In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

“Il seggio vacante” di J. K. Rowling

Il seggio vacante, J. K. RowlingDIMENTICARE HARRY?
Non so. C’è quel vecchio proverbio sul fingere di non vedere un elefante in un negozio di cristalli, o qualcosa di simile, ma forse ne ho mescolati due assieme. Ecco, mi è sembrato che sarebbe stato molto opportuno tralasciare coscientemente di ricordare che J. K. Rowling è l’autrice della saga di Harry Potter e iniziare ad analizzare il suo ultimo romanzo, il primo per adulti. Così, in genere, si tende a fare, visto che tra la saga e il romanzo non ci sono grandi legami e può essere superfluo continuare a citare le ovvietà.

Ci sono, però, due considerazioni che mi hanno trattenuto e fatto decidere di impostare una lettura del testo proprio ricordando il grande maghetto. Innanzitutto, la casa editrice (Salani Editore, per l’Italia) è perfettamente consapevole che la fama del personaggio precede l’autrice; con grande onestà, molti hanno acquistano o si sono procurati il romanzo per il nome della Rowling, perché, semplicemente, hanno intenzione di leggere qualsiasi cosa lei scriva. C’è la curiosità, innegabile, di vederla all’opera in un campo tanto diverso da quello della letteratura per ragazzi; c’è forse anche la speranza (tradita, per altro) di ritrovare qualcosa della magia di Hogwarts all’interno di Pagford, il borgo inglese in cui è ambientata la storia. E l’editore, come dicevo, lo sa: una copertina rossa, contornata di giallo, su cui campeggiano titolo e nome dell’autrice. Non ci si può permettere un’elegante operazione grafica di questo tipo se non si è certi che il libro venderà; ed è giusto e normale che sia così.

Apriamo poi una seconda pista. Ho come avuto l’impressione che la Rowling faccia di tutto per spingerci a dimenticarla quale autrice di Harry Potter; non si tratta di un giudizio di valore sulla qualità, quanto di una sorta di analisi delle tecniche narrative e tematiche. Il seggio vacante (trad. di Silvia Piraccini, Salani editore, 2012) è anzitutto un romanzo polifonico, o meglio corale, in cui è impossibile rintracciare un vero protagonista; a meno che non si decida di scegliere Barry Fairbrother, la cui morte, nella seconda pagina del libro, dà il via alle danze della storia. Attorno a questo primo episodio se ne incatenano molti altri, che vedono l’apparizione di numerosi personaggi, adulti e ragazzi, uomini e donne, di diverse estrazioni sociali, legati tra loro da relazioni variegate: Samantha e Miles, ad esempio, formano la coppia che soccorre Barry e la moglie, Mary; ma si dà il caso che il padre di Miles, Howard, sia anche il nemico politico di Barry, che a sua volta… e via così. Si tratta di una modalità narrativa rintracciabile, al cinema, nella commedia inglese e americana: tanto per citarne due, Love actually del 2003 o La verità è che non gli piaci abbastanza del 2008. Si aggiungano, poi, le tematiche. Sesso, droga, centri di recupero, tradimenti matrimoniali, prostituzione, pornografia, corruzione, psicologi per il disagio, parolacce: nulla di tutto ciò era presente, com’è ovvio, nella saga per ragazzi. A Pagford, invece, non manca nulla, senza che tuttavia la storia sia pesante o falsa. Anzi: arrivando al punto, il merito della Rowling è di essersi dimenticata di Harry Potter e di aver scritto un romanzo molto diverso, che si occupasse in particolare dell’Inghilterra contemporanea nello specifico e, in seconda istanza, della realtà che tutti noi oggi possiamo vivere.

Per essere chiari: non credo di avere tra le mani un capolavoro. Un bel romanzo, scritto bene, anzi benissimo; una storia avvincente, personaggi molto ben delineati e approfonditi, la capacità di vedere oltre la realtà che ci circonda e di crearci degli strumenti per orientarci meglio, un’ambientazione quasi perfetta e molto vivace, un ritmo gestito con maestria difficilmente imitabile. Ma la mia domanda è, purtroppo, sempre la stessa: se lei non fosse lei, avrei letto lo stesso il romanzo? E mi sarebbe piaciuto così tanto? Come dire, Harry ha lasciato il suo segno ancora una volta; forse, il seggio vacante del titolo potrà essere occupato, nel cuore e nella mente di molti lettori, solo e sempre da lui. 

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.3 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.