Interviste a scrittori

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Curiosità grammaticali

Il Ruzzle di Alice al Festival Internazionale del Film di Roma

Julianne Moore, Still AliceChi è pronto a una partita a Ruzzle con Alice? Vi avviso, si tratta di una versione molto particolare del gioco che ci spinge a trovare parole dal senso compiuto in mezzo a una scacchiera di lettere confuse.

La versione che si è trovata di fronte Alice Howland, protagonista del film Still Alice (presentato alla nona edizione del Festival Internazionale del Film di Roma) è assai più complessa e dinamica. Nella versione di Alice le lettere possono improvvisamente perdere di significato, dissolvendosi nella mente quando si è a un passo dalla soluzione.

Studiosa di linguistica e professore alla Columbia University di New York, Alice ha subito il fascino del linguaggio fin da quando ha preso in mano il primo libro (lo cita come uno dei primi ricordi infantili) e da allora la sua mente non si è più fermata, rovistando nei meccanismi più profondi del sistema fonetico che abbiamo scelto come veicolo primario per condividere le nostre emozioni e i nostri desideri.

Poi qualcosa si blocca nella testa di Alice, i neuroni si scheggiano, puntine difettose che vanno avanti e indietro sui dischi della memoria. Alice scopre di avere una versione precoce dell’Alzheimer che la trasformerà in poco tempo nel guscio della persona che era prima. Ed è in questo momento che il film diretto da Richard Glatzer e Wash Westmoreland (registi diventati cult nel 2006 al Sundance Festival con il loro Quinceañera) sale di livello, riuscendo a evitare tutte le possibili trappole di un plot del genere (incursioni nel patetico o nel moralistico ), regalando al pubblico la possibilità di entrare nel sistema percettivo di un malato di Alzheimer senza preconcetti.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Alice (nomina sunt consequentia rerum) ci guida in un mondo di meraviglie al contrario, che lei stessa non conosce e di cui non sa prevedere l’evoluzione. Un mondo che la spaventa, che la porterà all’annullamento, ma che Alice vuole comunque perlustrare, decodificare. Perché la sua voglia di conoscenza ed espressione di se stessa, pretende l’impossibile. Pretende la salvezza. E sebbene tutti, a cominciare da Alice (e da una eccezionale Julianne Moore che l’interpreta), sappiamo che alla fine lei perderà la partita, non possiamo smettere di tifare.

Il film di Glatzer e Westmoreland, tratto dal romanzo omonimo di Lisa Genova, neuro-psichiatra americana, ha il merito di portare sul grande schermo una visione sistemica di cosa accade nella mente di un malato di Alzheimer e in quella delle persone che lo circondano, riuscendo a bilanciare quel Sense and Sensibilty che sembrava impossibile da raggiungere per le sorelle Dashwood, almeno secondo un lettore frettoloso di Jane Austen.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.