14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Mimmo Calopresti: in arrivo un nuovo film

Intervista a Mimmo Calopresti: in arrivo un nuovo filmMimmo Calopresti, classe 1955, regista, sceneggiatore, attore ed esponente di spicco di una generazione di cineasti impegnati sul piano sociale e politico. Inizia la sua carriera all’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, per il quale realizza diversi documentari e cortometraggi e ottiene un importante riconoscimento nel 1985, anno in cui vince il primo premio al Festival Cinema Giovani di Torino con il video A proposito di sbavature. All’inizio degli anni ’90, avvia la collaborazione con la RAI. Il primo lungometraggio lo firmerà nel 1995, con La seconda volta, una pellicola che vince il premio Solinas per la miglior sceneggiatura. Seguirà il Nastro d’argento per La parola amore esiste. E poi, l’incontro e la collaborazione con Nanni Moretti. A partire da questo momento, si dedicherà sia alla produzione documentaristica, sia alla finzione, nel ruolo di regista e spesso di attore. All’attivo in particolare decine di documentari, alcuni girati presso gli stabilimenti della Fiat, con gli operai come protagonisti, che raccontano il lavoro quotidiano in fabbrica.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

Intervista a Mimmo Calopresti: in arrivo un nuovo film

Lo incontriamo a Roma, presso il Cineclub e scuola di cinema “Sentieri Selvaggi”, all’Esquilino, il suo quartiere, dove terrà un corso di “messa in scena” e dove sta per essere proiettato un film del 2002, che ha diretto e nel quale ha recitato accanto a Francesca Neri, dal titolo La felicità non costa niente. Sul palco, difronte a quelli che saranno i suoi allievi, parla di cinema Calopresti, e si sente che è davvero una passione. Parla, spiega e si sofferma a riflettere sui diversi stili di direzione cinematografica e, ripensando ad un suo incontro con Martin Scorsese, a Cinecittà, lo descrive nel momento in cui dirige, seduto dentro una cabina di regia, con un grande schermo davanti e senza quasi alcun contatto con la troupe, senza mai parlare direttamente con gli attori. L’esatto contrario di Rossellini, che aveva un rapporto continuo con gli attori, teneva le fila di tutti.

Intervista a Mimmo Calopresti: in arrivo un nuovo film

Lei ha fatto parte per molto tempo di un filone cinematografico che si può definire “cinema militante”. Pensa che sia un genere che abbia ancora un futuro?

Il cinema è uno strumento che si presta a tante forme. Quella stagione del mio lavoro, da documentarista, è stata molto importante. Abbiamo rappresentato temi forti. Perché il cinema è anche questo: un mezzo per raccontare la realtà. Per me, il cinema è un’esperienza fatta di tante cose: c’è il rapporto con i tecnici, la troupe, gli attori. Il regista deve avere una parola per tutti. E ci sono i dettagli. Inventare la scena, costruirla al momento, al di là della sceneggiatura, così che, in un giorno, può cambiare tutto. Sono importanti le luci, l’inquadratura e c’è la storia, il racconto.

 

LEGGI ANCHE – Ferzan Ozpetek: in “Sei la mia vita” la stessa passione di Hikmet e Szymborska

 

Cesare Zavattini parlava del cinema come di uno strumento di comprensione della realtà. Eppure lei è stato apprezzato più all’estero, soprattutto in Francia, che in Italia

È così. La fabbrica dei tedeschi, che racconta i fatti avvenuti nel dicembre del 2007 alla ThyssenKrupp di Torino, non è stato accolto bene a Venezia. Ma ora credo che ci sia nuovamente uno spazio importante per questo filone e anche per il documentario.

Intervista a Mimmo Calopresti: in arrivo un nuovo film

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Lei è un cineasta che spazia tra vari generi e recentemente si è orientato su tematiche più intime, ha messo l’accento sull’individuo.

Sì, è il film di finzione, è l’idea che bisogna raccontare anche la storia delle persone, degli individui, di ciascuno di noi. Non c’è regola nella vita delle persone. Ciascuno vive la propria storia ed è la realtà più intima. È importante raccontare questo, riuscire a comunicarlo, perché ormai siamo schiacciati da una sovrastruttura economica, commerciale e l’individuo non conta più nulla. Allora penso che ciascuno di noi deve imparare a guardarsi dentro e a difendersi. Altrimenti si finisce come i ragazzi della Thyssen che non hanno saputo difendersi, forse volevano tutelare il loro posto di lavoro e non hanno incrociato le braccia, per difendere se stessi. È un discorso individualista, forse poco solidale. Ma ritengo che sia importante.

 

Che progetti ha per il futuro?

C’è la scuola di regia e c’è il progetto di un film. Il titolo forse sarà Una questione non del tutto privata: ho trovato il titolo e ho capito che film voglio fare.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (4 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.