Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Diffondi libro

Curiosità grammaticali

Il racconto della nostra inquietudine. “Voragine” di Andrea Esposito

Il racconto della nostra inquietudine. “Voragine” di Andrea EspositoVoragine, scritto da Andrea Esposito e edito da Il Saggiatore, ha già riscosso un successo notevole entrando nella rosa dei finalisti del premio Calvino 2017.

Generalmente uno dei tratti caratterizzanti di un libro, al di là di quelli che sono i personaggi che possono o meno piacere al lettore, è proprio la fitta rete di ambienti entro i quali si risolvono le azioni degli esseri che popolano le pagine stampate. In effetti il sistema uomo-ambiente assume in questa narrazione, definita da molti metafisica, connotati del tutto particolari: pochi e vaghi sono i riferimenti che vengono fatti a luoghi concreti, solo un acquedotto romano in provina spicca tra tutti, in una città non meglio specificata. Un clima decadente, inquietante che a tratti richiama un vero e proprio universo lovecraftaino che si coniuga a elementi fin troppo realistici. Il connubio avviene attraverso una serie di immagini simboliche che collegano la dimensione del creato umano nella sua putredine con il riflesso della sua essenza contaminata dalla ferocia e dalla supremazia, dettata anche da interessi di carattere economico.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Al degrado e alla frantumazione che accompagnano Giovanni, il protagonista del romanzo, corrisponde infatti una crisi dilagante dei valori interiori. Numerose sono le scene in cui la forza ferina sembra sostituirsi al raziocinio, dove quindi quella dimensione soprasensibile si fa carne negli atteggiamenti della bestialità umana, pur non perdendo però il filo del discorso in un bilico vacillante tra il non-luogo e il suo contrario.

Il racconto della nostra inquietudine. “Voragine” di Andrea Esposito

Non risultano essere esenti da questa capacità mimetica e fluida neanche i luoghi chiusi, quelli in cui solitamente gli attori del copione narrativo si confrontano con se stessi o con le persone che gli sono più affini. Lo spazio circoscritto è sottoposto a un processo di metamorfosi progressiva, se all’inizio vediamo come la casa – in realtà un’abitazione molto di fortuna – nella quale Giovanni vive rappresenti seppur debolmente un piccolo nido in cui trovare riparo, si svuota di questo significato con la morte del fratello e con la lesione definitiva dei rapporti con il padre. Una riflessione sorge spontanea nella nostra mente: cosa effettivamente è per noi un luogo?

Naturalmente non un luogo qualunque, dove siamo costretti ad andare, ma quello in cui ci sentiamo un po’ più liberi di essere noi stessi, un luogo anche non materiale, inventato, una dimensione ai confini dell’onirico. Notiamo i personaggi, anche quelli apparentemente secondari, trovare riparo in un tunnel o in posti ben lontani dal tepore casalingo, e verranno sferzati se non addirittura uccisi dalle lame taglienti di un vento che non perdona. In realtà una dimensione più intima riapparirà, nella sua evanescenza, con l’incedere degli eventi, perché in fin dei conti i luoghi sono formati anzitutto da persone, persone che tra loro si confidano e si raccontano storie: avviene una maturazione inconsapevole della propria personalità, una formazione del carattere, in particolar modo quello di Giovanni. Lentamente si apre verso l’altro e racconta le proprie storie inventate, forse sogni, chissà… magari con qualche sfondo di verità. Allora nasce una flebile risposta alla domanda che prima ci siamo posti, quelli che noi consideriamo i nostri posti non sono nient’altro che appigli ai quali frammenti di anima e memoria si sono aggrappati, frammenti di noi.

Il racconto della nostra inquietudine. “Voragine” di Andrea Esposito

La decadenza che il libro vuole mettere in risalto è in realtà la tendenza a voler lasciare spazi vuoti, dentro e fuori di noi, la tendenza a non voler appigliarci a niente o al contrario a rimanere intrappolati all’interno di una materia che prima o poi fa rimanere orfani, cadendo appunto nella voragine oscura del millennio. Il libro non fornisce una risposta esplicita a queste che molti considerano le “malattie” del secolo. È un viaggio, ancora una volta soggettivo, nel quale ognuno di noi deve confrontarsi con la sua parte meno nobile che può veder riflessa in qualche riga, anche di sfuggita.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

La presenza del narratore interno, che in alcune pagine ammette di assistere in prima persona a ciò che sta raccontando, non sfocia mai nell’onniscienza, rimane anche lui intrappolato nell’oblio dei materiali che nel libro si fondono. Usa però una sintassi semplice, dove predomina la componente espressionista che esaspera la soggettività del dramma che Giovanni sta vivendo. Tranne rare eccezioni, l’andamento risulta essere infatti paratattico ma non consegnato alla banalità: se infatti si considera la possente trama simbolica, anche il periodo più breve può racchiudere un significato che il lettore è chiamato a scoprire. Il prevalere di immagini tetre e decadenti, di cui oggi siamo più che mai bombardati, non ci deve scoraggiare dal leggere il libro, perché solo immedesimandosi nelle dinamiche evitiamo di cadere nel nero di una profondissima voragine.


Per la prima foto, copyright: Tim Marshall.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.6 (5 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.