Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Il vortice del pensiero. “L’autoritratto in blu” di Noémi Lefebvre

Il vortice del pensiero. “L’autoritratto in blu” di Noémi LefebvrePer i tipi della casa editrice indipendente pordenonese Safarà è stato da poco pubblicato L’autoritratto in blu, della scrittrice, politologa e musicologa lionese Noémi Lefebvre, nella traduzione di Susanna Spero: già a partire dal titolo è possibile desumere che la voce narrante sarà in prima persona e le vicende saranno, dunque, presentate attraverso il punto di vista d’un personaggio interno alle vicende e, anzi, ampiamente accostabile alla figura dell’autrice reale. Il filtro del racconto è blu, ha il colore della tristezza e della malinconia, di chi manca «fondamentalmente di serenità» e «mugghia alla luna»: non però a guisa di lupo, romantico e ramingo, ma come una prosaica, surreale e inaspettata «mucca», una «stupida muccona», il cui «orrendo verso bovino» squarcia il cielo durante una traversata aerea Berlino-Parigi.

A partire dalla prima pagina del romanzo si entra immediatamente nella mente dell’irrisolta protagonista: il monologo interiore pascola senza meta e si nutre del bianco della pagina permettendo al lettore di cogliere con evidenza i caratteri di questo io-pensante, vorticoso e strabordante, tanto nei pensieri quanto nella loro emanazione, dal momento che, nell’arco di pochi istanti, rammenta di aver «rintronato» e, addirittura, «letteralmente ammazzato […] con un mucchio di parole» un malcapitato pianista.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Tra una riga e l’altra, s’insinua il tema della musica: dal riferimento al «calmo mormorio di un concertino per piano di Mozart» nel quale la donna si sarebbe potuta lasciare avvolgere evitando di scimmiottare gli urbani ma affettati modi di una conversazione indiscreta; al «secondo movimento del concerto in do maggiore di Beethoven», sul quale lei stessa, «del tutto priva di pudore» – se non si fosse frenata prima, per fortuna – avrebbe sciorinato preziosissimi insegnamenti da «masterclass».

Il vortice del pensiero. “L’autoritratto in blu” di Noémi Lefebvre

Al di là di questi due grandissimi nomi, a farla da padrone è, però, l’altrettanto eccelso Arnold Schönberg (1874-1951), compositore viennese di famiglia ebraica obbligato a causa delle persecuzioni antisemitiche a fuggire negli Stati Uniti d’America: la sua «memoria viva […] fissata sulla tela» dell’Autoritratto in blu, tra alberi neri nella stagione invernale e «blended whisky on the rocks»ispira, informa e ossessiona la produzione artistica del «virtuoso pianista», che si cimenta nella trascrizione d’una «frase […] completamente inaudita» nata dai legami segreti che la musica e la poesia istituiscono fra le cose mute.

Figlio di queste magiche corrispondenze prodotte dalla penna di Noémi Lefebvre, L’autoritratto in blu si caratterizza per l’originalità dello stile, che ricorda una partitura musicale: non di quelle classiche, grandiose e solenni, s’intende; ma di quelle dodecafoniche in cui impera la cosiddetta «emancipazione della dissonanza», la stonatura eletta a forma, cristallizzata in letteratura.

Il vortice del pensiero. “L’autoritratto in blu” di Noémi Lefebvre

In questa vorticosa sinfonia della mente i pensieri si susseguono non tanto per legami logici, quanto per somiglianze foniche e associazioni d’immagine. A livello retorico di significato prevalgono analogie inattese, intense similitudini («La spontaneità del mio non-pensiero […] mi ha attraversata come una baionetta») che spesso generano accostamenti tra la protagonista e il mondo animale: il «bestiario» di Noémi Lefebvre varia dalla già citata mucca, all’agnello («non riuscivo a smettere di tremare […] come un agnello malato»), ai serpenti («Ho attorcigliato le gambe come serpenti»), ai salmoni («a mia sorella non serve risalire, come il salmone il fiume, verso le sue origini fetali»).

Ancora più frequenti sono le iterazioni, sulle quali si regge la trama sonora del romanzo: i continui richiami rendono in maniera più realistica lo scorrere dei pensieri e conferiscono spessore alla pagina, in tutto e per tutto simile a uno spartito in cui ricorrono temi, accordi, ostinati e sottofondi.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

I quattro punti sui quali si regge l’esile ma palpitante romanzo – monologo interiore, musica, riferimenti colti, bestialità – non possono non rimandare a un precedente illustre. Dal momento che è stato già proposto giustamente un inevitabile paragone con la Woolf, è doveroso dare a Virginia ciò ch’è di Virginia e a Giacomo ciò ch’è di Giacomo: nella sezione centrale dell’Ulisse di Joyce (1882-1941), per la precisione nel capitolo intitolato alle sirene e ambientato in una mescita, domina una «sovrastruttura», caratterizzata da «nuclei tematici e fonemici»,(cito da G. Melchiori, G. de Angelis, Ulisse, Guida alla lettura, Mondadori, 1984) che rende quella parte una vera e propria sinfonia. Nel capitolo successivo, che ha luogo in una taverna ed è dedicato al brutale e animalesco ciclope, torna il monologo interiore (d’un io anonimo e non di Bloom, per una volta), inframmezzato dalle interpolazioni dei discorsi di altri personaggi: lo stesso si può dire dell’Autoritratto in blu, in cui al gorgo dei pensieri dell’anonima protagonista «muccona» sono giustapposti quelli della vivace sorella e del pianista, in un turbinio che spinge il lettore a piroettare nei cieli della musica e della letteratura.


Per la prima foto, copyright: Pauline Loroy su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.