Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

“ISIS. Lo stato del terrore” di Loretta Napoleoni: cosa vogliono le milizie islamiche

Loretta Napoleoni, Isis, lo stato del terroreCon il saggio ISIS, lo Stato del terrore, edito da Feltrinelli nella traduzione di B. Amato, Loretta Napoleoni prova a rispondere a due domande importantissime: “Chi sono e che cosa vogliono le Milizie Islamiche che minacciano il mondo”.

Loretta Napoleoni ha iniziato a lavorare a questo libro nel giugno 2014 quando l’ISIS ha annunciato la creazione del Califfato. La stessa autrice afferma di aver utilizzato nella sua versione originale in inglese la formula “Stato Islamico” nel rispetto della definizione che l’Isis stesso si è dato.

Loretta Napoleoni, saggista e giornalista italiana di fama internazionale, è una studiosa dei sistemi finanziari ed economici attraverso cui il terrorismo finanzia le proprie reti organizzative. Le sue consulenze sulle strategie e i meccanismi per combattere il terrorismo sono state spesso contese dai governi occidentali. Il saggio si pone l’obiettivo di spiegare le basi ideologiche da cui trae ispirazione il neonato Stato Islamico, di quali risorse naturali e finanziarie si serve e il progetto politico che si propone di realizzare. Il modello a cui si ispira è il primo Califfato, fondato nel settimo secolo dal Profeta Maometto e dai suoi seguaci. Lo Stato Islamico, già noto come Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (al Sham), ossia ISIL o ISIS, sta combattendo una guerra di conquista utilizzando come simbolo la bandiera nera e dorata che oggi sventola in un territorio che va dalla sponda mediterranea della Siria al cuore dell’Iraq e, da pochi giorni, anche in Libia.

I residenti del territorio devono aderire, pena la morte, al radicale credo salafita. Il Salafismo radicale è un’ideologia nata a metà del diciannovesimo secolo con l’intento di modernizzare il mondo arabo sul modello Occidentale e di riportare l’Islam alla purezza originaria. La trasformazione in movimento conservatore e ortodosso avvenne alla fine dell’Ottocento in seguito alla colonizzazione Occidentale. L’obiettivo, oltre che religioso, è politico, ossia la creazione di uno Stato moderno che rappresenti e protegga tutti i musulmani sunniti del mondo. Tuttavia, uno Stato Moderno è basato sul consenso popolare. Lo Stato Islamico, se da un lato garantisce una cittadinanza settaria, escludendo anche le donne da una partecipazione attiva, dall’altro realizza programmi sociali finalizzati al miglioramento delle condizioni di vita dei civili. Le alleanze strette con le tribù sunnite locali sono state strategiche dal punto di vista economico. Le entrate ricavate dallo sfruttamento delle risorse naturali, quali i giacimenti petroliferi del sud della Siria, hanno permesso l’istituzione di un sistema economico indipendente. La stessa tattica è stata utilizzata in Iraq.

 [I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Loretta NapoleoniMolti sostengono che lo Stato Islamico abbia lanciato un messaggio ai suoi seguaci su quale sia l’obiettivo da realizzare, ossia la creazione di uno Stato che rappresenti per i musulmani sunniti quello che Israele è per gli ebrei. Napoleoni, in qualità di esperta di terrorismo internazionale, riconosce all’ISIS «modernità e pragmatismo» sia per aver sfruttato la caduta di regimi autoritari, dalla Libia, alla Siria, all’Iraq e il successivo vuoto politico sia per l’utilizzo della moderna tecnologia e dei social media in grado di diffondere in tempo reale video e immagini a testimonianza della loro brutalità e ferocia. Il video della decapitazione di James Foley è un chiaro esempio. L’uso del terrorismo e della «propaganda della paura» è parte di questo ambizioso progetto.

Il saggio ripercorre fase dopo fase l’ascesa del Califfato, partendo da Abu Musab al Zarqawi, emiro di al Qaeda in Iraq, colui che ha riacceso il conflitto tra sunniti e sciiti e scomparso nel 2006 in seguito a un attacco aereo statunitense, fino ad arrivare ad Abu Bakr al Baghdadi, il nuovo califfo, considerato legittimo successore del Profeta.

Perché l’Occidente si è reso conto della minaccia islamista solo in seguito all’avvento dello Stato Islamico? L’autrice risponde a questa domanda ricercando la causa nel «dilemma diplomatico» rappresentato dal conflitto siriano. Il veto imposto dalla Russia e dalla Cina al Consiglio di sicurezza dell’Onu su qualsiasi intervento militare in Siria non sembra ancora oggi di facile risoluzione. In una situazione in divenire, l’autrice non trae conclusioni. Il timore è che, per la prima volta nella storia moderna, un’organizzazione armata utilizzando i mezzi del terrorismo riesca nell’obiettivo di costruzione geografica e politica di un moderno stato nazionale.

Utilizzando un linguaggio semplice e chiaro, Loretta Napoleoni ripercorre la storia più recente del Medio Oriente. Il glossario alla fine del libro chiarisce eventuali dubbi spiegando termini arabi utilizzati quotidianamente dai media. In assenza di previsioni circa le sorti dell’ordine mondiale minacciato dallo Stato Islamico, la lettura di ISIS. Lo stato del terrore rende il lettore-osservatore consapevole dell’attuale scenario politico internazionale.


Segui il nostro speciale L'Islam spiegato ai figli.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (6 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.