In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

L’America con gli occhi di Tiziano Terzani

L’America con gli occhi di Tiziano TerzaniIn America, pubblicato da Longanesi, si presenta come una ricca raccolta di articoli scritti da Tiziano Terzani durante il periodo in cui ha lavorato e vissuto in America, prima di diventare una delle menti più acute che l’occidente abbia conosciuto.

Trasferiamoci per un attimo nell’America di fine anni Sessanta primi anni Settanta, dove un giovane borsista – Tiziano per l’appunto – si trasferisce con la moglie, subito dopo il matrimonio e dopo un importante lavoro in Italia commissionatogli dalla Olivetti. Da subito incuriosito e colpito dalle rivolte e dalle proteste interne agli States, decide di iniziare a raccontare e pubblicare per dei giornali la quotidianità che si trova a vivere e le dinamiche interne di un paese profondamente frantumato, nella sua contraddittorietà e dove le statistiche vengono falsate in vista delle imminenti elezioni politiche.

Sin da subito le parole da lui scritte sono taglienti e, unite insieme, si trasformano in una vera e propria denuncia al vetriolo, che fondamentalmente prende di mira le manovre militari statunitensi nei Paesi orientali, sbugiardando quella politica secondo la quale solo con la guerra si può imporre la pace; non solo, racconta di come le proiezioni economiche, il numero degli invalidi civili e delle vittime mietute oscillino inspiegabilmente a servizio delle esigenze di questo o quel partito politico.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Scriveva il latino Tacito:«Ubi solitudinem faciunt, pacem appellant»;forse questa è la sententia che meglio riassume uno dei discorsi più accorati della letteratura, fatto volutamente pronunciare da Calgaco per portare alla luce l’atroce politica imperialistica romana e dal significato molto semplice: «Dove fanno un deserto, lo chiamano pace». A distanza di secoli potrebbe essere applicata la stessa frase in tutt’altro contesto, per scopi che Terzani analizza con occhio critico e puntualmente, riscoprendo l’America.

L’America con gli occhi di Tiziano Terzani

Confluiscono, in questo appassionato lavoro di ricerca e comparazione di dati da parte del giornalista-lettore, anche le esperienze passate in Sudafrica, un continente in piena lotta contro l’apartheid e che pertanto lo sensibilizza notevolmente verso l’operato svolto da Martin Luther King. Attraversando l’America, descrive più o meno approfonditamente le caratteristiche di ogni singolo Stato, affiancando così alle lunghe ombre che si protraggono fino al nuovo millennio gli exempla di personaggi positivi capaci di incidere nella cultura collettiva.

Bisogna però cogliere la valenza sempre attuale dei dati lasciati in questi fiumi di inchiostro, tra lo spazio bianco lasciato da intere righe va cercato il senso per cui questo libro abbia una grande potenzialità qui e ora: si legge la voglia di costruire un futuro migliore e lasciamoci insegnare qualcosa dalla storia, ogni tanto.

L’America con gli occhi di Tiziano Terzani

Proprio di storia e del ruolo che deve avere si è tanto sentito parlare in questi giorni, ed è proprio la storia protagonista di questa raccolta. Salvatore Tramontana, nell’introduzione di uno dei suoi libri afferma chiaramente: «Chi invece si interroga in modo istintivo e passionale per avere risposte a domande preoccupato non di capire, ma di trovare un colpevole, non può rivolgersi alla storia. […] Non è infatti un tribunale: essa non ha il compito di incriminare o discolpare qualcuno ma di offrire paradigmi interpretativi. […] La storia si crea nell’atto stesso dell’interpretazione ed esposizione delle testimonianze dei fatti. [...] L’unica certezza della ricerca storica non può dunque che essere il dubbio, la saggezza dell’incertezza di cui parla Milan Kundera».

Quello che ogni giorno ci chiede la storia coincide con la chiave di lettura di questo libro: essere persone consapevoli dell’incidenza del proprio operato e possedere la capacità di saper ragionare su lunghe distanze, lasciando il posto anche alle incertezze nella società della pseudo-certezza assoluta. Dobbiamo però partire o ripartire dal nostro presente, essere artigiani del nostro stesso destino, usando la debolezza e la fragilità come valore aggiunto alla preziosità del tempo.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

A chi è indirizzato questo libro dunque? Ai nostalgici di futuro, dove nostalgico va inteso nel suo senso più profondo: νόστος ritorno e ἄλγος dolore, augurando a tutti che si ritrovi la speranza nel e del futuro perché in fondo – mi permetto per concludere di citare un articolo di Alessandro d’Avenia – «La parola “futuro” richiede immaginazione e non violenza, deriva infatti da una forma latina del verbo essere che indicava semplicemente «ciò che sta per essere». Ma sta per essere, cioè raggiungere la sua pienezza, solo ciò che al presente contiene tale premessa: il seme è la premessa del frutto, il lavoro dell’uomo la sua promessa».


Per la prima foto, copyright: frank mckenna.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (8 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.