Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Il seme dell’arte e dei libri. “Extremity” di Daniel Warren Johnson

Il seme dell’arte e dei libri. “Extremity” di Daniel Warren JohnsonCon Extremity, attraverso un lungo racconto grafico in due volumi ambientato in un crudele scenario post-apocalittico, Daniel Warren Johnson si pone un obiettivo ambizioso: raccontare patologie contrastate di grande portata – l’eterno conflitto tra vocazioni e crudele scontro con la realtà, la difficoltà di accettare i propri limiti sapendo perdonare, il rapporto tra fratelli, di sangue oppure acquisiti –  e ragionare sull’orrendo declino del sentimento votato alla vendetta inestinguibile e al conflitto eterno. Il risultato è in definitiva convincente ma, nel complesso, non privo di limiti. Nei due capitoli – Artista e Guerriera – (entrambi editi da SkyBound in America, ed entrambi curati da SaldaPress per la traduzione italiana di Stefano Menchetti) l’autore si prende tutto il tempo per strutturare visivamente il suo universo, debitore allo stesso tempo di sinistre atmosfere cyber-punk (vedi Mad Max) e di lugubri richiami agli archetipi tragici (colpe inestinguibili dei padri, figli costretti a pagare l’incapacità dei genitori di gestire il senso della sconfitta e della solitudine), passando per una futuristica operazione di recupero di archeologia industriale che strizza l’occhio alla fantascienza orientale.

Il seme dell’arte e dei libri. “Extremity” di Daniel Warren Johnson

In questo teatro, un mondo composto da meteore fluttuanti, che si inseguono tra loro senza alcun orientamento fisso, due clan rivali (i Paznina e i Roto) si rincorrono con l’intento di sterminarsi, inseguendo un’antica vendetta e una sete di sangue ritenuta estinguibile solo attraverso l’annientamento altrui. La ricerca di un’impossibile serenità, per arrivare alla quale non si prospetta altra via che la punizione e la morte, è infatti la grande nube da cui si sprigiona l’atmosfera cupa e tossica che pervade l’intera vicenda. Thea e Rollo, i due fratelli protagonisti, appartengono al clan dei Roto, ormai quasi ridotto alla completa estinzione. Figli del capotribù, sono orfani di madre, trucidata dai rivali, mentre a Thea, eccellente disegnatrice prima che feroce combattente, è stata amputata la mano destra, con l’esplicito intento di cancellarne l’identità. Rollo è invece un profilo intellettuale: maschio solitario, rigetta con forza la spirale di violenza da cui la sua comunità pare soggiogata, rifiuta la cultura del gruppo, ama i libri e si dedica allo studio delle antiche lingue ormai scomparse, tramite le quali cerca di ricostruire un legame ideale con le civiltà che lo hanno preceduto. Sarà la loro rispettiva presa di coscienza, e il loro estremo tentativo di spezzare la violenta catena che li perseguita, a far prendere alla vicenda una piega inesorabile, verso una disperata resa dei conti.

Il seme dell’arte e dei libri. “Extremity” di Daniel Warren Johnson

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Lo schema, si diceva, non è nuovo ma rivela mire decisamente elevate. Da un punto di vista illustrativo e citazionistico, l’architettura rimanda a un complesso barocchismo denso di riferimenti che, considerata la natura metaforica della parabola, risulta addirittura eccessivo: una linea narrativa di questa portata avrebbe potuto essere assecondata in modo più adeguato attraverso tinte maggiormente lineari, e anche se i caratteri principali sono delineati senza risparmio di complessità, e con grande fedeltà emotiva, i comprimari più importanti risultano (in molti casi) elementi dalle curve un po’ troppo prevedibili per non essere ridotti a meccanismi a comando.

Il seme dell’arte e dei libri. “Extremity” di Daniel Warren Johnson

Per quanto riguarda i toni narrativi veri e propri, invece, Johnson non nega che il respiro della vicenda, a cui si è dedicato dalla sceneggiatura ai colori, si collochi appunto tra l’intimo e il titanico, e che di questa missione l’esagerazione, anche nelle scelte grafiche talvolta fin troppo eccessive, sia lo scheletro fondamentale: sono comunque i giovani, per i quali è ancora possibile sperimentare una nuova redenzione – o almeno la sua ricerca – a doversi far carico della liberazione dell’animo comune, e proprio la capacità di contatto di Thea e Rollo con due universi (l’arte e i libri) all’apparenza lontani anni luce dalla brutale dialettica dello scontro, ma con essa sempre mescolati, si trasformerà nel seme possibile dell’alternativa.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Il suggerimento di credere nell’avvenire del passato e della sua eredità è senza dubbio una leva ammaliante per il lettore, ed è in definitiva l’esito del lavoro che Johnson propone, un manoscritto orientato alla visione di un’umanità nichilista e rancorosa, mossa da una furia sorda e incancellabile, dalla quale emergono estremi tentativi di rimanere aggrappati a un diverso senso della Storia, con un mosaico di immagini frammentate e apparentemente indecifrabili, e tuttavia degne del miglior sacrifico.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.