In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

“L'arte di ricordare tutto” di Joshua Foer

“L'arte di ricordare tutto” di Joshua FoerOgnuno di noi, almeno una volta nella vita, ha avuto tra le mani un mazzo di carte: un cinque di fiori, un tre di quadri, una regina di picche. Nella mente di Joshua Foer, queste rappresentano rispettivamente Dom DeLuise, Albert Einstein e la sitcom Cheers (molto amata negli anni Ottanta).
Memoria fotografica, si potrebbe pensare. Ma “la memoria fotografica è una deprecabile leggenda.” (pag. 16)

E allora, come funziona? Come è possibile che esistano persone quali Ben Pridmore, un uomo in grado di memorizzare 1528 cifre a caso rispettandone l’ordine e qualunque poesia gli dessero da imparare?

L'arte di ricordare tutto, tradotto in Italia da E. Valdrè per Longanesi, è un libro bellissimo, che si legge velocemente e con curiosità perché racconta la storia di una persona come tante altre, un giornalista, che, dopo aver assistito alle Olimpiadi della memoria, decide di cimentarsi anche lui nell’arte di ricordare, scoprendo e sperimentando tecniche e metodi nuovi perché “se l’esperienza è davvero la somma dei nostri ricordi e la saggezza è la somma delle nostre esperienze, avere una memoria più efficiente significa non solo conoscere meglio il mondo, ma anche se stessi.” (pag. 14)

Eppure, come aggiunge lo stesso Foer: “Questo non toglie che l’oblio di cui siamo vittime per certi versi è necessario e salutare. Se non dimenticassi gran parte delle stupidaggini che ho fatto, probabilmente sarei un insopportabile nevrotico.” (pag. 14)

Un nevrotico particolare, direi. Infatti, Joshua, classe ‘82, co-fondatore dell’Atlas Obscura, una guida su curiosità e meraviglie del mondo, è il fratello minore di Jonathan, autore, per esempio, di Tutto è illuminato.

Moonwalking with Einstein, questo il titolo in lingua originale, si presenta come il racconto dell’esperienza dell’autore nel mondo della memoria: un anno durante il quale Foer ricerca attivamente e con crescente entusiasmo come una persona ‘normale’ riesca a potenziare il lavoro di quello che, in realtà, è “un muscolo” (pag. 19). Lo fa, prima di tutto, andando a spulciare i libri che riempiono gli scaffali della libreria vicino a casa e mostrando il suo scetticismo per coloro che sembrano vendere soluzioni miracolose quali l’utilizzo dell’“altro novanta per cento del cervello, un cliché pseudoscientifico campato in aria quanto il voler insegnare a qualcuno come si usa l’altro novanta per cento della mano.” (pag. 25)

Foer sostiene che utilizziamo solo una minima parte del nostro cervello, e delle nostre potenzialità. In altre parole, dovremmo cercare di superare i nostri limiti in tal senso, o meglio dovremmo rafforzare la memoria operativa, quella che filtra tra la percezione del mondo e la memoria a lungo termine, anche perché “invecchiando, ci sembra che la vita acceleri perché diventa meno memorabile.” (pag. 91)
“La maggioranza delle tecniche mnemoniche”, invece, “fa in modo di trasformare i dati noiosi immessi nella memoria in elementi così pittoreschi, eccitanti e diversi dalle cose che hai visto in vita tua da renderli indimenticabili.” (pag. 105)

La lettura di questo libro non è stato solo un viaggio attraverso le esperienze eccezionali di una persona qualunque che, con concentrazione, motivazione e tempo, diventa speciale. È stato anche un cammino di speranza, attraverso tutte quelle potenzialità ancora inesplorate che ciascuno di noi ha dentro e che dovrebbe, semplicemente, imparare a conoscere e sfruttare. È bello, questo libro. Contiene una lunga ed interessante bibliografia, ed è pieno di fatti veri, e curiosi.

Il tuo voto: Nessuno Media: 2.8 (4 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.