Curiosità grammaticali

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Diffondi libro

Intervista a Scott Turow, ecco “L’ultimo processo” di Sandy Stern

Intervista a Scott Turow, ecco “L’ultimo processo” di Sandy SternAnche le più brillanti scoperte in ambito medico devono sottostare ad alcune logiche di mercato che rendono le situazioni complessee, in mezzo a questa costellazione di eventi, carpire la verità non è semplice. Con L’ultimo processo Scott Turow mette in scena proprio una circostanza di questo genere.

Tradotto in italiano da Sara Crimi e Laura Tasso per Mondadori, L’ultimo processo è una lettura accattivante e profondamente attuale che pone l’accento su questioni che tormentano l’umanità da decenni e che, nell’ultimo anno, hanno sollevato moltissimi dibattiti. La pandemia non c’entra, il libro è uscito in lingua originale nella prima metà del 2020. Ciononostante, per i temi trattati, sembra che Scott Turow abbia avuto una grandissima lungimiranza.

Sandy Stern è al suo ultimo processo. Alle spalle ha una carriera strepitosa e davanti ha i suoi ultimi anni di vita che non può e non vuole passare più nelle aule di tribunale. Anche la figlia, Marta, al fianco della quale ha lavorato per decenni, annuncia di volersi ritirare alla conclusione di quest’ultimo processo che il padre ha deciso di prendere in carico.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

È un processo complesso e difficile, richiede molte energie e concentrazione, l’esito non è affatto certo. Perché Sandy Stern lo accetta?

Beh, non è semplice rispondere con un rifiuto a un amico di vecchia data che, tra l’altro, ti ha salvato la vita quando un tumore pareva intenzionato a togliertela. È grazie al farmaco creato da Kiril Pafko se Stern è ancora lì, nell’aula, a ottantacinque anni, a illustrare la credibilità e la buona fede del suo assistito.

Di mezzo ci sono tantissimi soldi, azioni milionarie, un matrimonio e tanti tradimenti, un figlio che sembra ostile, un incidente di macchina che sembra coinvolgere se non proprio Kiril, almeno una delle vetture aziendali che possiede. E il capo d’accusa più pesante è che Pafko pare abbia manipolato i dati riferiti alla sperimentazione del farmaco, con gravi conseguenze. Alcuni pazienti sono morti: c’è correlazione tra il loro decesso e l’uso di g-Livia, il farmaco contro il cancro prodotto dal premio Nobel Kiril Pafko?

In occasione dell’uscita del romanzo in Italia, Scott Turow ha incontrato alcuni blogger svelando, quindi, alcuni retroscena che si celano dietro L’ultimo processo.

Intervista a Scott Turow, ecco “L’ultimo processo” di Sandy Stern

È emerso che per Scott Turow il concetto di giustizia, su cui si erge il romanzo, ma anche molte altre opere, è assai complesso. Afferma:

«la giustizia non comporta un unico risultato, colpevole o non colpevole; la giustizia è un insieme di risultati ragionevoli. Infatti, questo è uno dei temi su cui Sandy Stern riflette a lungo, specie quando la giustizia viene vista dall’ottica di un avvocato».

 

Scritto con uno stile accattivante, L’ultimo processo è una lettura appassionante, ma anche colma di spunti di riflessione. Uno di questi sorge in seguito alle parole di uno dei personaggi, secondo cui non esistono medicinali senza effetti collaterali. Effettivamente e metaforicamente, l’immagine restituisce uno squarcio della realtà con cui siamo costretti a confrontarci in questo momento storico. Cosa ci racconta il destino di g-Livia in merito al tanto atteso vaccino, per esempio? Scott Turow precisa che

«non avrei potuto anticipare la pandemia. Se ci interessa domandarci cosa può andare storto con il vaccino, vista l’urgenza con la quale occorre immetterlo nel mercato, credo che il destino di g-Livia ci possa dare un’idea in merito. Ricordo che qualche anno fa venne ultimato un vaccino contro la suina, rivelatosi efficace sulle persone, ma che aveva riportato anche alcuni casi di paralisi temporanea. La campionatura, in quel caso, era nettamente minore rispetto a quella del Coronavirus. Su tre miliardi di persone, a cui presumibilmente verrà iniettato il vaccino, è molto probabile che vi siano effetti collaterali non previsti. Ora, se la domanda è se non vada somministrato, allora la mia risposta è no; il vaccino va somministrato, ma bisogna essere consapevoli della possibilità di effetti collaterali».

Intervista a Scott Turow, ecco “L’ultimo processo” di Sandy Stern

Straordinario, ne L’ultimo processo, è il fatto che tutto, o quasi, avviene nell’aula di un tribunale, in un ambiente per lo più statico, eppure la percezione del lettore è quella di trovarsi davanti a un susseguirsi dinamico, incalzante di eventi. I personaggi vivono nei dialoghi. Da questo punto di vista, Scott Turow fa notare che

«la maggior parte dei bestseller sono fatti soprattutto di dialogo. Nel caso specifico, il romanzo è in qualche misura la trascrizione di un processo e, essendo io uno di quegli scrittori che sentono le voci dei loro personaggi nella testa, riprodurre dialoghi accattivanti mi viene piuttosto semplice. Anzi, trovo molto divertente inventare domande intelligenti e risposte stupide. Ho anche una certa esperienza con i controinterrogatori, e questo aiuta».

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Infatti, l’esperienza a cui accenna è quella di avvocato, l’altra professione di Scott Turow che ha sempre affiancato a quella di scrittore. Come si sono conciliate negli anni queste due carriere?

«Dopo il 1991, quindi dopo l’uscita de L’onere della prova, ho iniziato a praticare come avvocato solo part-time. Al mattino mi dedicavo alla scrittura e al pomeriggio ai processi, ai miei clienti che, comunque, potevano chiamarmi in qualsiasi momento della giornata. Tra l’altro ho un dono: posso parlare di questioni complicate, interrompendomi dalla scrittura, ma appena ritorno alla frase lasciata in sospeso, riesco a ritrovare il filo del discorso esattamente nel punto in cui l’ho interrotto. Poi, riuscire a tenere i due mondi emotivamente separati è stato molto utile».

 

Leggi tutte le nostre interviste a scrittori e scrittrici.


Per la prima foto, copyright: Tingey Injury Law Firm su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.