Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

L’allarme ebola nei tweet degli italiani: una ricerca dell’agenzia WatkinsMedia

EbolaIl 2014 è l’anno della diffusione dell’allarme del virus ebola nei tweet degli italiani. Lo afferma uno studio condotto da WatkinsMedia, think thank digitale pugliese con quartier generale con sede a Bari, che ha raccolto, categorizzato e analizzato tutti i tweet in lingua italiana contenenti la parola ebola condivisi sulla piattaforma di microblogging tra l’1 gennaio e l’8 ottobre 2014, grazie al software di digital monitoring offerto da Brandwatch, società leader nell’internet intelligence, già protagonista in analisi di questo genere a livello internazionale, dai London Riots del 2011 al lancio di Spotify negli Stati Uniti d’America. Nel periodo indicatosono complessivamente 149 281 i tweet degli italiani contenenti la parola “ebola”, secondo l’agenzia WatkinsMedia.

Pur crescendo progressivamente nel corso dei mesi e pur registrando volumi importanti a cavallo dei mesi compresi tra aprile e giugno, l’interesse su Twitter verso la questione ebola resta modesto. È a partire dal mese di luglio che il volume di tweet al giorno cresce a dismisura superando frequentemente la quota dei 2500 tweet al giorno e non scendendo mai sotto il tetto dei 1000 tweet/giorno. Il primo picco è dell’8 maggio, con 441 mention della parola “ebola” nel giorno delle dichiarazioni di Matteo Salvini sul legame tra immigrazione, ebola e tubercolosi. Del 21 maggio è il secondo picco, con 432 mention della parola “ebola” nel giorno delle dichiarazioni di Le Pen sulla malattia come soluzione al problema immigrazione. È evidente che in questa prima fase sia tutta politica e a tratti xenofoba la discussione sull’ebola.

«I social network rappresentano oggi un punto di vista privilegiato sulla nostra società, sono il luogo virtuale in cui milioni di italiani esprimono quotidianamente pareri, sentimenti, giudizi, impressioni – spiegano Matthew Watkins e Marco Sebastio curatori della ricerca – sebbene conti meno iscritti, Twitter rispetto a Facebook, poggia le basi su una rete sociale incentrata su temi (anziché su rapporti) e su contenuti condivisi in grande maggioranza pubblicamente (anziché entro cerchie). Ciò ha reso Twitter una sorta di simulacro della pubblica opinione. Sebbene la popolazione attiva su Twitter non sia demograficamente corrispondente alla popolazione italiana, Twitter resta oggi pratico strumento di indagine sui processi socio-comunicativi in atto».

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Dai tweet degli italiani emerge chiaramente che il virus è derubricato a un problema “dell’altro”, da debellare o da tenere fuori dai confini, mentre è assente il concreto tentativo di comprendere il fenomeno da un punto di vista medico-scientifico. Un atteggiamento psicotico e ben lontano dalla ricerca di informazioni utili a una comprensione adeguata del fenomeno: altro dato da tenere in considerazione sono le fonti informative che si riducono qui a blog genericamente anti-sistema (informatitalia.blogspot.itbastacasta.altervista.compiovegovernoladro.info). Quando ad essere condivise sono invece fonti più autorevoli, i pezzi di cronaca più twittati sono riferiti a esternazioni populiste ad effetto.

Nella seconda fase, da segnalare un nuovo picco di mention che si raggiunge il 12 agosto, all’indomani del decesso del missionario spagnolo infettato dal virus e dell’autorizzazione dell’OMS all’uso di farmaci sperimentali. La vittima non è più un generico “altro”, ma un occidentale: nel corso della giornata saranno complessivamente 3370 i tweet sul tema. Dopo la smentita del primo caso italiano nelle Marche, va scemando lentamente il volume di tweet su ebola, fino al 29 settembre. E si arriva alla cronaca di queste settimane. I 42 867 tweet dal 30 settembre al 8 ottobre generano un picco nel volume delle conversazioni che è segnale tangibile di una psicosi divenuta vero e proprio allarme.

Cambia la consapevolezza e la conoscenza del virus, eppure resta etnocentrico l’approccio alla questione, come dimostra il grande uso delle parole USA, Spagna e Madrid, le più menzionate nel boom di conversazioni che nell’ultima settimana analizzata hanno superato quota 10mila al giorno, dopo i primi due casi in Occidente. Due casi, appunto. Capaci in qualche giorno di produrre in Italia più conversazioni dei quasi 7500 che li hanno preceduti. Passati in secondo piano anche rispetto ad Excalibur, l’incolpevole cane colpito da ebola. L’hashtag #salvemosaExcalibur è tra quelli legati ad ebola più twittati in Italia.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.