Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Il tempio di Mitra nei sotterranei di Londra

Il tempio di Mitra nei sotterranei di LondraQuando Michael Bloomberg, il miliardario ex sindaco di New York, sceglie di costruire la nuova sede delle sue attività a Londra, il sito che lo colpisce è sopra un tempio mitraico. Bloomberg decide di intervenire con un progetto curato da Sir Norman Foster, convinto che Londra possieda una lunga storia di incroci di civiltà e di commerci,e dunque orgoglioso di costruire sopra questa tradizione.

Il progetto di Foster si appoggia sul sito del tempio originale, agendo da “contenitore” dei resti archeologici esposti.

Il tempio fu scoperto durante alcuni scavi nel 1954, e l’attribuzione a Mitra deriva dal ritrovamento della testa di un dio giovane e virile. Si fa risalire la datazione del tempio al 240 d.C. quando gli strati della città erano più bassi di sette metri. Il luogo di culto sarebbe stato costruito presso l’antico fiume Walbrook.

Nel 1962 i resti furono spostati di sessanta metri vicino a un parcheggio e i muri risistemati disordinatamente. Ulteriori scavi più mirati hanno permesso di individuare un livello nel sito originale con centinaia di tavolette in legno che documentano le prime testimonianze di scrittura in Inghilterra dall’arrivo dei Romani e dove si riscontra per la prima volta l’uso della parola “Londinium”.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

L’attuale sistemazione ha riportato i resti nel loro sito originale ed è aperta al pubblico dal 14 novembre. Come si evince dalla sezione longitudinale si ha uno spazio al livello terreno destinato a esposizioni temporanee. Scendendo di sette metri le ripide scale in pietra nera, accompagnati dalla “colonna sonora” registrata dello strascicare dei sandali e canti in latino, ci si trova al secondo livello, dove in una lunga teca di vetro vengono esposti diversi reperti archeologici, 600 dei 14 mila rinvenuti, tra cui significativi sono una porta in legno, un elmetto da gladiatore scolpito in ambra, e una tavoletta di legno con i primi conti di una transazione finanziaria in Inghilterra. I canti, le luci soffuse e i reperti archeologici illuminati nella teca: il visitatore è immerso nell’atmosfera del tempio e vive un’esperienza multisensoriale.

Il tempio di Mitra nei sotterranei di Londra

Il culto di Mitra, praticato dai Romani dal I sec. a.C. fino al III-IV secolo d.C è sempre associato al dio come uccisore del Toro Sacro, (“Mitras the bull slayer”). Come fede, è di origine persiana ed essendo di matrice misterica non ha lasciato fonti scritte, i suoi riti erano segreti come le identità dei suoi adepti, per lo più soldati. In ogni tempio dedicato a Mitra, il santuario alla sua estremità presentava una nicchia dov’era riprodotta la citata tauroctonia, fulcro mitologico dello svilupparsi del culto: Mitra e il dio Sole decidono di uccidere il Toro Sacro, dal cui corpo escano piante e grano e dal suo sangue la vite. Il Dio del Male Ahriman manda un serpente e uno scorpione a bloccare la sovrabbondanza di vita che deriva dall’animale ferito, senza però riuscirci perché il Toro alla fine ascende alla luna e dà origine a tutte le specie animali, suggellando così il rapporto tra Mitra e il dio Sole. Questo tema ha appassionato nel tempo molti artisti, tra cui spicca Pablo Picasso che ha realizzato diverse incisioni sul tema di Mitra e del Minotauro.

Il tempio di Mitra nei sotterranei di Londra

Tutto questo per quanto riguarda il mito, mentre altre interpretazioni ne svelano una matrice astronomica che ritrova in tutti i protagonisti della storia alcune costellazioni. 

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Il tempio mitraico scoperto a Londra, ora trasformato in museo, con tutti i suoi resti archeologici conferma l’avanzamento di questo culto fino ai confini nordici dell’Impero Romano.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.