In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

L’algoritmo al posto dell’uomo: ora valuta anche i manoscritti

AlgoritmoPuò un algoritmo sostituirsi all’uomo fino a valutare la pubblicabilità dei manoscritti? Un editore francese deve essere proprio convinto di sì se è vero, come ha riportato la scorsa settimana il settimanale «Panorama», che sta mettendo a punto un programma per accelerare il vaglio dei manoscritti che arrivano quotidianamente. La Short Édition, questo il nome della casa editrice francese, in sostanza affiderà a un computer la valutazione dei testi, attraverso un programma che, a quanto assicurano gli sviluppatori, è in grado di individuare ripetizioni, errori grammaticali e ortografici, lunghezza media delle frasi, stabilendo quindi se un testo è valido oppure no.

Se da una parte viene da chiedersi quanto possa “capire” un software di qualità letteraria, pensando magari a come potrebbe reagire un pc di fronte ai manoscritti de Il partigiano Johnny, di Quer pasticciaccio brutto de via Merulana o di Libera nos a malo, dall’altra è affascinante pensare a quanto siano avanzati i software nel giro di poche decine di anni se già ne esiste uno capace di sostituire le capacità di raziocinio e di discernimento dell’essere umano tanto che un editore gli affiderà uno dei compiti più importanti della sua impresa. Cose che fino a qualche tempo fa forse solo Asimov avrebbe potuto immaginare.

Eppure sono molti i casi in cui un algoritmo lavora per, e molto meglio, dell’uomo. Pensiamo a ciò che sta dietro a un motore di ricerca come Google, ad esempio. Senza Hummingbird ogni ricerca online, anche la più semplice, darebbe sicuramente risultati diversi (oggi tiene conto del luogo in cui si trova chi ha posto la domanda, della sua identità e della cronistoria delle query precedenti). L’obiettivo è quello di avvicinarsi sempre più alla ricerca vocale grazie a un riconoscimento semantico del linguaggio naturale sempre più preciso.

Un algoritmo (introdotto un anno fa, il 6 agosto 2013) gestisce anche ciò che vediamo ogni giorno su Facebook, decidendo cosa mettere in evidenza e cosa lasciare in secondo piano tra i milioni di post che vengono pubblicati. Per capire la potenza di questi strumenti di calcolo basti pensare al lavoro di Nate Silver, lo statistico americano che ha previsto con esito positivo e per due volte l’esito delle elezioni Usa (anche se meno fortuna ha avuto con i recenti Mondiali di calcio, dove comunque ha azzeccato 3 semifinaliste su 4).

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Ma cosa può fare un algoritmo del genere oltre che dare un piccolo aiuto a scommettitori e giocatori di borsa? Analizzando la massa enorme di dati presenti in rete, ad esempio, si possono prevedere epidemie, rivolte e crisi economiche. Lo ha dimostrato una ricerca della Boston University e della Warwick Business School, notando che dal volume delle ricerche di Google sugli argomenti economici si possono prevedere quali saranno poi i comportamenti sul mondo reale. Come ricorda «La Repubblica», nel riportare la notizia, anche qui arrivò prima di tutti Isaac Asimov, con la sua teoria della “psicostoria”.

Ancora dubbi? Sentite questa: qualche settimana fa la Apple ha battuto Amazon (due società che non si muovono certo a casaccio) nella corsa all’acquisto di BookLamp, una start-up in grado di consigliare letture agli utenti sulla base di un’analisi degli ultimi libri letti, analisi del testo e valutazioni dei lettori. Per l’acquisto Apple ha sborsato una cifra tra i 10 e 15 milioni di dollari. Amazon comunque si era già assicurata Goodreads, così come in Italia Mondadori ha rilevato il marchio Anobii. Dati, soltanto dati che, attraverso algoritmi sempre più complessi, possono portare a prevedere cosa può aver voglia di leggere oggi il signor Rossi, facendogli comparire un link su Facebook, un banner mentre controlla l’email, o un’offerta esclusiva a colpo sicuro. Così gli algoritmi continuano a essere utili, anzi indispensabili, tanto da sostituirsi all’uomo non solo per valutare un manoscritto, ma anche per consigliarlo poi, una volta edito, esattamente al lettore per il quale era stato scritto.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)

Commenti

A me sembra davvero triste che la valutazione di un'opera letteraria venga messa in mano a un computer.

sono un grande utilizzatore di internet, fino ad oggi l'unico riscontro rispetto a quanto riportato in questo articolo è che il provvider immagazzina informazioni per continuare insistentemente a riproporti offerte commerciali, più che inutile direi molto fastidioso.

Preciserei che il tanto decantato algoritmo su cui si basa google per le sue ricerchè è invece esasperante, non restituisce nulla che non sia stato opportunamente valutato e filtrato da lui indipendentemente dai parametri impostati dalla ricerca. un esempio ? provate ad accedere a google.com, vi ritroverete forzatamente su google.it (ed è un esempio banale)

l'obiettivo non è esaudire ma obbligare a scegliere e conoscere solo quello che viene ritenuto idoneo per l'utente, in barba alla libertà di informazione.

A mio avviso siamo ancora lontani, molto lontani

Saluti.

Da scrittore, direi che questi algoritmi potrebbero essere utilissimi per errori di ortografia, grammatica, sintassi, parole che si ripetono spesso, eccetera, e al limite anche entrare in allarme e avvisare se un'idea è simile ad altre già scritte da altri autori (se non copiata). Ma ho grossi dubbi sul resto. A meno che non si crei un programma estremamente sofisticato capace di comprendere anche gli stili di chi scrive: che possono essere un elemento importantissimo in opere narrative che basano una buona dose sulla scrittura e sulle idee, più che - per esempio - sulla tanto valutata "azione". Questi attuali algoritmi sono in grado di valutare simili opere? Non lo credo affatto. Non lo saranno mai, perché è la scrittura - per fortuna - che nel tempo detta i canoni (anche se il mercato preme), e si deve lasciar libera scelta di scrittura a chi scrive. Ai lettori il compito di giudicare, non alla macchinetta.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.