Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Il viaggio e l'evoluzione. Arthur C. Clarke e il suo “2001: Odissea nello spazio” - II

Odissea nello spazio“L'uomo è una corda tesa tra la bestia e il superuomo, una corda sull'abisso. Ciò che vi è di grande nell'uomo è che egli è un ponte e non un termine. Ciò che si può amare nell'uomo è che egli è un passaggio e un tramonto”. In questi termini Nietzsche descriveva il viaggio dell'umanità.

In accordo con ciò Clarke, in “2001: Odissea nello Spazio”, crea il personaggio di David Bowman: egli è il ponte, il punto di passaggio tra Moon-Watcher, Guarda-la-Luna, la scimmia antropoide del Pleistocene, e Star-Child, il Bambino-delle-stelle, il neonato che darà origine ad un'umanità superiore e non più limitata dalla materia.

 

Ho accennato la volta precedente che il monolite scandisce il ritmo della narrazione. Ma segna anche la profondità del mistero e la dialettica filosofica che si cela nel romanzo e ancora di più nel film di Kubrick.

Clarke nel suo diario descrive il monolite come “un dono delle stelle”. È lo strumento di una civiltà aliena, lasciato ai terrestri ancora “bambini” perché possano evolversi.

 

Moon-Watcher è catturato nella notte da un suono arcano, scricchiolante e ininterrotto. All'alba si trova davanti al monolite. La misteriosa pietra nera ha la capacità di risvegliare una forza creativa mai conosciuta prima. Moon-Watcher scopre, superandosi, un'arma per attaccare e per difendersi. In ultimo intuisce che ha instaurato un dominio sulla realtà che lo circonda, ma non sa ancora come utilizzarlo pienamente.

Milioni di anni più tardi il dottor Floyd trova in un cratere della Luna il solito monolite. Esso emette alcuni segnali nel sistema solare. Questi indicano che è giunto il tempo in cui l'uomo deve compiere un altro passo in avanti, un passo che lo farà altro da sé. E sarà Bowman (arciere o rematore di prua) che compirà da solo questo cammino. Bowman riesce a sopravvivere, ma precipita oltre l'infinito, in un universo spazio-temporale del tutto ignoto. Incontra il suo doppio e si addormenta in un laboratorio, posto a milioni di anni luce dalla Terra. Durante il sonno il tempo scorre all'indietro, per poi immobilizzarsi per un attimo eterno e ricominciare il ciclo successivo. In quell'attimo un neonato, Star-Child, apre gli occhi e l'entità che era stata Bowman non esiste più. L'inarrestabile ciclo della vita ha partorito il superuomo.

 

Clarke aveva scritto che il monolite era “un dono delle stelle”. Forse un dono divino? Contempliamo forse la mente di Dio quando ci inabissiamo insieme a Bowman, tra le galassie, sprofondiamo nel buio, nell'interspazio stellare e lentamente ci immergiamo tra figure simboliche e mitiche fino a che rimiriamo i nodi luminosi di un cervello che pulsa nell'universo?

No, non sarebbe corretto leggere in termini teologici “2001: Odissea nello Spazio”. Sia il romanzo che il film dovrebbero essere interpretati piuttosto in termini cosmologici.

 

“Era il padrone del mondo, e non sapeva affatto che cosa fare in seguito. Ma avrebbe pensato qualcosa”. Con queste parole termina sia l'ultimo capitolo di “2001” che il primo. Quelle parole sono riferite a Moon-Watcher mentre si sforza di capire il potere dell'arma scoperta e anche a Star-Child mentre medita sui propri poteri ancora non utilizzati.

 

Il Bambino-delle-stelle che è la fine di un ciclo e l'inizio di un altro: la circolarità, l'eterno ritorno.

 

“Il mondo si afferma da sé, – scrive Nietzsche – anche nella sua uniformità che rimane la stessa nel corso degli anni, perché è ciò che deve eternamente ritornare, perché è il divenire che non conosce sazietà né disgusto né fatica.”

 

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)

Commenti

Sono d'accordo sul fatto di non tentare un'interpretazione teologica del film. Io direi in generale che sfugge un'interpretazione tout court. A questo proposito aggiungo una mia personale idea del film.

2001 Odissea nello spazio è, per i pochi che non lo sanno, un film del 1968 di Stanley Kubrick. La trama, e già qui ci sarebbe molto da dire, è arcinota: ci sono scimmie, animali, combattimenti e poi astronavi e astronauti. Ma, soprattutto, c’è il monolite. Ma non è questo di cui volevo parlarvi.
Questo film è soprattutto uno stato mentale. Ricordo di aver visto al cinema una decina d’anni fa la versione restaurata. Inizia con lo schermo completamente buio e una musica vagamente ossessiva per buoni 5 minuti. Appunto uno stato mentale: non vedi, senti e pensi.
Ma è l’assoluta asciuttezza del tutto che trae in inganno. I dialoghi sono così banali e rari che potreste pure vedere la versione in giapponese con i sottotitoli indù e non vi perdereste nulla. Ed inoltre, a mio modesto avviso, non è neanche un film di fantascienza in senso stretto.
Infatti, chi chiedeva a Kubrick qual’era il significato del film, lui rispondeva che non era importante quello che ci trovava o vedeva lui, ma quello che ciascuno di noi ci vede.
Questo film è uno specchio magico: ci fa vedere non ciò che siamo convinti di vederci ma ciò che PENSIAMO. E’ un film dallo straordinario potere evocativo.

Concordo pienamente sul non cercare di dare interpretazioni teologiche dell'opera.
A questo proposito aggiungo una mia "idea" del film

2001 Odissea nello spazio è, per i pochi che non lo sanno, un film del 1968 di Stanley Kubrick. La trama, e già qui ci sarebbe molto da dire, è arcinota: ci sono scimmie, animali, combattimenti e poi astronavi e astronauti. Ma, soprattutto, c’è il monolite. Ma non è questo di cui volevo parlarvi.
Questo film è soprattutto uno stato mentale. Ricordo di aver visto al cinema una decina d’anni fa la versione restaurata. Inizia con lo schermo completamente buio e una musica vagamente ossessiva per buoni 5 minuti. Appunto uno stato mentale: non vedi, senti e pensi.
Ma è l’assoluta asciuttezza del tutto che trae in inganno. I dialoghi sono così banali e rari che potreste pure vedere la versione in giapponese con i sottotitoli indù e non vi perdereste nulla. Ed inoltre, a mio modesto avviso, non è neanche un film di fantascienza in senso stretto.
Infatti, chi chiedeva a Kubrick qual’era il significato del film, lui rispondeva che non era importante quello che ci trovava o vedeva lui, ma quello che ciascuno di noi ci vede.
Questo film è uno specchio magico: ci fa vedere non ciò che siamo convinti di vederci ma ciò che PENSIAMO. E’ un film dallo straordinario potere evocativo.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.