Corso online di Editing

Corso online di Scrittura Creativa

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

«Il web porta la meritocrazia, ma l’Italia è indietro», parole di Andrea Albanese

Andrea AlbaneseI cambiamenti nel mondo della comunicazione sono rapidissimi. Sembra ieri, ad esempio, che siamo approdati su Facebook, e invece scopriamo che ha già compiuto dieci anni, e che nel frattempo dobbiamo orientarci tra mille altri social network, di cui, a volte, a stento, comprendiamo il nome. Già, social network. La parola magica del web marketing e di questo inizio di ventunesimo secolo, che segna, spesso in maniera incisiva e profonda, la comunicazione interpersonale, così come quella istituzionale e quella aziendale. Andrea Albanese, social media strategist, docente al Master di Social Network Influence Design, ci spiega a che punto siamo in Italia in questo momento storico.

 

Quanto è stata cambiata la comunicazione d’impresa dall’avvento dei social media?

La comunicazione d’impresa è tuttora in una fase di cambiamento epocale. Da una comunicazione ad una via, one-to-many, ideata, creata e gestita dall’ufficio comunicazione in cui il consumatore non aveva possibilità di interazione (se non attraverso lettere cartacee ed eventualmente giornali che permettevano il dibattito ed interazione con l’azienda), siamo passati a una comunicazione dove il consumatore che ha accesso ai Social Media, può interagire, commentare e modificare profondamente il messaggio iniziale. Oggi è molto più difficile fare comunicazione d’impresa, tutti gli occhi e le “dita digitali” sugli Smartphone che hanno ormai tutti sono pronti per sostenere o criticare pubblicamente. Oggi, nell’epoca Social e Digital, ogni persona è un’agenzia di comunicazione, e le aziende si devono confrontare con questo continuo cambiamento, sempre in evoluzione.

 

A che punto è l’Italia – e le aziende italiane – nel recepire questo messaggio e quali possono le modalità per crescere in maniera significativa in questa direzione?

Le aziende italiane sono decisamente indietro, molte sono in attesa, spesso mi chiedo di cosa, molte sono ancor convinte che il digitale e i social non siano importanti, la maggior parte si rende conto delle potenzialità, ma non riesce a capire come e cosa utilizzare di tutti questi strumenti digital e social. Tutti sono ormai capaci di postare su Facebook (circa 30 milioni di italiani su 34 milioni che hanno accesso ad internet hanno un account Facebook), pochi sono consapevoli che questo è uno strumento di comunicazione e pubblicitario che può essere usato in azienda, per comunicare e promuovere l’azienda, i suoi prodotti, i suoi servizi. Quasi nessuno è consapevole che gli strumenti social, possono fare supportare in modo determinante i processi di customer care e post sales.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Andrea AlbaneseIn un seminario che hai tenuto la scorsa settimana, parli di nuove figure professionali in Europa: quali sono? I nostri giovani “nativi digitali” possono sperare in nuovi sbocchi occupazionali più certi?

Sì, abbiamo analizzato quattro figure professionali: Social Media Reporter, Web/Digital Marketing Manager, Social Media Manager, Digital Communication Manager. Sono molte di più, e penso ci vorrebbero almeno 2 giorni completi per analizzarle tutte e capire cosa potrebbero fare in azienda. Da qualche parte dobbiamo iniziare, analizzando le necessità delle aziende e gli annunci di lavoro, penso che queste siano tra le più comprensibili. I nativi digitali sono sicuramente più sensibili all’argomento e tecnicamente più preparati. Ma fare un post su Facebook, non è sufficiente per diventare un professionista.

 

Che cosa pensi delle aziende, società, brand che hanno boicottato la pagina fan su Facebook, chiudendone il profilo, per protestare contro le ultime novità introdotte dal social network?

Assurdo, è come se ai tempi antichi (10 anni fa) avessi deciso di non mettere la mia azienda sulle pagine gialle, perché non ero d’accordo sul formato gestione del sistema pubblicitario. Assurdo lottare contro un colosso come Facebook e con tutto il sistema del Digital Marketing a partire da Google in giù.

 

«La sicurezza economica e lavorativa è nelle capacità e nell’etica di ogni singolo, e nell’attitudine al lavoro in team nel rispetto degli altri». Ci puoi commentare questa tua frase? Davvero il web può finalmente realizzare la meritocrazia nel nostro Paese?

Sì, e saranno i tuoi amici su Facebook e i tuoi contatti di business su Linkedin a sostenere e creare la “Personal reputation” e la “Business reputation”. In base a quella, si troverà lavoro e si cambierà lavoro. Comportarsi bene nella vita reale e nella vita virtuale dei social è più che mai importante. Pochi anni e assisteremo a cambiamenti epocali nella gestione delle aziende. Nel giro di 2-4 anni ogni azienda dovrà avere un Digital Expert vero e non di nomina politica nel Consiglio di Amministrazione. Prepariamoci da subito, questa è una meravigliosa opportunità per tutti. Le regole sono cambiate.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.