Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Il terremoto, un monito inascoltato

Il terremoto, un monito inascoltatoIl terremoto in Italia centrale è la nostra tragedia più consueta, nazionale, uno specchio dentro il quale noi tutti ci riflettiamo.

Ogni cinque, dieci anni, l’Italia è percossa da un rapido movimento della terra, che miete vittime in numero sempre superiore a quanto può essere umanamente tollerato. Anche questa volta i morti non sono pochi, le lacrime scorrono copiose e la retorica non tarda a farsi travolgente.

In Italia il terremoto è motivo di cordoglio politico, di affarismo criminale, di lacrimosa apertura di telegiornali. Il terremoto non è mai, o quasi mai, ascoltato come il più potente monito a rifare, a ricostruire, a ridarsi da fare con regole diverse, su terreni diversi, su piani meno fragili e più solidi. E a farlo in fretta.

Adesso che sotto le macerie si scava per estrarre vivi e morti, le pietre lasciate ai margini delle strade, i mattoni trasformati in disordinati cippi funerari, sono la concreta reificazione di quel monito a rifare meglio.

Osservando le fredde e polverose macerie, l’Italia dovrebbe imparare a non produrne più, a non farsi più strappare la vita dalle unghie bestiali della morte più terribile. Dovremmo imparare a sturarci le orecchie per ascoltare il pianto delle vedove e degli orfani; a pulirci gli occhi per guardare il terrore nei volti dei sopravvissuti e lo strazio immortalato su quelli dei morti.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Subito dopo questi eventi apprendiamo dell’esistenza di un’Italia operosa, la Protezione Civile, e di una oziosa, la politica. I tecnici si prodigano per spiegare gli eventi, i politici si siedono e aspettano che la situazione si plachi. Nel mezzo, nella terra di nessuno che separa tecnici e politici, la cittadinanza italiana vive con rassegnato fatalismo lo scorrere delle immagini dagli scavi, delle fotografie sul sito della Cnn, delle dichiarazioni dei testimoni. Il popolo è chiamato ad addebitare le colpe a un ente superiore, come nel dialogo di Leopardi tra la natura e un islandese.

Le colpe… Ma le responsabilità sono tutte in capo a chi non ha favorito la messa in sicurezza di quella mezzaluna dei terremoti che parte dall’Irpinia e raggiunge le Marche passando per l’Abruzzo e il Molise. Questi colpevoli sono coloro che per primi avrebbero dovuto ascoltare il monito dei terremoti precedenti, affinché Amatrice non fosse rasa al suolo con il suo tragico portato di vittime e affinché quel territorio non fosse straziato nuovamente da un evento prevedibile, perché ripetibile. Ecco allora la colpa più grave: la sordità. Il terremoto in Italia è un monito che resta sempre inascoltato da chi di dovere.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (6 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.