In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

“L’arte di collezionare le mosche” di Fredrik Sjöberg

“L’arte di collezionare le mosche” di Fredrik SjöbergIl best-seller di Fredrik Sjöberg, L’arte di collezionare le mosche, si è reso disponibile anche in Italia dal marzo scorso, pubblicato da Iperborea nella traduzione di Fulvio Ferrari. Marianna Silvano più di un anno fa festeggiava in Sul Romanzo la pubblicazione inglese di The Flytrap linkando un articolo del «Guardian»; per il libro uscire anche nel Belpaese è stata l’ennesima conferma, soprattutto sul versante della critica: «La Stampa», «Il Mucchio», su «Internazionale». Christian Raimo lo considera, assieme a Nel mondo a venire di Ben Lerner e Gli anni di Annie Ernaux, un campione ideale del meglio della letteratura di questi anni e di quelli futuri, che affonda le radici nell’autofiction. Niente male per un libro che parla – e il suo autore nel testo non manca mai l’occasione per rimarcarlo – di uno degli ambiti di ricerca notoriamente considerato fra i più noiosi in assoluto: l’entomologia.

Prima che la Malaise trap venisse concepita,la vita degli entomologi, oltre che apparentemente noiosa, era pure faticosa. La trappola in questione ha rappresentato e rappresenta una rivoluzione nella caccia agli insetti: avere un punto di riferimento stabile, che produce in un giorno i risultati che un entomologo, con annesso armamentario, impiegherebbe decine di giorni a ottenere, si può facilmente capire come sia di grandissimo aiuto. Lo strumento prende il nome dal suo inventore, Renè Malaise, entomologo svedese diventato quasi una star in patria sul finire degli anni Trenta, in seguito a una spedizione in Birmania e nella Cina meridionale con la moglie, di ritorno dalla quale portò in Svezia un’infinità di specie di sirfidi e altri insetti la cui catalogazione, ci dice Sjöberg, ancora oggi non è terminata. Malaise fu un personaggio al confine dell’inverosimile: viaggi nelle condizioni più difficili, instancabile e appassionato (in verità due caratteristiche imprescindibili per un entomologo), mogli d’eccezione come Ester Blenda Nordström e Ebba Söderhell.

Malaise, le sue due mogli, e altri scienziati che di lui hanno fatto un punto di riferimento, ci accompagnano per tutto il libro, o meglio, accompagnano Sjöberg mentre raccontaL’arte di collezionare le mosche avrebbe l’apparenza di un memoir se non fosse per interi capitoli vicinissimi alla saggistica narrativa, dedicati a Malaise, alla sua invenzione e ai suoi viaggi, combinati a quelli di stampo autobiografico di Sjöberg e della sua vita come entomologo, fatta di solitudine, di realizzazioni personali e domande non facili a cui rispondere.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

 

“L’arte di collezionare le mosche” di Fredrik Sjöberg«"Colleziono sirfidi" è però una risposta pericolosa. Soprattutto non è esauriente. […] In genere il dialogo si svolge più o meno così: "Mosche?!"

"Sì, sirfidi"

"Allora basta che vieni a casa mia, sai. Ce ne trovi a quintali!"

A quel punto mi tocca spiegare il suo tempo. Ci vuole il suo tempo."»

 

C’è un momento, nella lettura di questo libro, in cui tutto cambia: la messa a fuoco della prospettiva da cui lo stai leggendo, il modo in cui Sjöberg ti sta parlando, e cambia pure il modo in cui cominci a considerare le mosche, il significato che sei solito attribuire agli insetti in generale. Si tratta del capitolo La lentezza, in cui Sjöberg racconta la sua relazione con la lentezza tramite la sua esperienza con l’omonimo testo di Milan Kundera, compreso il misunderstanding che l’ha portato alla lettura del libro. Non ho ancora chiaro come avvenga la cosa, ma è come se, dopo poche righe, la sovrastruttura del testo mi fosse apparsa. Non so spiegare nemmeno che tipo di rivelazione sia: è come se si chiarisse il fatto che no, Sjöberg non stesse parlando veramente del collezionismo di mosche, o almeno non solo di quello. Una volta che il dubbio ha preso forma, è fatta: non ho potuto dissuadermi dalla convinzione che questo testo sia un lunghissimo saggio narrativo sulla scrittura. Sjöberg stesso lo ammette: per gli entomologi conoscere più specie possibili, scoprirne le abitudini, è come parlare una lingua. Ogni singolo sirfide raccolto corrisponde a una parola aggiunta nel proprio vocabolario personale, il cui potenziale è a disposizione del collezionista per creare un unico grande romanzo lungo tutta la vita, nonostante come tutti i romanzi prima o poi verrà dimenticato.

O forse no: il testo si chiude con Sjöberg spinto alla follia economica dalla sua ossessione per Malaise. Un uomo maturo, intelligente, padrone di sé, eppure investe una cifra enorme (consapevole del cattivo affare che sta intraprendendo) solamente perché qualche decennio prima un altro uomo, meno equilibrato ma forse più brillante e affascinante, era convinto ne valesse la pena. Che sia questo tipo di gesti a mantenere vivo il ricordo di una persona e della sua arte? Quando ho chiuso il libro me lo sono chiesto, rispondendomi che probabilmente non avrei mai conosciuto una persona come Malaise se non avessi letto Fredrik Sjöberg e il suo L’arte di collezionare le mosche.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.