Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Roberto Casati, vincitore del Premio Itas del libro di Montagna 2018

Intervista a Roberto Casati, vincitore del Premio Itas del libro di Montagna 2018TRENTO – Con La lezione del freddo (Einaudi) Roberto Casati si è aggiudicato il Premio Itas del libro di montagna 2018 per la sezione “narrativa”. Durante la serata di premiazione abbiamo avuto l’occasione di intervistare tutti i vincitori. Partiamo proprio da Roberto Casati, al quale il premio è stato consegnato da Paolo Cognetti che, con Le otto montagne, ha vinto l’edizione dello scorso anno. Nel suo libro Casati racconta quello che ha imparato dal freddo durante un anno accademico trascorso con la famiglia – sua moglie Bea, le figlie Ninni e Anouche e il cagnolino Blacky – ad Hanover, nel New Hampshire, sulla costa est degli Stati Uniti, un luogo in cui, durante i lunghi mesi invernali, la temperatura è costantemente parecchi gradi sottozero.

 

Quando a gennaio ho recensito La lezione del freddo ho scritto che si tratta di un libro che “ha il sapore di un testamento”.

Anche se il riscaldamento globale non è il mio ambito di ricerca, c’è una cosa che vorrei dire, visto che ne ho l’opportunità. Io sono un cittadino informato e ho degli strumenti per informarmi perché ho accesso ad alcune fonti qualificate. Sulla questione del cambiamento climatico, che è una questione tossica dal punto di vista del dibattito pubblico, c’è un’enorme ambiguità nei media, perché si tende a pensare che il pensiero critico consista nella possibilità di criticare qualsiasi opinione o fatto che ci viene presentato, ma in realtà il vero pensiero critico sta nell’avere una metodologia per capire la qualità delle fonti con cui si lavora. Tutti i governi del mondo hanno pagato per decine di anni un panel intergovernativo di scienziati che ha lavorato sulla questione del cambiamento climatico, non per dare un’opinione ma per fornire un consenso.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Qual è il risultato di queste ricerche?

Il consenso dice che c’è il riscaldamento climatico e, dal mio punto di vista, la questione è chiusa. Per questo trovo che sia incredibile che nei media ogni due per tre sbarchino dal nulla delle persone che negano lo stato dei fatti. “Come fa ad esserci il riscaldamento climatico con le nevicate dell’ultimo anno”, dicono. Questo tipo di dibattito è in uno stato pietoso, perché non si è capito cos’è il pensiero critico. Questa è una cosa che mi dà molto fastidio come cittadino, prima che come ricercatore. Credo che sia fondamentale capire il ruolo della scienza nel dibattito pubblico.

 

In tutto ciò come si configura La lezione del freddo?

A me interessava dare un contributo diverso rispetto a quello scientifico: volevo raccontare quanto è importante il freddo e cosa vuol dire vivere un freddo quotidiano, con la consapevolezza che in alcune regioni del mondo questo freddo sparirà. Poi, magari, quando questo accadrà, saremo tutti contenti. Il problema politico del freddo è evidente: oggi a Parigi si sta molto meglio rispetto a come si stava dieci anni fa. Lo stesso in Inghilterra, in Canada o in Scandinavia. A noi che decidiamo, che facciamo il bello e il cattivo tempo su scala globale, va anche bene il riscaldamento globale perché in Europa e nel Nord America si sta meglio. Questo è un problema al quale secondo me non si pensa abbastanza. C’è una difficoltà nel dibattito pubblico che è evidente, ma c’è anche un’indifferenza totale verso il problema, un’indifferenza che dipende dal fatto che le condizioni di vita nel nord del mondo stanno migliorando per il cambiamento climatico. Il livello dell’acqua si dovrebbe alzare in Olanda di un metro e mezzo per farci capire come stanno andando le cose.

Intervista a Roberto Casati, vincitore del Premio Itas del libro di Montagna 2018

C’è un altro problema che mette in luce, un problema che riguarda la abitudinarietà e la paura dell’ignoto. Quante volte, infatti, accettiamo uno stile di vita senza aver tentato esperimenti alternativi? si chiede nel libro.

Quando Bonatti andava in montagna scopriva un mondo diverso e scoprire un mondo diverso ci permette di scoprire qualcosa di più su noi stessi. La fortuna di vivere in un mondo diverso ci fa capire che molte cose che diamo per scontate in realtà non lo sono. E non parlo solo del consumo energetico, dello stile di vita. Perché, per esempio, spendiamo la parte migliore del nostro tempo in ufficio? Negli Stati Uniti mi alzavo prestissimo la mattina, lavoravo fino a mezzogiorno, l’una, e poi dedicavo l’intero pomeriggio a quello che volevo. Non c’è alcuna ragione per lavorare più di otto ore quando sei pagato per lavorare otto ore. Abbiamo fatto in America un esperimento di vita, una specie di vita dei boschi, alla Thoreaux, anche se in versione light.

 

Sullo sfondo della storia ci sono alcune critiche nei confronti della società contemporanea, una società impaziente, votata all’ottimizzazione, all’asciuttezza.

La vita è estremamente ridondante, abbiamo bisogno di sistemi che sopravvivono in situazioni estreme. Abbiamo, per esempio, una dozzina di modi per capire la distanza che ci separa da un oggetto. Invece la società tende a parcellizzare tutto, compreso il nostro tempo. Prendiamo Facebook, per esempio, che richiede una parcellizzazione della nostra giornata che è completamente incompatibile con una forma di vita normale. Non si può vivere solo negli interstizi lasciati liberi tra una chiamata e l’altra dei tuoi compagni di social network. Certo, con la famiglia è difficile staccarsi dal cellulare, ma secondo me vale la pena lottare.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

È un lettore di libri sulla montagna?

Certo. Trovo che i libri di montagna siano un caso di epica moderna, narrazioni in cui l’essere umano si mette in una situazione estrema e scopre di avere delle risorse che non sapeva di avere. In una situazione estrema finisci per dover rendere esplicite delle cose che davi per scontate. Tutta l’epica è bellissima perché ti permette di scoprire degli aspetti della natura umana che non potevi conoscere altrimenti.

 

Quindi è questo che spinge sempre più persone verso questo genere di libri?

Credo proprio di sì, ti permettono di scoprire, con l’esempio, risorse a cui non avevi pensato.


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori e scrittrici.

Nessun voto finora

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.