Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

“Io ho visto”: i ricordi degli scampati alle stragi naziste

Pier Vittorio Buffa, Io ho vistoUn progetto per ricordare, per rafforzare la memoria della nostra storia e di ciò che veramente fu la dittatura nazista. Più che un libro, un vero e proprio esperimento sociale. Questo è Io ho visto, a cura di Pier Vittorio Buffa, che intende contribuire a salvaguardare la memoria delle stragi naziste nell’Italia del 1943-45: il drammatico biennio della “guerra ai civili”, come ormai la storiografia è concorde nel definire quelle azioni, ha lasciato dietro di sé vite distrutte, traumi insuperabili, memorie divise nelle comunità teatro degli eccidi, la cui responsabilità in alcuni casi è stata addebitata all’attività dei partigiani. Il progetto ha raccolto le prime trenta testimonianze di chi, all’epoca ancora bambino o ragazzo, ha assistito ad alcuni degli eccidi, scampando alla morte per un soffio; storie che hanno dato origine al volume curato da Buffa Io ho visto (Nutrimenti, 2013), raccolta appunto di trenta intensissimi e drammatici racconti accompagnati dalle fotografie dei protagonisti oggi, volti scavati dalle rughe del tempo, segnati per sempre dal ricordo di quegli attimi a dir poco traumatici che non hanno mai dimenticato e che, per decenni,  non hanno neanche potuto rivendicare con un perentorio e dignitoso “io ho visto”, dal momento che gli autori degli eccidi non furono perseguiti nell’immediato dopoguerra per motivi di realpolitik ed è stato possibile farlo solo in anni recenti. Un progetto che rappresenta quindi anche un tardivo ma necessario riconoscimento, se non nei tribunali almeno sul versante della memoria.

Quella che è stata definita l’“era del testimone”, a settant’anni di distanza dai fatti, volge al termine per la progressiva scomparsa dei protagonisti; tanto più meritevole risulta, quindi, un contenitore di immagini e parole come questo – in fieri essendo il sito web del progetto (www.iohovisto.it) aperto a nuove eventuali testimonianze – nonostante le complesse problematiche del rapporto tra storia e memoria, tra memorie individuali e memoria collettiva.

Una lettura importante, perché ci sono libri più necessari di altri, soprattutto da consegnare alle generazioni più giovani.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.