Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

“Jew In The Box”: la performance delle controversie

Jew In The BoxLa Shoah è ancora una ferita aperta e profonda nella storia dell’Europa e del mondo, e questo è un fatto inoppugnabile. Molte sono state, del resto, le elaborazioni artistico-letterarie: per rimanere alla cinematografia, il mezzo che forse più di tutti ha creato immagini archetipiche, si va da Schindler’s List (1993) di Steven Spielberg a Il pianista (2002) di Roman Polanski, passando per il documentario-fiume di Claude Lanzmann, Shoah (1985), dalla vicenda editoriale e distributiva travagliatissima, fino al delicato The Reader (2008) di Stephen Daldry e allo sconvolgente A Film Unfinished di Yael Hersonski.

Su questa scorta, una performance al Jewish Museum sta facendo discutere non poco. Jew In The Box, infatti, vede alternarsi uomini e donne ebrei, seduti all’interno di una “scatola” di vetro per due ore al giorno, a rispondere alle domande che i visitatori vorranno porre loro.

Alla base di questa “scatola” una domanda che suona come: «Ci sono ancora ebrei in Germania?»

Come sempre in questi casi, il pubblico e la critica si dividono nettamente tra entusiasti della prima ora e detrattori convinti. Tra i primi ad esprimere scetticismo, per non dire di più, Stephen Kramer, importante esponente della comunità ebrea, che avversa la spettacolarizzazione di un popolo creata dalla performance.

Ai nostri giorni, sembra ormai acquisito come l’arte abbia definitivamente superato e distrutto i legacci del realismo, per accedere a un nuovo iperrealismo, dato in massima parte da due fattori complementari: la progressiva apertura degli spazi espositivi a location diverse e spesso eterodosse, e la partecipazione diretta del pubblico al “farsi” dell’opera. Questo dovrebbe bastare.

Nessun voto finora

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.