14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Kafka racconta il potere della musica e dell’arte a un giovane amico

Kafka racconta il potere della musica e dell’arte a un giovane amicoNell’estate del 1922, Franz Kafka trascorse un periodo in compagnia del suo giovane amico Gustav Janouch col quale intrattenne conversazioni (raccolte da Janouch nel volume Conversazioni con Kafka) sugli argomenti più disparati.

Durante una passeggiata, i due si soffermano a parlare sulla musica, che il ventisettenne Gustav desiderava ardentemente studiare nonostante il divieto di suo padre. Kafka dice al giovane amico:

La musica è il suono dell’anima, la voce diretta del mondo soggettivo.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

In una conversazione successiva, quando Gustav farà leggere al suo mentore un racconto intitolato La musica del silenzio, Kafka esprime una sua teoria su come la musica sia un incantesimo per l’anima:

Tutto ciò che vive è in un flusso. Tutto ciò che vive emette un suono. Ma noi ne percepiamo solo una parte. Non sentiamo la circolazione del sangue, la crescita e il decadimento dei tessuti del nostro corpo, il suono dei nostri processi chimici. Ma le nostre delicate cellule organiche, le fibre del cervello e i nervi, e la pelle sono impregnati di questi suoni inudibili. Vibrano in risposta al loro ambiente. Questo è il fondamento del potere della musica. Noi possiamo liberare queste profonde vibrazioni emotive. Per farlo adoperiamo gli strumenti musicali, nei quali il fattore decisivo è la potenzialità del loro suono interiore. Vale a dire: quello che è decisivo non è la forza del suono, o il colore tonale, ma il suo carattere nascosto, l’intensità con cui il suo potere musicale impatta sui nervi. [La musica] deve… elevare nella coscienza umana le vibrazioni che altrimenti non possono essere udite né percepite… [portare] il silenzio in vita… scoprire il suono nascosto del silenzio.

 

LEGGI ANCHE – I consigli di Kafka su amore e pazienza a un giovane amico

 

In un’altra conversazione prende in considerazione le somiglianze e le differenze tra la musica e la poesia:

La musica crea piaceri nuovi, più sottili, più complicati, e perciò più pericolosi… Ma la poesia mira a chiarire la natura selvaggia dei piaceri, ad analizzarli, a purificarli e perciò a umanizzarli. La musica è un moltiplicatore della vita dei sensi; la poesia, d’altro canto, la disciplina e la eleva.

 

LEGGI ANCHE – Franz Kafka e il suo blocco creativo

 

E ancora Kafka:

La musica per me è piuttosto come il mare… Sono sopraffatto, stupito, affascinato, eppure impaurito, così terribilmente impaurito del suo essere senza fine. Sono infatti un pessimo marinaio.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Quando Gustav si lamenta del divieto di suo padre e si chiede se avere una propria testa gli dia il diritto di disobbedire al genitore e seguire la sua passione, Kafka estende la questione in una più ampia meditazione sul perché gli artisti seguono la via dell’arte:

Usare la propria testa è spesso il modo più semplice per perderla… Ovviamente, non dico niente contro i tuoi studi di musica. Al contrario!... Le uniche passioni forti e profonde sono quelle che superano la prova della ragione… Alla base di ogni arte c’è la passione. Ecco perché tu combatti e soffri per la tua musica… Ma nell’arte la strada è sempre questa. Bisogna buttare via la propria vita per meritarsela.

 

In un’altra conversazione, ritorna sull’argomento e paragona i sacrifici dell’arte a quelli della devozione religiosa:

La preghiera e l’arte sono atti appassionati della volontà. Si vogliono trascendere e rafforzare le normali possibilità della volontà. L’arte come la preghiera è una mano distesa nel buio, alla ricerca di un qualche tocco di grazia che la trasformi in una mano che concede doni. Pregare significa portarsi dentro il miracoloso arcobaleno che si estende tra il divenire e il morire, per essere del tutto consumato in esso, al fine di portare il suo infinito splendore a letto nella piccola fragile culla della propria esistenza.


Fonte delle citazioni: BrainPickings.org.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.