Corso online di Scrittura Creativa

Corso online di Editing

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

L’amore al tempo di Meetic, o sulla nuova Commedia umana

Amore internetUna cosa che a me piace: consultare i profili personali in quei siti dove ti promettono l'amore, il sesso per il sesso, l’eterna felicità dei giusti.

Nelle pagine maschili io, però, non posso entrare, a meno che non crei un profilo femminile fasullo, che è una cosa che mi ripropongo sempre di fare. Ma anche solo leggere ciò che le donne scrivono di sé – e non scrivono molto, ma quel poco è più che sufficiente – è un'esperienza che consiglio a tutti. Una buona alternativa all’ennesimo giallo svedese se non altro. Che ormai riescono a infilarti anche all’interno del Kebab.

Basta andare su un sito come Meetic, quindi registrarsi dopo aver compilato un breve questionario. Oltre a una svelta mappatura antropometrica – statura, occhi, capelli, gruppo etnico di appartenenza (è su questi siti che ho scoperto di essere "caucasico") – vengono richieste sono alcune informazioni di carattere generale. Ad esempio, hobby, interessi, titolo di studio, sport praticati, lingue conosciute, religione, abitudini alimentari o di altro tipo, come il fumo. È possibile utilizzare le stesse indicazioni per la persona cercata, tanto da poter includere solo persone di un certo tipo. Maschi caucasici e oltre il metro e ottanta e con gli occhi azzurri come Leonardo di Caprio, per dire. Oppure, compresi in un determinato range di età, che ormai anche le donne non disdegnano inferiore al proprio.

Nel complesso ciò che risulta dalla lettura di un profilo completo, è una buona sintesi della persona. Più che un compendio psicologico direi, però, antropologico, cioè di appartenenza a qualcosa come una tribù sociale, che include comparti umani tendenti a un’orgogliosa estraneità. Indicazioni che si precisano ulteriormente quando viene compilato anche uno spazio discrezionale, in cui la donna o l'uomo – chiamiamoli provvisoriamente “i candidati" – hanno la possibilità di rilasciare una sorta di dichiarazione spontanea, come l'estremo appello agli elettori nella campagna elettorale.

In questo genere di contesti, in effetti, il senso è un po' quello: autopromuoversi, fare marketing di sé. Per collocarsi, infine, quali oggetti unici o provvisori del desiderio. Ma, a questa prima e ovvia costatazione va aggiunta una precisazione che non era così scontata: le donne – i maschi, come ho detto, non so cosa scrivono – più che un’opera di persuasione agiscono di frequente in senso opposto, cioè per via di una dissuasione, anche vibrante. Ad esempio: “komunisti, intellettuali e morti di fame (termini qui utilizzati come sinonimi) girare al largo, non c’è trippa per gatti”; “no uomini senza laurea e che non siano professionalmente affermati, solo persone di una certa classe, grazie”; “se sei bruttino e con gli addominali flaccidi non fai per me, vattene, smamma, chi ti vuole!”.

Affermazioni anche brutali, certo, ma se le riformuliamo in termini di strategia delle vendite, probabilmente, non significano altro che il buon senso di chi ha compreso come le proprie risorse siano quantitativamente limitate. Quindi, vanno promosse secondo i parametri commerciali degli oggetti di lusso, destinati a un’elite che, prima di tutto, deve percepirsi come tale, in una sorta di ossimoro che porta al conformismo dell’unicità, come gli slip di Dolce e Gabbana. Da qui una spietata selezione del target, per poter allocare la merce solo a una clientela che è sì generica, ma allo stesso tempo esclusiva, differenziata, selezionata secondo i canoni della tipizzazione letteraria (per non dire dei semplici stereotipi).

L’idealtipo sentimentale, così come emerge con forza dai siti web attrezzati allo scopo, si caratterizza attraverso un processo di esclusione progressiva, di connotazione sottrattiva, non contenendo una denotazione mirata e consapevole che faccia da sfondo al desiderio, la quale sia ricavabile dall’esperienza. L’unica esperienza, che qui intuiamo, è quella dei modelli spettacolari e di consumo, a cui accostarsi per opposizione. Vengono, insomma, ricalcate le forme di una “teologia negativa”, in cui il divino acquista consistenza nella successiva elencazione di quel che divino non è. O, più modernamente, non possiamo non cogliere l’eco dei famosi versi di Montale: "Codesto solo oggi possiamo dirti, \ ciò che non siamo, ciò che non vogliamo...".

Dopo una buona mezzoretta di lettura in siti web come Meetic, si finisce così con l’avere l'impressione di essere rifiutati. Ci si sente respinti, scartati come uomini ma, soprattutto, come maschi, come macchine riproduttive tendenti all’obsolescenza. Addirittura, ciò che viene liquidato è una sorta di testimone che segni la continuità storica e civile – tutto ciò che non è il mio Lui è contro di Lui, dunque contro di Noi – lasciando emergere la sagoma di una neo-umanità che ha rinunciato a ogni vincolo di appartenenza, se non quella a un’immaginaria fotocopia di sé, di genere solo invertito. Ciò che viene ricercato dalla prevalenza delle donne su Meetic è un maschio che le replichi, prima ancora che integri, certe che gli altri maschi sono privi di qualsiasi interesse, se non ostili.

Questa particolare condizione io non saprei come altro chiamarla se non letteratura. Con ciò intendendo il senso complessivo di un’epoca che progressivamente emerge dalla voce di infiniti personaggi, i quali, raccontando di sé in poche, pochissime battute, riescono a dire ben oltre a sé, esorbitando il singolo tassello nell’immagine del puzzle. Potremmo addirittura azzardare che questi siti web siano l'equivalente moderno della Comédie humaine di Balzac, assai più efficaci nell’opera di rappresentazione storica e sociale di quanto potrebbe riuscire a un moderno narratore, anche conscio e stilisticamente virtuoso.   Però qui il risultato viene raggiunto seguendo percorsi non intenzionati, accidentali e realmente spontanei, senza alcun burattinaio nell’ombra vellutata delle quinte. Potremmo chiamarla “autogenesi romanzesca”.

Pensiamo a due autori diversi che si cimentano in una scrittura estremamente attenta ai mutamenti sociali – definiamola in via provvisoria “antropologia pop” – come Niccolò Ammaniti e David Sedaris. Le loro pagine sono spesso forzate in semplificazioni ironiche, unghiate espressioniste ai colori lanciati con vivido sfarzo sulla tela. Il tutto in funzione della rappresentazione di una socialità franta, un’umanità frazionata e avversa, idiosincratica. Un mondo radicalmente nuovo che presenta, però, anche numerose ricorrenze, personaggi o meglio ancora caratteri che richiamano le macchiette sgangherate della commedia di costume, tanto che la scelta del registro sarcastico non è del tutto impropria. Eppure l’impressione è che un unico registro non sia adeguato a contenere il tema.

Ma adesso vediamo, a puro titolo di essay, come lo stesso tema potrebbe essere svolto da altri due “autori”, ma questa volta ignari di produrre letteratura. I loro componimenti narrativi – perché davvero si tratta di narrativa, di racconti, di  frammenti di romanzo – li ho estrapolati quasi casualmente da Internet. Il primo corrisponde a uno tra le migliaia di profili presenti su Meetic, mentre il secondo è preso da un’agenzia matrimoniale online. Attualmente, Meetic, società francese quotata di borsa, dichiara di avere decine di milioni di iscritti in tutto il mondo, tra cui  me e “disarmante_67”. La quale disarmante ci comunica di avere 42 anni ed essere di Treviso, così continuando nella propria presentazione:

"odio ipocrisia e falsità, sono sincera e diretta, un pò bastarda dentro e molto fuori, disarmante ma dolce e sensibile, che dire...uno spettacolo della natura...il mio uomo ideale deve darmi l'emozione in un sorriso, quindi chi è senza denti vada pure prima dal dentista. sono appassionata di sport ( W MILAN ), moto ( la mia DUCATI MONSTER 696) e auto, ricamo e uncinetto non fanno per me. sono molto alta, astenersi i piccoletti i fumatori e gli psicanalisti fai da te che vogliono insegnarti come si vive la vita...sorry.”

Ecco, credo, a questo punto, che sia piuttosto chiaro cosa intendessi con la nozione di autogenesi romanzesca. In poco meno di otto righe, disarmante_67 è riuscita a imbastire la struttura elementare di un romanzo. Il  protagonista: un personaggio a cui davvero non manca nulla. È presente sia uno sfondo sociale e culturale (il Milan, le moto Ducati, le automobili scattanti)  che un nucleo psicologico riconoscibile, improntato a un vitalismo vagamente mascolino, oltre che a un compiaciuto ed esibito cinismo: ”bastarda dentro e molto fuori”. Ma disarmante_67, per essere un personaggio credibile, non può farsi limitare da un solo carattere. E, infatti, è anche tanto dolce e sensibile, “uno spettacolo della natura”. Come Lupo de Lupis, che è lupo, sì, ma pure tanto buonino.

Ora andiamo a vedere cosa, invece, dice di sé Anna, le cui parole, quasi sussurrate, ho   ritrovato sulle pagine online dell’agenzia matrimoniale Duedicuori:

"SUSY 18enne. Vivo con la mia bimba. Abbiamo una casa nostra, ma fuori c’è un mondo che ci spaventa, vorrei accanto un compagno dolce e sincero che ci accompagni e ci protegga. Abbiamo tanto amore da donare, telefonaci.”

Anche qui, cosa aggiungere… Letteratura! Ma a differenza del frammento precedente, il personaggio Anna viene a delinearsi attraverso una sintassi piana e discorsiva, il dettato è dolente e sommesso. Da cui ricaviamo un pungente quadretto di precarietà umana e affettiva. Utilizzata, però, a ben vedere, anche in chiave strategica e sottilmente ricattatoria. Con tutta evidenza, Anna sta cercando di suscitare pena nel potenziale acquirente, così da ottenere l’affetto e la protezione che desidera per sé e per la sua bimba. E lasciando provvisoriamente perdere l’ipotesi che il testo sia stato compilato dall’agente matrimoniale stesso, assai più esperto nel marketing sentimentale. In ogni caso, un tono e un genere del tutto diversi dal precedente annuncio. Al punto che Anna e disarmante_67 difficilmente potrebbero avere un ruolo dialettico all’interno di un romanzo tradizionale. Mentre qui, sul web, non solo convivono, ma si potenziano reciprocamente nella rappresentazione dell’amore al tempo di Meetic.

Sergio Lai Donna InsoddisfattaOltre ai due personaggi appena incontrati, ne abbiamo  a decine; anche se non forse a migliaia, già che, come abbiamo visto, l’umanità tende a disporsi entro un certo numero di ricorrenze.  Ecco, così, profilarsi la figurina esile e scontrosa della dark lady corrucciata, che ama l'esoterismo e disprezza i "borghesi"; quella ilare e solare di chi dichiara la sua passione per la nutella e i gattini arruffati; l'altra, che non ha tempo nemmeno di eseguire la correzione ortografica del proprio annuncio, che vuole semplicemente piazzarsi con un buon partito; diversa ancora è la sportiva compulsa, che ricerca un muscolato compagno di cyclette; c'è perfino l'intellettuale, che in un’agile e maliziosa paratassi dispiega la finezza della sua sardonica cultura, adornandola con squisite citazioni da romanzi Adelphi. Ma le citazioni statisticamente più ricorrenti rimangono quelle da Coelho, Gibran e dal sempreverde gabbiano Jonathan Livingston.

Addirittura, una volta, su Meetic, ho trovato una ragazza che voleva corrispondere unicamente con uomini in divisa, scopo matrimonio. Qualsiasi divisa andava bene, anche da portiere d’albergo o metronotte. E uno già se la immagina con i capelli corvini e scarmigliati dal vento, come il personaggio di un romanzo di Liala ambientato negli anni trenta e quaranta. Sola, al bordo di un laghetto, il rombo cupo degli idrovolanti, mentre attende che ritorni il bell’aviatore in missione.

Ma alla fine, dopo un’indigestione di personaggi letterari appena abbozzati, spesso naif, che si unisce all'euforia per aver trovato una cornucopia che assicura la rigenerazione dell’offerta erotica ad oltranza – la speranza che ci scappi un grande amore anche per noi, o una scopatina… – ciò che rimane è un dubbio più dolente, che potrebbe forse essere riassunto a questo modo: ma si possono ancora chiamare italiani, stare dentro lo stesso contenitore linguistico, prima ancora che istituzionale e civile, uomini e donne che si ringhiano ostili e incanagliti dalle pagine di un sito web, alla ricerca di una minima provincia sentimentale in cui rifugiarsi, disinteressati e avulsi a tutto il resto? Un’umanità che, come Anna, ormai desidera unicamente rinchiudersi in casa propria, perché là fuori ci sta un mondo che spaventa. Un mondo da cui, in alternativa, scappare a cavallo di una Ducati Monster 696, gridando viva Milan e abbasso i fumatori, i piccoletti, abbasso tutto e tutti, tranne che me e Lui. E tanto meglio se Lui avrà qualche mostrina scintillante, sopra a una divisa appena stirata con l’appretto.

___________________

Si ringrazia Sergio Lai per la gentile concessione della seconda foto che raffigura il suo dipinto dal titolo: “(Sviluppo di un delirio paranoico di) una donna insoddisfatta di se stessa che si guarda allo specchio”.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.3 (7 voti)

Commenti

Meetic contiene diversi profili FALSI di ragazze.
Tra quelle vere, solo una infinitesima percentuale è online, di queste solo una minima parte è disponibile a rispondere ad un messaggio chat, nonostante discrezione ed educazione.
Alle mail solitamente non rispondono, anche qui indipendentemente dal tipo di messaggio.
Se rispondono, ovviamente a monosillabi.
Meetic è come la formula di Drake per individuare le possibili civiltà aliene nella nostra galassia.
Buona fortuna, e speriamo che un giorno le ragazze tornino alla loro vita reale e non più solo virtuale.

Complimenti davvero all'autore di questo articolo. Mai letta una descrizione tanto esaustiva dell'universo femminile on line che ben conosco.
Devo confermare che effettivamente il più grosso limite dei siti come Meetic è quello delle tante donne che vogliono solo puntare sul sicuro selezionando un loro "clone", magari fisicato e con buona "dote" pecuniaria . Mi pare che i risultati però latitano. A distanza di due anni ho ritrovato su Meetic molti volti noti e sempre con le stesse pretese. Mai il dubbio che forse sia proprio sbagliato il modo di porsi e il tipo di uomo che vorrebbero "selezionare" (mai termine fu più adatto) . Chiaramente, visti i numerosi paletti, inutili preamboli e vincoli vari, la comunicazione è praticamente paralizzata o basata palesemente solo su ciò che vedono in foto. Come da tutto questo si possa pensare di giungere ad una relazione degna di essere tale, per me è un mistero. Anni fa pensavo che in qualche modo internet offrisse più opportunità, oggi mi ritrovo a pensare che per fortuna la realtà non è esattamente come internet , ma non è che siamo poi così lontani.
Dimenticavo, qui si parla di donne adulte. In fondo da una ragazza di 20 anni posso anche aspettarmi determinati atteggiamenti. A 40 anni ,invece, si rasenta il patologico. Grazie per la interessante lettura.

Non mi sono mai iscritto su Meetic, ma vedo che la situazione è molto simile alla community di Libero che invece conosco troppo bene. Semplificando la donna media contatta in primis due tipologie di uomini: romanticoni che fanno un discreto impiego di frasi da Bacio Perugina e presunti uomini di alto livello socio-economico. E' sufficiente che entrambi dicano di essere alla ricerca della propria donna ideale e che facciano sfoggio di un certo stile femmineo e mellifluo. La cosa che mi ha lasciato davvero perplesso è che, dopo che io stesso avessi aperto una scheda da presunto manager romantico, che potevo permettermi il lusso di scrivere qualsiasi castroneria, che l' interlocutrice non batteva ciglio.
Dovrebbe essere evidente che questa farsa sia imbastita solo a prenderle in giro, a mò di studio sociologico, o semplicemente a cercare di portarle a letto finchè dura la recita; ma a quanto pare a queste donne va bene così, prigioniere forse dei propri schemi mentali.

Complimenti all autore dell articolo,mi scuso anticipatamente per l assenza di accenti ed apostrofi,tastiera in arabo.Chissa perche leggendo certe cose mi viene in mente Paolo Villaggio,non mi ricordo in quale Fantozzi,sottoposto ad una minuziosa visita medica prima dell appuntamento organizzatogli da un agenzia matrimoniale.Ma non e che un profilo sia l equivalente di un testamento morale?del tipo,io sono Tizio o Tizia e MI vedo sensibile,o simpatico,o sciupafemmine,o mangiauomini ecc,e siccome queste mie caratteristiche non mi vengono attribuite spesso come vorrei,ve lo dico io sul mio profilo,e vorrei essere ricordato-ricordata in questo modo?Oppure,ipotesi numero due,magari e un po come l omosessualita repressa,il mio essere,che ne so io,artista genialoide,trova troppe barriere nella vita di tutti i giorni(lavoro,famiglia,mariti,fidanzate,concubini,conto in banca esiguo...),mi trovo un posto dove potergli dare libero sfogo e quindi,continuando il parallelismo,i pantaloni in cuoio si trasformano in quadri postmoderni,le parrucche bionde in dischi di Devin Townsend e le paillettes in sculture in riciclato da mostrare alla parte di mondo dove magari qualcuno possa apprezzare,e come fuori dal blue oyster torno un pacioso padre di famiglia,fuori dalla chat torno il bidello-fisioterapista-cassiera del supermercato...Anche perche o la popolazione italiana si e centuplicata ieri,o gli iscritti sono la stessa gente che si incrocia ogni giorno in giro,magari la sensibilevulnerabilecoerente di turno e la stessa che te la da ubriaca in discoteca e il hovogliadiunastoriaseriasonostufodisveltine puo essere il mignottaro che la cerca a tariffe piu accessibili la domenica notte,e comunque,visto che cosi,girando in giro per qualsiasi citta italiana e non,non e che si rimane stupiti per chissa che gente che si distingue dalla massa(altri termini piuttosto inflazionati all interno del sito),si possono sintetizzare le varie frasi ad effetto,citazioni colte(o sterile retorica,vedete voi...),nonche veri e propri crimini perpetrati contro l idioma italico(e non solo,epico strafalcione di una tizia che nel suo profilo asseriva di non essere interessata ad un TROMBEUR de femmes) in tre parole:B L A , B L A , B L A!!!Comunque io mi ci sono iscritto un mese che era agratis anche per noi maschietti,oh,qualche scopatina ce la si rimedia pure,pero e fisiologico mentire,gia se sei sposato e lo dici ti togli il novanta per cento delle possibilita,un altro otto se ammetti che vuoi solo il roseo frutto dell amore,ed il rimanente due e un incognita.Quindi ancora piu arduo scindere chi ci e da chi ci fa,paradossale il fatto che quelle che l hanno smollata al secondo appuntamento siano state quelle che si dichiaravano concentrati di virtu alla ricerca dell amore eterno,per intenderci la ragazza acqua e sapone che non beve,non fuma,non bestemmia e che la botta e via e per le altre,a me non serve.Menzione di disonore per i rivoluzionari della domenica che mettono cose tipo foto di che guevara(non faccio nomi ma se c e ancora andatevi a vedere il profilo di quella tipa che sembra un tipo e ditemi se non vi viene voglia di emigrare lontano lontano,che so,su Marte...mi sono disiscritto da piu di un anno ma certe cose ti rimangono impresse),ma cazzo,un minimo di dignita,non lo sapete che iscriversi ad un social network equivale a schedarsi?cioe,niente di male,ma certe sparate evitatele.Devo comunque ringraziare quel sito,mi ci sono iscritto in un periodaccio in cui mi andava tutto male,sia dal punto di vista lavorativo che da quello personale e la bottiglia era diventata mia inseparabile amica,dopo aver letto la quantita e la micidiale portata delle scemenze edite da alcune eminenze presenti nel sito in questione ho iniziato a sentirmi un fenomeno ed ho rimesso a posto tutta la mia esistenza.Spero di non essermi dilungato troppo,un saluto!

Uno squallore infinito

In effetti sta emergendo un quadro femminile disarmante e raccapricciante, soprattutto per quella generazione di quarantenni o giù di lì che sono ancora senza né arte né parte, che credono di essere adolescenti ai loro primi amori e per cui magari l'avvenenza fisica le sta ancora graziando.
Mi viene così da pensare a volte, anche se non è un problema mio diretto (indiretto sì visto che sto cercando una compagna di vita, anche sfruttando questi siti) su quale futuro stanno puntando nel momento in cui a 50 anni, sole, improvvisamente sfigate e con ancora un mutuo sulle spalle, si troveranno a dover tracciare già un bilancio di vita, magari positivo fino ad allora, e un budget per gli anni a seguire che deve solo cercare di evitare il completo fallimento...di vita
La mia opinione, che tenta in extremis una rilettura meno drammatica, è che la presenza su siti come Meetic sia in buona parte di donne in cerca di divertimento fugace ma che hanno una vita di coppia già avviata oppure in cerca di vetrine "professionali" e per le quali sicuramente siti come Meetic sono strumenti altamente efficienti ed efficaci...certo sempre "antropologicamente" squallido ma meno drammatico. Sarà veramente così?

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.