Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Il potere dell’intuito nell’amicizia tra donne. Intervista ad Alessandro Pierozzi

Il potere dell’intuito nell’amicizia tra donne. Intervista ad Alessandro PierozziLuce in una notte romana, edito da Piemme, è l’esordio del quasi ottantenne Alessandro Pierozzi che ha deciso di raccontare una storia intensa di amicizia femminile tra due donne tra loro assai diverse. Giovanna e Anna, accomunate da una solitudine che però prende forme diverse, si conoscono e si scelgono fino a diventare amiche. Il tutto sullo sfondo di un Testaccio nel periodo della seconda guerra mondiale tra una famiglia opprimente e condomini non sempre all’altezza di un buon vicinato.

 

Dopo una vita da lettore, a oltre settant’anni anni ha deciso di dedicarsi alla scrittura con il suo primo romanzo. Ci prova a raccontare il percorso che l’ha portata a compiere questo che in genere viene considerato un vero e proprio salto?

In verità la gestazione del romanzo è stata molto più lunga. A metterlo nero su bianco ho cominciato nei mesi di ottobre/novembre del 2000. Quello che scrivevo lo salvavo su dei floppy oggi illeggibili. La spinta, determinante alla scrittura, però, è stata la memoria, il suo sedimentarsi. Fatti, avvenimenti che i miei raccontavano, ma che io stesso avevo vissuto in prima persona, e che nella mia immaginazione risuonavano epici, e che alla fine reclamarono d’essere raccontati.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

Il potere dell’intuito nell’amicizia tra donne. Intervista ad Alessandro Pierozzi

Fino al 2001, anno del suo pensionamento, è stato operaio specializzato. Il lavoro in fabbrica le ha donato una prospettiva particolare sulla scrittura/lettura o è solo stato qualcosa che ha tardato il suo esordio?

Io sono andato in pensione come dirigente sindacale della Fiom CGIL, non più distaccato dalla fabbrica. Nel mio romanzo racconto due microcosmi, quello di un cortile di case popolari a Testaccio, dove ho vissuto, e quello di una fabbrica metalmeccanica dove ho lavorato, per dodici anni e sette mesi, e poi il sindacato della Fiom a tempo pieno. Il mondo della fabbrica che racconto è vissuto dal basso. Le mie esperienze di vita e professionali si intrecciano indissolubilmente, sono parte del romanzo. Penso siano un arricchimento. Io ho sempre scritto, ma soltanto alla fine del 2000, come si dice, il romanzo ha cominciato a uscire dalla mia penna. Evidentemente prima non ero pronto. Non ho rimpianti.

 

Il titolo del romanzo è molto evocativo. Possiamo provare a spiegare ai nostri lettori cosa sono la notte romana e la luce cui si fa riferimento?

Il titolo del romanzo è altamente simbolico. Per quattro motivi. Se te ne vai sul Pincio, oppure sul Gianicolo, o sul Palatino, e ti guardi Roma all’imbrunire, e poi si fa notte, ti godi qualcosa che ti irrompe nell’anima. E questo è il primo dei motivi che evoca il romanzo. L’altro, il secondo, è legato agli aspri conflitti sociali da cui il paese era attraversato nel periodo che descrivo – la disoccupazione non era un’immaginazione, la polizia sparava ad altezza d’uomo, e la Celere di Scelba imperversava. Il terzo motivo lo rappresentano Giovanna e Anna, le protagoniste del romanzo. Vivono una solitudine esistenziale esasperata al limite della rottura. Su trincee diverse combattono per esistere, giorno per giorno. Ed ecco il quarto motivo. La luce è una lama che penetra nel buio di questa notte, e la squarcia. Nasce dall’amicizia tra queste due donne, e l’anima una speranza indomita. È un vitalismo che ha origine e fini diversi. Ma insieme si sostengono e si aiutano a vivere. E Vergilio, lo scorciato, è un altro simbolo di questo vitalismo indomito, carico di futuro.

 

Luce in una notte romanaè un romanzo con due protagoniste femminili tratteggiate con precisione e amorevole cura. Cosa l’ha spinta a indagare l’universo femminile, inserendosi così in una tradizione consolidata di scrittori che parlano di donne?

Io ho due figlie, e non finiscono di stupirmi. Per essere presenti al Salone del Libro di Torino l’undici maggio prossimo, imbarcheranno mariti e sette figli. Quello femminile è un mondo sfaccettato, curioso, litigioso, eroico… fantastico. Mai quieto. L’osservi e non ti annoi mai.

Il potere dell’intuito nell’amicizia tra donne. Intervista ad Alessandro Pierozzi

Giovanna e Anna, le due protagoniste del romanzo, sono entrambe costrette in una realtà domestica che se prima hanno accettato poi vivono come una gabbia. Per certi versi sembra proprio questo ad averle spinte verso una reciproca amicizia. Com’è l’amicizia tra donne vista da un uomo?

Come ho già affermato, quelle di Giovanna e Anna sono due solitudini tra loro diversissime. Giovanna è un angelo guerriero, si batte contro il male e la violenza annidati nella propria famiglia. Lo fa com’è nel suo carattere, a viso aperto, senza retrocedere di un millimetro. La lotta di Anna è quotidiana, si batte per la propria famiglia. Sono due stelle solitarie. Ma è l’intuito di Giovanna che percepisce la solitudine di Anna, e che la penetra e la conquista. L’amicizia tra donne mi sembra guidata dall’intuito, che spesso è infallibile. Ho sempre pensato che sia capace di una profondità e di una intimità particolarissime. Totalità di partecipazione, solidale senza tentennamenti, e nello stesso tempo mutevole, come quelle giornate in cui piove, poi esce il sole, poi piove ed esce il sole, contemporaneamente. E spunta pure l’arcobaleno. Un miracolo che non mi stanco di osservare. Ammirato.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Tutto il romanzo è ambientato nel lotto Sessantanove del Testaccio a Roma e racconta un po’ di tutti gli inquilini. Quali sono i modelli, letterari e non, che l’hanno ispirata per questa soluzione?

L’oralità del racconto. Mio padre era un affabulatore. Pratolini. E poi il cinema neorealista, e il Pasolini di Accattone.

 

La storia del romanzo copre il secondo dopoguerra. Com’è cambiata Roma e come sono cambiati i romani da quel periodo a oggi?

L’anno scorso ho accompagnato un’amica sui luoghi del romanzo. la mia vecchia fabbrica è scomparsa, incorporata nella Terza Università. Il cortile che osservavo dalla finestra non c’è più. Un praticello ordinato, brecciolino, portoncini e persiane nuovi, raccoglitori ecologici, tutto molto curato. I locali fontana nel seminterrato sono in disuso e, miracolo, ci sono gli ascensori. In alcuni casi, per installarli, hanno rifilato le scale. Gente nuova circola per il cortile, e degli abitanti originali, i superstiti lottano con la propria vecchiaia. I locali sotto il monte, da un pezzo, si sono trasformati in ristoranti e locali notturni, ma i giovani che li frequentano e li animano provengono dai quartieri di una Roma bene che non ha niente a che vedere con Testaccio. La trasformazione è profonda. I giardini del quartiere sono pieni di ragazzini e di vecchi. Un po’ ti rallegri del nuovo, un po' ti immalinconisci del vecchio. Io ho settantasette anni.


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori e scrittrici.

Per la prima foto, copyright: Sam Manns.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3.5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.