti del mondo[1]». Un luogo dove lo tsunaminarrativo che Beckett auspicava si è già verificato, non bisogna più far accadere nulla, andare da nessuna parte. Per questo i suoi personaggi sono spesso sotterrati (Giorni felici), ingabbiati, menomati (Finale di partita), tutto viene riportato alla parola. Parola che i personaggi beckettiani usano asciugata di ogni riferimento al contesto, al “dopo”, per cercare di osservare l’inosservato, ciò che nel nostro vivere quotidiano ignoriamo, con il solo, maniacale obiettivo, che lo stesso Beckett fa esplicitare dal protagonista de Il nastro di Krapp: «cerca di essere. Cerca di essere!».

 

LEGGI ANCHE – Un Beckett a quasi un milione di sterline

 

A 110 anni dalla nascita di quest’uomo e a 86 dal momento in cui è stata scattata la foto da cui abbiamo iniziato il nostro viaggio di scavo su Samuel Beckett, trivellatore senza sosta del linguaggio, pronto a raccogliere ciò che «si annida al suo interno» quando inizierà a trasudare, sono ancora tanti i ‘forse’ che percorrono la mente del lettore o dello spettatore di fronte alle opereche il grande drammaturgo irlandese ci ha lasciato.

“Forse” necessari, “forse” che sembrano nascondere anche l’influenza di Leopardi, di cui il lettore sentirà spirare fra le pagine dei testi beckettiani l’«immaginavi tu forse che il mondo fosse fatto per causa vostra?» da il Dialogo della Natura e di un Islandese. “Forse” terapeutici perché ci spingono a misurare il nostro contributo al mondo e il significato del nostro viaggio.


[1]Giancarlo Cauteruccio, Samuel Beckett Nel buio del teatro accecante, edizioni Clichy Firenze 2016.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (4 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.