Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Intervista a Gianluigi Ricuperati (“Il mio impero è nell’aria”, minimum fax)

Il mio impero è nell’ariaNichel: è la collana della casa editrice mimimum fax diretta da Nicola Lagioia, e Gianluigi Ricuperati ne fa parte con Il mio impero è nell’aria (305 pp., € 15).

Quella di Ricuperati è una narrazione strutturata come un racconto, ma è anche, contemporaneamente, una riflessione sulla società occidentale e sulla generazione dei trentenni. Vic Gamalero, protagonista inattendibile e inaffidabile, è un diciannovenne con propositi suicidi; lo ritroviamo trentenne incline alla dissipazione economica, morale e sentimentale, per poi salutarci da uomo quasi al limite della maturità, complice una malattia in grado di rendere palpabile il suo disagio psicologico.

Un protagonista che spende compulsivamente più di quanto mai possa riuscire a guadagnare, che intraprende numerose strade lavorative senza prospettiva e che sa che gli altri saranno propensi a vedere in lui quello che lui dichiara di essere: questi aspetti fanno di Vic il rappresentante di una generazione e l’emblema del declino dell’Occidente.

Lo stesso Ricuperati conferma di aver utilizzato la forma mista di fiction/non fiction per poi superarla: «Mi ha interessato molto negli anni scorsi. L'ho praticata in un paio di libri usciti per Bollati Boringhieri e Laterza», ma allo stesso tempo considera «assodata questa commistione, è un dato che riguarda il passato recente della ricerca letteraria, non il futuro. Ci sono libri di non fiction e fiction mischiate insieme che risalgono agli anni ’50, ’60, anche in Italia. Certe cose di Giovanni Comisso, per dire, per non parlare dell'estero. Non si tratta di una conquista particolarmente recente. Né di una sperimentazione in senso proprio».

 

Nel corso dell’intervista, all’obiezione per cui sarebbe proprio la commistione di generi a caratterizzare il libro vincitore del premio Strega nel 2011, Storia della mia gente, di Edoardo Nesi, Ricuperati puntualizza: «In particolare il libro di Nesi è ascrivibile al genere 'memoir', genere talmente codificato che ha anche gli scaffali dedicati nelle librerie americane, e da decenni», e osserva che nella selezione del vincitore del premio Strega contino molto degli «equilibri fra case editrici», e che questo premio non sia poi determinante nell’analisi delle tendenze letterarie e soprattutto nella definizione della ricerca letteraria; tuttavia specifica:

 

Nesi è un autore pregevolissimo, a me L'età dell'oroera piaciuto molto. Questo 'memoir' lo trovo meno riuscito. Meno accurato. L'accuratezza stilistica è fondamentale nella letteratura seria, e Nesi certamente fa parte della letteratura seria.

 

Intervistato sulla propria attitudine alla scrittura, risponde:

 

Per me le influenze non passano dal lavoro certosino, ma attraverso intuizioni segrete, rispecchiamenti, dialoghi muti con le scintille che un'opera o un opus produce in te, quando ci pensi, quando la affronti, asistematicamente. Il lavoro sistematico, che ammiro moltissimo, non so come commentarlo perché non lo pratico. La mia mente vive di accelerazioni improvvise e interessi ricorsivi, che poi si concretizzano sul terreno accidentato delle ossessioni personali, e vengono salvate da una certa ambizione e da una domestica furbizia, o furbizia da domestica – quel tipo di lavoratrice che cerca di fare il meno possibile appena il padrone di casa chiude la porta e la lascia da sola in casa. Ecco – il mio padrone vorrebbe che fossi più sistematico, ma non lo conosco perché quando è qui gli volto sempre le spalle, rapito dalle farfalle e dai fiori pensili sul suo terrazzo.

 

E, riguardo al lavoro di editing sul testo, portato avanti con Martina Testa, Nicola Lagioia e Christian Raimo:

 

Si tratta – dal mio punto di vista – di angeli umani che credono ossessivamente nella giustizia letteraria, dunque nella letteratura, e nell'etica letteraria. Diversamente dagli altri due, Martina non pubblica romanzi o racconti, ma quando scrive in prima persona qualche articolo usa la stessa goniometrica intelligenza che applica al lavoro sul testo, o editing.

 

Gianluigi RicuperatiA questo punto, dall’editing si passa alla politica editoriale di minimum fax, che preferisce commissionare i testi piuttosto che vagliare i manoscritti.

 

Credo che sia l'unico modo di sopravvivere in un ecosistema nel quale purtroppo gli aspiranti scrittori giganteggiano sullo sparuto manipolo dei lettori forti abituali. Credo che il lavoro editoriale sia innanzitutto un esercizio di fiuto – e il fiuto si esercita più o meno sistematicamente, ma non ci sono parametri. L'unico parametro è forse: ‘cosa mi verrebbe voglia di leggere DAVVERO?’, una domanda, ma applicata con furore sopratutto contro se stessi, contro i propri interessi. Perché l'interesse del catalogo, e dei lettori, presenti e futuri, dovrebbe essere una delle poche vere preoccupazioni sane di un editore.

 

Per riportare tutto al suo libro (e parafrasare Lagioia) gli chiediamo cosa preveda nella tendenza all'indebitamento, alla rateizzazione e alla truffa.

 

La tendenza all'indebitamento aumenterà; quella alla truffa rimarrà stabile su un livello alto, tipicamente italiano.

 

Come si è specializzato Ricuperati in campo economico?

 

Non sono specializzato. Sono curioso. Provo un interesse rapinoso, quasi compulsivo, nei confronti della scienza economica. Che non è così 'triste' come sembrerebbe. Sono un autodidatta. Quel poco che so – non solo in questo campo – è frutto di una curiosità ossessiva: la necessità di essere intrattenuto dalle aporie di un mondo che non capisci, e vuoi capire, vuoi cambiare, vuoi ammaestrare, o anche soltanto contemplare con lucidità, per poi chiudere gli occhi e passare ad Altro. Adesso sto lavorando a un profilo letterario, scritto cioè con una lingua letteraria, strumenti e struttura e stile, di Hans Ulrich Obrist. Curatore, intervistatore ossessivo, mentore e amico. Un omaggio vivente.

 

Grazie a Gianluigi Ricuperati, che ha «imbastito un appassionato racconto sul [suo] essere in bolletta in Occidente alla fine del XX secolo – sul nostro essere in bolletta».

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (5 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.