In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Il racconto dei nostri fantasmi. Intervista a Nadia Terranova

Il racconto dei nostri fantasmi. Intervista a Nadia TerranovaHo avuto il piacere di intervistare una delle giovani voci più interessanti del panorama letterario. Nadia Terranova, infatti, dopo il successo di pubblico e i premi ottenuti con Gli anni al contrario (Einaudi 2015) è tornata in libreria con un nuovo romanzo, sempre edito da Einaudi che porta il titolo di Addio fantasmi. Un’opera apparentemente al femminile, ma che cela molto di più al suo interno: dolori, mancanze, strappi, male di vivere e voglia/bisogno di reagire. Una storia quella raccontata dall’autrice che dall’individuale passa all’universale abbracciando le esistenze più variegate, sono sicuro che chi di voi lo leggerà troverà tra le pagine un pezzo di sé, o comunque verrà spinto a dar voce ad angoli reconditi del proprio essere silenti da tempo.

 

Volevo iniziare col chiederle qualcosa che probabilmente le avranno già domandato un migliaio di volte, ma ci terrei che anche i lettori di Sul Romanzo potessero conoscerla meglio. Nadia bambina già sapeva che sarebbe diventata un’apprezzata scrittrice o erano altri i suoi sogni?

Volevo fare la postina o la geologa, poi invece a un certo punto in terza elementare alla maestra che mi chiedeva se volessi fare la giornalista ho risposto convintissima: no, la scrittrice. Avevo da poco finito di leggere Piccole donne.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Con Gli anni al contrario ha vinto numerosi premi e ottenuto riscontri su larga scala. Cosa cambia nel cuore e nella mente di una persona che di parole vuole vivere quando accade qualcosa del genere?

È bello se arriva qualche conferma, soprattutto all’inizio, è utile a non scoraggiarsi, a rafforzare la direzione.

 

Ogni volta che si pubblica un nuovo romanzo ci si sente fragili, nudi, esposti al giudizio, come ha vissuto l’uscita di Addio fantasmi, soprattutto tenendo presente il successo del suo precedente lavoro?

Ormai lo so che quando scrivo mi sento così, ma non saprei fare diversamente.

Il racconto dei nostri fantasmi. Intervista a Nadia Terranova

Ida, la protagonista dell’opera, è una donna di trentasei anni che vive costretta dalle catene messe su da una tredicenne vittima di un dolore inaspettato, può parlarci di lei?

Il dolore inchioda e paralizza, può passare moltissimo tempo prima che si trovi davvero la via d’uscita. Vorrei dire che non è vero, che è banale, invece è proprio così che accade, e a volte quel tempo lunghissimo può essere infinito.

 

Il suo romanzo all’apparenza potrebbe sembrare un’opera al femminile, si parte con la figura della nonna paterna, poi incontriamo la madre di Ida, la sua migliore amica Sara. L’universo maschile viene raccontato quasi esclusivamente attraverso gli effetti che questo ha nella vita delle donne. Come mai questa scelta?

Il precedente, Gli anni al contrario, aveva per protagonista un uomo, Giovanni, e mi ero immersa completamente nel suo sguardo, stavolta mi è venuto naturale fare la scelta opposta.

 

LEGGI ANCHE – “Gli anni al contrario” di Nadia Terranova: la fatica di diventare adulti

 

La mia impressione è che i protagonisti indiscussi del romanzo siano Ida e suo padre Sebastiano, perché la sua assenza si fa presenza ogni giorno, nei singoli respiri, nelle scelte della figlia prima, della donna e della moglie che Ida diventerà poi. Davvero i fantasmi possono condizionare a tal punto l’esistenza se non li seppellisce in modo adeguato?

Sì, al punto che per me i protagonisti non sono Ida e suo padre, ma Ida e il fantasma di suo padre.

 

La sua opera dà modo di riflettere molto sui rapporti tra genitori e figli, sugli effetti che i primi anni di vita avranno sul futuro tutto. Come scrittrice cosa intendeva comunicare raccontando la storia di Ida e sua madre e il triangolo Ida, madre, padre assente? Come madre invece come vive tale consapevolezza?

Non penso mai a me stessa dentro un ruolo, penso alle relazioni familiari come un teatro dove dietro la facciata ci sono persone più complesse di un’etichetta, chiunque è insieme figlio, genitore (persino se non ha figli), fratello, amante… Siamo tanti ruoli, tutti insieme.

Il racconto dei nostri fantasmi. Intervista a Nadia Terranova

Ida non permette a nessuno di avvicinarsi al suo dolore, neppure al marito Pietro è consentito, forse solo l’incontro con l’amica Sara, ormai adulte entrambi, e la rivelazione del giovane Nikos la scuotono al punto di sentirsi grata, accorgendosi che ogni essere vivente soffre e affronta drammi spesso non comunicati. Per lei il dolore che forma ha?

Ida a un certo punto del libro lo definisce una piccola sfera arroventata, e all’inizio è proprio così, squarcia, esplode, brucia ininterrottamente. Poi succedono altre cose – non si calma, no, ma viene sopraffatto. E alla fine, solo alla fine, si trasforma.

 

A qualche mese dall’uscita del romanzo quali sono le sue sensazioni, è soddisfatta, è stato compreso nella maniera nella quale lei lo intendeva?

Ora è il momento di lasciare parlare i lettori, ho incontrato tante persone che mi hanno detto di essersi ritrovate in un libro che parla di mancanze, che affronta il dolore così nel profondo. Ora, paradossalmente, la mia storia non è più mia, e adesso sono io che ascolto le loro.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Vorrei chiudere con una domanda di rito, che potrebbe dare speranza a chi ha amato i suoi precedenti libri e non vede l’ora di leggerla nuovamente. Cosa dobbiamo aspettarci nel futuro prossimo, quali sono i progetti dei quali può accennarci qualcosa?

A marzo uscirà un libro per ragazzi a cui tengo molto, come al solito è adatto anche agli adulti. Per ora non dico di più, ma è proprio un piccolo pezzo di cuore, e sarà illustrato da un’artista che adoro.


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori e scrittrici.

Per la prima foto, copyright: Artem Kovalev su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.