Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

internodue: Jacopo Masini, L'omino di fuoco e la ragazza di carta velina

Jacopo Masini, L'omino di fuoco e la ragazza di carta velinaL’omino di fuoco si era innamorato della ragazza di carta velina. Passava ogni sera in bicicletta sotto le sue finestre e ogni volta giurava a se stesso, uscendo dal proprio appartamento in fiamme, che si sarebbe fermato, sarebbe sceso dalla bici e le avrebbe suonato. Poi, giunto a pochi metri dalla casa dell’amata, cominciava a rimescolare dubbi dentro i pensieri roventi, pensava “E se anche dovesse chiedermi di salire e mi amasse a sua volta, cosa potrei fare? Se salissi, o mi corresse incontro per le scale, il nostro abbraccio svanirebbe in un istante, il tempo di vederla ardere a contatto col mio petto”. Così continuava a pedalare, appiccando per sbaglio il fuoco a un cestino della spazzatura o a una seggiola di vimini abbandonata in mezzo alla strada.

Dormire, in quelle condizioni, era diventato impossibile. Riusciva a riposare solo sulle sponde del fiume, rischiando di cadere in acqua e svanire come sarebbe accaduto alla ragazza di carta velina dentro il suo abbraccio. Sognava ghiacciai, grotte umide che gli avrebbero permesso di amarla, imbrigliando il fuoco che non gli dava requie, ma che era lui stesso. La mattina, appena sveglio, montava sulla bici e ripassava sotto casa dell’amata. Un giorno, era un mattino di luglio, la vide affacciarsi alla finestra. Il vento la faceva ondeggiare, sembrava dovesse cadere da un momento all’altro. “Non si farà male, comunque” pensava l’omino di fuoco, “non ha ossa ed è capace di volare” e affrettò la pedalata. E capì. Quello che lo accomunava alla ragazza di carta velina era la possibilità di volare. Nel suo caso ardendo sempre più in alto, in lingue di fuoco altissime, in un incendio dalla vastità enorme, nell’altro, quello di lei, abbandonandosi alle traiettorie del vento. Allora, risoluto, si fermò per comunicarlo alla ragazza. Appoggiò la bicicletta a un muro e bruciando nella stessa luce dell’estate le disse “Scendi, possiamo volare”, ma in quell’istante lei versò dalla finestra una grossa catinella d’acqua sporca, che cadde sull’omino e lo spense. Se ne accorse e si precipitò leggera per le scale. Si gettò sui resti fumanti dell’omino. A contatto col suolo si impregnò dell’acqua sporca che aveva gettato dal balcone e non poté rialzarsi. Unita per sempre al suolo, diversamente dal sogno d’aria che aveva nutrito lui.

 

 

Jacopo Masini, nato a Parma nel 1974, è autore di racconti, audioguide, testi teatrali, comunicati stampa, mail, sms e di due libri pubblicati da Epika Edizioni: Polpette e La Bambinapiù bella della scuola. Tiene corsi di scrittura e organizza eventi culturali. Poi non sa più cosa scrivere di se stesso in terza persona in queste tre righe.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)
Tag:

Commenti

"Riusciva a riposare solo sulle sponde del fiume, rischiando di cadere in acqua e svanire come sarebbe accaduto alla ragazza di carta velina dentro il suo abbraccio."
be'chebello

Breve, intensa e bruciante storia di un amore impossibile. Non è facile in poco più o meno di 2500 caratteri.Bravò !!Jacopo

Bravo Jacopo! Ma tornando alla storia, non sarà che i grandi amori son soltanto quelli impossibili? Imprudente l'omino di fuoco, avrebbe dovuto cambiare strada avendo intuito che in un abbraccio avrebbe bruciato la ragazza di carta velina, cioè ogni ragazza.Alla ragazza non si può che rimproverare sventatezza: da quanto in qua si butta dalla finestra l'acqua (e sporca per giunta)?

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.