Diffondi libro

Conoscere l'editing

Curiosità grammaticali

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Il senza trauma di chi non lo vede più

[Articolo pubblicato sulla Webzine Sul Romanzo n. 1/2013]

Webzine 1/2013, Senza trauma, Daniele GiglioliOggi, non colpiscono più alla pancia, perché hanno capito che, quando si parla all’apparato digerente, si dura il tempo della defecazione. I quindici minuti non bastano più e, aspirando all’eternità, si colpisce al cuore. Che, ormai, non pompa più sangue, ma introietta emozioni a buon mercato, roba da fast food letterario che, al confronto, i libri di Liala sembrano produzione biologica arrivata dall’orto della nonna.
Cristallizzata la bontà in buonismo, tutto diventa pseudo-fiaba in cui il male non è mai sadico, ma si dibatte tra una sofferenza svelata nel finale, mediocre agnizione da Siti ai tempi d’oro della D’Eusanio, e semplice cattiveria chic à la Funny games o Il nastro bianco di Haneke, che si è perso dietro l’analisi sociologica della ricerca sull’origine del male, che è sempre esterna: l’individuo è buono e la colpa della cattiveria è della televisione o della società, ridotte talmente ad abnormi soggetti universali che i giurati del Festival del Cinema di Cannes, sentendosi incarnazioni dello spirito assoluto, pensano di esserne esclusi, non volendo riconoscere l’esistenza di qualcosa più universale di loro e capace d’inglobarli e direzionarli. Talvolta, i premi gridano la vendetta dei premianti.
Ogni epoca ha la sua metafisica che, come sempre, assolve la stessa funzione: ingigantire per nascondere, spostare l’asse un po’ più in là, fino a quando lo sguardo crede di vedere una rappresentazione sensata in una nuvola qualsiasi. La realtà perde di consistenza e diventa il reale, scomparendo dietro una riflessione sul senza trauma, che, come in Daniele Giglioli[1], si fonda sull’incapacità di riconoscere le nuove forme in cui si manifesta.

[1] Daniele Giglioli, Senza trauma. Scrittura dell’estremo e narrativa del nuovo millennio, Quodlibet, Macerata 2011.

[Per continuare a leggere quest'articolo, clicca qui e vai a pagina 14]

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.