In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista ad Anilda Ibrahimi

Intervista ad Anilda IbrahimiAnilda Ibrahimi fa parte della nuova generazione di “scrittori migranti”, ovvero di quel folto gruppo di autori stranieri che vive in Italia e produce narrativa – spesso – di buona qualità. L’esempio più noto al grande pubblico di questa schiera è Nicolai Lilin, autore di “Educazione Siberiana” (Einaudi), romanzo tradotto per il grande schermo da Gabriele Salvatores, protagonista John Malkovich, proprio in queste settimane nelle sale italiane. Ma Lilin è solo la punta di un fenomeno, in un’Italia sempre più multietnica. Annoverata in questa categoria troviamo Ibrahimi, albanese, che vive in Italia dal 1997.

Ha pubblicato in italiano tre romanzi editi da Einaudi, “Rosso come una sposa” (2009), “L'amore e gli stracci del tempo” (2011), di cui sono stati opzionati i diritti cinematografici, e “Non c'è dolcezza” (2012). Rifiuta con fermezza questa “etichetta” che sembra marginalizzare gli autori ai confini del panorama letterario nazionale. “Vivo la mia quotidianità nella lingua italiana – afferma – che è la lingua dei miei tre figli, per questo mi riesce spontaneo esprimermi in italiano anche – e forse soprattutto – nella stesura dei miei romanzi. Anzi, l’italiano mi ha salvato dalla retorica della madrelingua perché sono riuscita ad asciugare il tempo epico che per me rappresenta l’Albania. Per questo non mi sento una scrittrice migrante”. La sua prosa è asciutta, coinvolgente, appassionante e ci catapulta nell’Albania della sua infanzia.

Pur non rappresentando una vera e propria trilogia, i suoi romanzi hanno diverse cose in comune: ad esempio un certo senso di fatalità dei personaggi e un sapore epico nelle atmosfere evocate, quando descrive il suo paese ai tempi della dittatura, prima del crollo del Muro di Berlino e del regime di Enver Hoxha. Qualcosa che richiama, da lontano, Isabel Allende…

Non credo di avere qualcosa in comune con la Allende, anche se in molti hanno visto nei miei romanzi qualche elemento simile. Siamo due scrittrici forti, volitive, ma io ho seguito il mio percorso, il mio vissuto. Quel sapore epico che contraddistingue i miei romanzi è dovuto alla nostalgia struggente che ho dell’Albania, non del regime certamente, né di ciò che rappresentava, ma delle relazioni interpersonali che c’erano a quei tempi. Erano più umane, più ispirate alla solidarietà, quasi più vere, rispetto al presente. Per quanto riguarda il fatalismo, beh, è tipico del mondo balcanico. Anche io lo sono. Tutti i personaggi concepiscono la vita in questo modo, adeguandosi a ciò che succede, e, dunque, subendo un destino anche tragico.

Intervista ad Anilda IbrahimiCon “Non c’è dolcezza” torna alle atmosfere degli esordi, anche se cambia passo rispetto a “Rosso come una sposa”. Ci spiega la scelta di questo titolo?

Durante la stesura del romanzo – la prima senza collocazione temporale, e la seconda nella quale sono passata a circoscrivere gli eventi e a dare un taglio preciso – ero sempre in contatto con l’editor di Einaudi che stava pensando a un titolo. Una sera, al telefono, mi chiese: “Mi descrivi il senso di questa storia?” e io risposi che era un romanzo in cui non c’era dolcezza per le due protagoniste. Entrambe soffrivano, anche se per ragioni diverse. “Non c’è dolcezza, ecco il titolo!” fu la risposta dell’editor ed io fui contenta perché si adattava alla perfezione.

Diversi sono i temi che si intrecciano nel romanzo, dall’amicizia di Lila ed Eleni, le due protagoniste, alla maternità negata della seconda, dai legami di sangue all’infrangibilità dell’onore della “besa”, la parola data, dall’individualismo alla coralità, nei quali il lettore riconosce un valore di universalità. C’è qualcosa che prevale sugli altri o cui tiene maggiormente?

Con questo terzo romanzo sono tornata alle origini, da dove sono partita. Anche questo è ambientato nel passato, chissà se scriverò un libro legato al presente, ma volevo tornare, come accennavo prima, alle relazioni umane ai tempi del regime e alle atmosfere ancestrali che ho avuto modo di respirare e di conoscere da vicino. Anche se non è un romanzo autobiografico, è inevitabile trasferire ciò che appartiene al tuo retaggio culturale e umano. Qui mi interessava approfondire l’aspetto del cambiamento, sia a livello individuale che sociale. Eleni adotta il bambino di Lila, ad esempio, e l’adozione era una grossa novità, una rivoluzione nella scala dei valori della famiglia, la rottura con il vecchio mondo. Così come l’avvento di una nuova era, con la caduta del regime, ha mutato gli stili di vita e tutti nel piccolo paese hanno iniziato a chiudere le porte. Abbiamo ricevuto la modernità, il progresso, la ricchezza, ma abbiamo perso la vicinanza al prossimo, la solidarietà, la dimensione della vita comunitaria.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.