14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Il silenzio, l’amore e le favole. Intervista Davide Boosta Dileo

Il silenzio, l’amore e le favole. Intervista Davide Boosta DileoCi sono volte in cui l’incontro con i libri è simile all’incontro con le persone. Il libro giusto al momento giusto. Esattamente come per le persone, è meraviglioso imbattersi in parole che resistono e persistono nella mente anche giorni dopo la lettura. Ed è quello che ha realizzato Boosta, Davide Dileo, il leader dei Subsonica. Ha scritto un libro che sembra conosca la chiave per decodificare il cuore. Vi entra e resta. C’era una volta il silenzio, uscito per Mondadori, ha la forza di essere il libro giusto al momento giusto, qualsiasi sia il momento.

Sono favole. Il silenzio, Tutto il niente del mondo, La strada, Come nacquero il giorno e la notte, Il volo e Il pescatore di storie sono solo alcuni dei venti titoli racchiusi nella raccolta che ha il sapore delle storie zen. Leggere e profonde al contempo. Sotto la semplicità delle favole si nasconde l’essenza dell’universo. Si cela l’amore. Non un sentimento sdolcinato o superficiale, si cela la goccia distillata di verità ultima che è il motore stesso del mondo.

Il libro è per gli innamorati, come specifica il sottotitolo, e, grazie a una squisita conversazione con Davide Boosta Dileo, abbiamo scoperto che il filo rosso dell’amore che si percepisce tra le pagine non è affatto casuale.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Com’è nata l’idea di scrivere un libro? Ovvero, dove si incontrano il musicista e lo scrittore?

Mi considero un artista con la a minuscola e scritto in corsivo e fare il musicista nella vita mi sembra un privilegio. Ma quello che faccio, in ultima analisi, è raccontare storie. Che lo strumento sia un articolo, una canzone, un libro, è solo questione di strumenti, appunto.

Inoltre, la favola mi sembra il modo migliore per fare una bella incisione nella corazza che ci circonda e lasciarsi sorprendere dalla meraviglia data dall’aprirsi a un altro. E dire la verità. In ultimo, la favola permette di raccontare qualcosa spostandosi dal piano concreto a un piano senza tempo.

L’idea è nata quando ero lontano dalla persona che amo e, invece di dirci cose inutili per riempire gli spazi della mancanza, avevo pensato di raccontarle ogni sera una favola per raccontarmi. Volevo lasciarle qualcosa di più.

Il silenzio, l’amore e le favole. Intervista Davide Boosta Dileo

C’era una volta il silenzio… Un titolo ricco di significato. Mi viene in mente il fatto che una volta c’era stato il verbo, quindi il suono. Mi può dire qualcosa in più in merito al silenzio?

Senza silenzio non c’è il tempo per ascoltare, per pensare. Il silenzio è l’unico telo su cui si possa ricamare, è una palestra, è lo spazio in cui si può fare una cernita tra i pensieri utili e quelli inutili e gettare via quanto non ci serve più. Il silenzio è anche lo spazio del ricordo, della crescita.

Viviamo una vita frenetica, rumorosa, anche nella solitudine ci inseguono il telefono e i social media con i loro rumori. Per ritrovare il silenzio, bisogna trovarsi in mezzo al mare o in cima a una montagna e sperare che il cellulare non prenda.

 

Nella favola Tutto il niente del mondo scrive che le stanze erano «così grandi da sembrare universi in espansione». Detto altrimenti, fotografa un dettaglio di ciò che realmente siamo, ovvero questo immenso niente che inciampa in un minuscolo qualcosa…

Lo spazio e il silenzio si trovano in un rapporto di assonanza. È nello spazio che si muovono i pensieri. Le stesse relazioni necessitano di spazio perché in sua mancanza non possono crescere, espandersi, trasformarsi. Non si può vivere senza spazio o senza silenzio. Il momento dell’abbraccio è bellissimo ma sarebbe un incubo se ci si trovasse tutti schiacciati gli uni contro gli altri.

Il punto è questo: il mondo è in continua espansione e noi cerchiamo di rimpicciolirci al suo cospetto invece di adottare la prospettiva opposta ed espanderci assieme a lui.

Il silenzio, l’amore e le favole. Intervista Davide Boosta Dileo

Il coraggio è un dono… Cosa comporta averne e cosa comporta non averne?

Il suo paradigma è lungo, quindi tento una sintesi. Il coraggio è uno strumento forte e difficile da usare. È di certo un ottimo obiettivo, quando manca, ma è anche un paradosso, perché se non hai coraggio devi averlo per raggiungerlo.

Nella sua essenza, poi, che cosa vuol dire? Essere onesti con se stessi e con gli atri? Accettare ciò che si è?

Come vede, il coraggio credo che sia tutto e il contrario di tutto. E, fondamentalmente, come dicevo nella favola che cita, sì, è un dono.

 

Dice un giorno un granello di polline in risposta a una preoccupata foglia: «il vento è solo una strada. E alla fine di ogni strada c’è sempre un posto in cui posarsi. Quella strada è la mia casa…»

Io ho sempre bisogno di una strada. Per oppormici, per proseguire. È ciò che dà un senso a quello che facciamo perché non siamo fatti per stare fermi. La vita stessa percorre una strada: si nasce, si cresce, si muore. L’universo è movimento.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Ci sono molti passi che ho trovato non soltanto poetici, ma anche intensi da un punto di vista concettuale, uno di questi è quello legato al futuro. C’è una goccia di futuro contesa dai sogni e dalle idee, eppure essa scivola via lungo una rampa verso l’esistenza e diventa irraggiungibile per entrambe le fazioni. Che cos’è il futuro per lei?

Per me è molto difficile stare nel presente. Il futuro mi piace moltissimo, lo trovo la benzina del presente. Cioè, oggi è la base di domani anche se, in ultima analisi, non sappiamo nulla di quel domani. Ma è anche è un tempo difficile da maneggiare, affilato, e a vivere nella prospettiva del futuro si rischia di non vivere il presente.


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori e scrittrici.

Per la prima foto, copyright: Priscilla Du Preez on Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.