Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

L’amore capovolto a vent’anni. Intervista a Corrado Fortuna

L’amore capovolto a vent’anni. Intervista a Corrado FortunaL’amore capovolto (Rizzoli) s’intitola il nuovo romanzo di Corrado Fortuna, già noto al grande pubblico per la sua partecipazione in qualità di attore a film come My Name Is Tanino di Paolo Virzì, Baarìa di Giuseppe Tornatore, To Rome with Love di Woody Allen.

Al centro del libro due coppie di giovani innamorati: Marta e Giacomo, due ventenni negli anni Novanta, e Tino e Adele, ventenni all’epoca della Resistenza. Nel ben mezzo di una crisi di coppia Giacomo s’imbatte nelle lettere di Tino e Adele e da qui la sua delusione d’amore inizia a prendere una piega un po’ diversa.

Proprio di questo, così come del suo interesse per i ventenni e per la Resistenza, abbiamo con Corrado Fortuna nell’intervista che ci ha gentilmente concesso.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Comincerei dal titolo. In genere siamo abituati a pensare al contrario dell’amore, spesso identificato con l’odio o l’indifferenza. Ma cos’è l’amore capovolto?

Quando Giacomo trova le lettere di Adele e Tino, scopre il loro amore: quello romantico sì, ma anche quello per la libertà, per la sperata e imminente democrazia, e se ne innamora, così come del loro spirito di sacrificio per liberare il paese. Anche loro hanno diciotto anni come lui, e come ci ha raccontato Calvino nella guerra partigiana c’è anche tanto senso d’avventura, c’è un che di picaresco; l’Italia è stata liberata da un pugno di ragazzi. Giacomo ha la sensazione di camminare su un pavimento di vetro, dove invece di vedere riflessa la sua delusione d’amore, vede le avventure di Tino e Adele. E questo amore capovolto è la chiave di volta della sua formazione.

L’amore capovolto a vent’anni. Intervista a Corrado Fortuna

Marta e Giacomo, una coppia sul finire degli anni Novanta. Tino e Adele, un’altra coppia ma in piena Resistenza. Da dove nasce la scelta di far dialogare due momenti storici che sembrano così distanti nel tempo, nonostante li separino poco più di cinquant’anni?

Dalla voglia di raccontare quell’età in cui si comincia a intravedere la persona adulta che si diventerà. E dal cercare di capire quanto e come si è diversi o uguali se il tempo e le condizioni sociali, ambientali e politiche cambiano in modo così drastico. Giacomo si trova spesso a riflettere sulla guerra in generale; da quella che vive lui attraverso i movimenti contro quella in Kosovo e in Iraq alla seconda guerra mondiale che studia sui libri di storia e leggendo le lettere di Tino e Adele. La storia delle guerre sembra essere senza tempo. E sempre Giacomo si chiede quale ne sia il senso, la necessità. La sua storia potrebbe essere ambientata anche ai nostri giorni, ho scelto gli anni ‘90 per avere la giusta distanza dagli eventi e anche perché sono stati gli anni in cui anche io avevo vent’anni.

L’amore capovolto a vent’anni. Intervista a Corrado Fortuna

Cosa possono dire queste due coppie ai ventenni di oggi sull’amore e sulla vita?

Che è l’amore l’unica via. Per le proprie idee, per la giustizia, per la libertà quella vera, per le persone. Solo così potranno avvicinarsi alla felicità.

 

I protagonisti dei suoi libri sono giovani adulti, al punto che mi sembra si possa dire che l’altra grande protagonista dei suoi libri è quell’età che segna il passaggio dalla giovinezza al mondo adulto. È solo una vicinanza anagrafica oppure c’è qualcosa che le interessa particolarmente in quest’età di passaggio?

Quello che dicevo prima: ritengo che a vent’anni si intraveda, si capisca e si scelga il genere di adulto che si diventerà. Mi piacciono gli imperfetti, i sbagliati, quelli che perdono le staffe e passano dalla parte del torto, mi piacciono gli esseri in divenire, quelli che non sanno bene interagire con il mondo, ma che bramano di imparare come si fa, che desiderano placare quel fuoco nel petto. “Quell’ovosodo che non va né in su né in giù” per citare Virzone.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Lei approda alla scrittura dal cinema. Nel mondo dell’editoria ha dovuto fare i conti con qualche pregiudizio?

Qualche milione. Ma credo sia comprensibile, è lo stesso pregiudizio che ho io rispetto a tante cose, tante persone, qualche autore non “puro” come me. Quando sento quel pregiudizio nei confronti di altri e poi leggo i loro libri spesso mi dico di aver avuto ragione ad averlo, quel pregiudizio. Poi invece tante altre volte c’è la sorpresa. Ci vuole pazienza, e c’è bisogno di lavorare tanto e seriamente. E se i miei libri valgono qualcosa per davvero prima o poi se ne accorgeranno anche i più prevenuti come me.

 

Le confesso, in chiusura di intervista, di avere molto amato il prologo di L’amore capovolto. A questo punto mi permetto di chiederle di soddisfare una mia curiosità: ha cominciato scrivendo il prologo, oppure la sua redazione è successiva alla prima stesura del romanzo?

No, ma nemmeno è successiva alla prima stesura. Ho avuto a un certo punto della scrittura la visione di questo “visitatore immaginario” del quale non dico di più per non svelare troppo a coloro (quei pochissimi italiani) che ancora non hanno letto.


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori e scrittrici.

Per la prima foto, copyright: Andrew Avdeev.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.