Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Il senso della vita raccontato da Edith Pearlman in “Intima apparenza”

Il senso della vita raccontato da Edith Pearlman in “Intima apparenza”Esce in prima edizione a luglio 2017 con Bompiani Intima apparenza di Edith Pearlman, nella versione tradotta in italiano da Stella Sacchini dall'inglese americano. Il titolo originale del libro, Honeydew, è legato a uno dei racconti, Melata appunto. Questa secrezione zuccherina lasciata dagli insetti sui vegetali e raccolta dalle api le quali, a loro volta, la depositeranno nel loro alveare e diventerà parte del loro miele, “catturato” anche da altri esseri, tra cui gli umani. L'essenza di questa dolcezza che viene presa, trasportata, trasformata, lasciata... zuccheri che nel libro della Pearlman diventano sentimenti, soprattutto amore e dolore.

Un libro struggente, Intima apparenza, che mostra al lettore la disarmante sofferenza quotidiana, che lacera e tormenta nei gesti ordinari e abitudinari della vita, i desideri che rimangono nascosti, gli amori celati, le passioni proibite, i dolori profondi... «chiunque fossero, erano stati spediti all'altro mondo e avevano abbandonato il futuro. Avevano voltato le schiene morte ai sopravvissuti condannati a piangerli fino alla fine dei loro giorni».

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Ventidue racconti, alcuni brevi altri di più ampio respiro ma tutti, indistintamente, profondi e intensi. Storie che il lettore legge come rapito dall'abilità narrativa dell'autrice, magistralmente preservata dalla traduttrice, dal registro linguistico che sembra formarsi attorno ai vari personaggi e originarsi direttamente dal loro parlare. Tante storie che raccontano tanti argomenti. Narrazioni del vivere quotidiano ambientate in una camera, una casa, un ospedale, un bosco o una via... fin da subito e ogni volta l'ambientazione sembra essere determinante per il racconto ma poi il lettore scopre che ad esserlo, in realtà, sono le persone e i loro sentimenti indissolubilmente legati a doppio filo non solo con l'ambiente che li circonda ma proprio con la Natura da cui tutto si origina.

Il senso della vita raccontato da Edith Pearlman in “Intima apparenza”

La natura, il tempo, i sentimenti... componenti essenziali dell'essere e della stessa vita. Esistenze intere votate a risparmiare tutto per poi scoprire che è meglio «spenderlo il tempo piuttosto che risparmiarlo». Abbandonare l'ottica della sola apparenza e concentrarsi verso obiettivi e concetti meno effimeri seppur egualmente evanescenti. «Ciò che contava davvero per Bonnie era come ci si comporta finché la morte ti permette di vivere e come affrontare la morte quando la vita ti lascia».

 

LEGGI ANCHE – La disperazione del viver quotidiano in “Ogni spazio felice” di Alberto Schiavone

 

La perdita prematura di un congiunto, la malattia, la sofferenza, la devianza, i disturbi mentali e quelli fisici, la paura, l'adulterio, i disordini alimentari, i compromessi... argomenti forti trattati dalla Pearlman con grande profondità e sensibilità, raccontati al lettore attraverso i pensieri, le azioni e le parole dei protagonisti delle intense storie partorite dalla sua fervida immaginazione che molto, moltissimo sembra aver attinto e imparato dalla vita quotidiana, dall'apparente ordinaria vita che uomini e donne, adulti e bambini vivono ogni giorno. La normalità, dietro cui spesso si nascondono un grande mistero, un segreto, un vizio o una virtù. Proprio dall'osservazione dei comportamenti umani sembrano aver avuto origine le storie narrate da Edith Pearlman in Intima apparenza, filtrate dalla sua immaginazione ed elaborate dalla stessa autrice in base a quello che effettivamente si era prefissa raggiungesse e colpisse i suoi lettori.

Il senso della vita raccontato da Edith Pearlman in “Intima apparenza”

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Storie che, come frecce scagliate dall'arco di un abile arciere, raggiungono il centro dei pensieri di chi legge le parole e, al contempo, riflette sul loro significato. Un libro, Intima apparenza di Edith Pearlman, di un realismo talmente vero da apparire crudele.


Per la prima foto, copyright: Toa Heftiba.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.