Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Italia, tra razzismo e apartheid di fatto

Italia, tra razzismo e apartheid di fattoMagari fosse soltanto Matteo Salvini il responsabile culturale di quanto è accaduto a Macerata. Sarebbe più facile estirpare il razzismo viscerale che sta penetrando velocemente nelle pieghe della società italiana.

E magari si trattasse soltanto di razzismo e non, come invece stiamo scoprendo, di una forma politica di desiderio di apartheid. Sì, un pezzo d’Italia vuol fare del Paese un Sudafrica, dove neri e bianchi, se proprio devono convivere, devono farlo in quartieri, ambiti lavoratovi, spazi di aggregazione diversi e lontani.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Ma è già così, se ci pensiamo. I braccianti neri vivono nei ghetti. Aumenta il loro numero. E ci vivono perché impoveriti dalle paghe da fame e perché nessuno, anche al Sud, gli vuol fittare una casa a un prezzo decente. Ancora, le donne nere sono predate dai maschi italiani che ci vanno a pagamento, ma di coppie miste l’Italia è vuota, spaventosamente vuota. Cinico sintomo di indifferenza e di noncuranza verso l’affettività altrui. Sul lavoro, ci dicono le statistiche che agli stranieri, soprattutto se centrafricani, vengono concessi spazi minimi e soltanto nei servizi di pulizia, nel bracciantato, nel manifatturiero generico. Lo stesso nel lavoro criminale, dove i neri, se non stanno in proprio, sono l’ultimo anello del sottoproletariato criminale, soprattutto al Nord.

 

LEGGI ANCHE – I nuovi schiavi. Reportage tra i lavoratori agricoli

 

Potremmo continuare a lungo a elencare i sintomi di un’esclusione sociale già in atto da tempo, che trova nella politica un megafono elettorale, ma non un centro di elaborazione. Perché il razzismo italiano è funzionale al sistema produttivo e a quello economico, anche illegale. È un laboratorio diffuso, che parte dall’alto per comprimere diritti e salari grazie all’irradiazione di valori che dividono l’umanità in umani e subumani, come scrisse Kapuściński qualche decennio fa. Gli umani sono i padroni, i subumani sono tutti gli altri nelle diverse gradazioni di colore della pelle, di tono linguistico, di appartenenza sessuale. Neri, stranieri bianchi, donne, minori… Eccoli i subumani, quelli contro i quali si scatena la canea neofascista arrivando perfino a impugnare una pistola e fare fuoco in corsa come negli action movie di provincia.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Per ribaltare la diffusione della barbarie è necessario individuare i dispositivi che la fanno crescere. Non basta dire che siamo di fronte a un disagio sociale, perché il malessere e la disoccupazione non legittimano la violenza e il razzismo. Siamo, piuttosto, dentro il dominio di una cultura cretina, radicata, neonazionalista che fa prevalere i valori della violenza su quelli della convivenza. Siamo dentro un’americanizzazione perversa. Anche questo va detto. Il costante ricorso alla retorica delle armi e l’invocazione della violenza privata come risoluzione dei problemi hanno un’origine culturale statunitense. Tanto è vero che chi ne fa uso nella campagna elettorale, come Salvini, non fa mistero di guardare a Trump e a Reagan come modelli per armare gli italiani. Italiani che sono già armati, in verità. Più di qualunque altro popolo in Europa. Complici, ovviamente, i produttori di armi e i loro alleati mafiosi. E quindi, dobbiamo entrare nelle scuole e insegnare che migrare è fare umanità. Che non si può fermare la storia. Che non si può uccidere qualcuno perché lo si ritiene meno adatto a vivere di noi bianchi italiani. Altrimenti, da questo violento apartheid non usciremo più.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.