Corso online di editing

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Corso online di scrittura creativa

Il potere curativo della lettura nell’ultimo romanzo di Fabio Stassi

Il potere curativo della lettura nell’ultimo romanzo di Fabio StassiNegli ultimi anni il nome di Fabio Stassi è divenuto una grande certezza nel panorama editoriale italiano. Dal romanzo d'esordio, Fumisteria, che gli valse il Premio Vittorini opera prima, Stassi si è, infatti, guadagnato molti altri riconoscimenti (il Premio Racalmare Leonardo Sciascia, il Premio Campiello e il Premio Porta d’Oriente, solo per citarne alcuni), collezionando grandi consensi di pubblico e critica con i romanzi L’ultimo ballo di Charlot e Come un respiro interrotto, entrambi editi da Sellerio. Stassi, tuttavia, non si adagia sui successi raggiunti e nel maggio 2016, la sua collaborazione con la casa editrice siciliana porta alla luce un nuovo affascinante romanzo: La lettrice scomparsa.

Protagonista della storia è Vince Corso, un insegnante di lettere di mezza età che si definisce in attesa. In attesa che la scuola decida se assumerlo o licenziarlo definitivamente. Si, perché Vince è un professore precario, che, stanco della sua condizione, decide di investire le sue energie (e i suoi ultimi risparmi) in una nuova attività: un laboratorio di biblioterapia. Apre così un piccolo studio a Roma, in via Merulana, per curare gli altri con i suoi consigli letterari. O almeno provarci. Il nostro uomo, infatti, dubiterà più volte di sé e delle proprietà curative della letteratura, ma la voglia di scommettere su sé stesso e la notizia della scomparsa di un’anziana vicina di casa lo spingeranno a continuare sulla sua strada.

 

LEGGI ANCHE – Fabio Stassi: “Come un respiro interrotto”, un libro che chiama i lettori a una nuova sfida

 

Il romanzo, dunque, procede lungo due binari paralleli: da un lato, la nuova professione di Vince, biblioterapeuta alle prese con una clientela tutta al femminile, e dall’altro le indagini sulla scomparsa della donna, alla quale Vince sente di essere misteriosamente legato.

Il potere curativo della lettura nell’ultimo romanzo di Fabio Stassi

Non si tratta, infatti, di una donna qualsiasi, ma di una lettrice. E quando il protagonista scoprirà la lista dei libri da lei consultati prima di sparire, il suo coinvolgimento diventerà sempre più forte. Le ultime letture della lettrice scomparsa saranno così per Vince indizi da decifrare come frammenti di un mosaico apparentemente irrisolvibile.

Per la stesura di questo romanzo, Fabio Stassi si è ispirato all’opera di Ella Berthoud e Susan Elderkin, Curarsi con i libri, di cui egli stesso ha curato l’edizione italiana per Sellerio nel 2013. Si può dire, quindi, che La lettrice scomparsa abbia quasi un carattere sperimentale, poiché il libro rappresenta la concreta messa in atto dei consigli raccolti dalle due autrici inglesi nel loro ricettario di rimedi letterari. Nel laboratorio di Vince, questo universo di rimedi fatti di pagine e inchiostro si popola di lettrici afflitte dai problemi più disparati; donne in conflitto con sé stesse, col proprio corpo e con la propria vita; tutte diverse tra loro, eppure tutte accomunate dal desiderio di ricucire una ferita interiore, di recuperare un equilibrio che si è rotto.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Il ritmo della storia è scandito da molti incontri e colloqui intimi e intensi. Uno dei punti di forza di questo romanzo risiede appunto nell’intendere la letteratura come dialogo e reciproco ascolto. Le pazienti che Vince ospita di volta in volta nel suo studio sono, infatti, alla ricerca di qualcuno che le ascolti, di qualcosa, anche solo una parola, che le aiuti a star bene di nuovo. Ciascuna di esse è come un continente inesplorato per Vince, che riesce a orientarsi – non senza fatica – unicamente grazie alla sua fedele amica e guida: la letteratura.

 

LEGGI ANCHE – Premio Campiello: intervista a Fabio Stassi

 

«Per me non esiste altro», sostiene Vince un po’ provocatoriamente, conversando con una delle sue pazienti. Ma è facile capire perché il protagonista attribuisca tanta importanza alla letteratura.

Tzvetan Todorov, filosofo e saggista bulgaro, una volta ha scritto: «Essendo oggetto della letteratura la stessa condizione umana, chi la legge e la comprende non diventerà un esperto di analisi letteraria, ma un conoscitore dell’essere umano». Il romanzo di Stassi sembra confermare questa tesi, poiché dimostra che i libri ci parlano di noi e ci insegnano a conoscere i nostri drammi personali e quelli degli altri. E qui risiede il valore curativo della letteratura: nel mostrarci ciò che siamo in una maniera più chiara e intellegibile.

Il potere curativo della lettura nell’ultimo romanzo di Fabio Stassi

La letteratura per Vince è materia viva e per ognuna delle sue pazienti egli fa rivivere storie e personaggi in maniera unica. Cattura la nostra attenzione con titoli e aneddoti e in ognuno dei suoi lettori produce una sensazione diversa. Chi avrà già letto le opere citate nel libro, infatti, avrà il piacere di riconoscere ogni dettaglio, ogni citazione nascosta; chi troverà, invece, autori e testi a lui sconosciuti non potrà far a meno di annotarsi i titoli, spinto dalla voglia di recuperare. Proprio a tale scopo l’autore elenca in un’appendice tutte le opere menzionate nel testo, insieme alle problematiche di cui esse costituiscono il rimedio. È raro trovare così tanti universi letterari racchiusi tutti in un solo libro e ciò rappresenta un altro pregio di questo romanzo, in cui letteratura e vita reale si intrecciano perfettamente, come i tasti neri e bianchi di un pianoforte.

 

LEGGI ANCHE – I 19 personaggi letterari più importanti dal dopoguerra a oggi

 

E proprio come nella vita, alcune delle questioni più importanti nella storia di Vince rimangono aperte. L’autore lascia che sia il lettore a riempire i vuoti del suo passato e ad immaginarne il futuro. Ma, chissà, molti di questi aspetti potrebbero essere ripresi e approfonditi in un successivo capitolo della storia di Vince Corso. Ciò che è certo è che questo romanzo, per la sua interpretazione del genere giallo e per il suo modo di riflettere sul rapporto tra vita e letteratura, costituisce una vera novità e una piacevole scoperta nella scena letteraria italiana. Dice bene Emiliano, il libraio saggio e solitario, amico del nostro protagonista: «Un libro è uno dei pochi prodotti che acquista valore con l’uso. Più gente lo ha letto e più gente ne viene attirata».

A poche settimane dalla pubblicazione, La lettrice scomparsa ha già attirato molta attenzione su di sé e troverà ancora tanti appassionati lettori. Perché in fondo i protagonisti ideali di questo libro sono proprio loro, quei lettori che da sempre aspettano di imbattersi nel libro che gli cambi la vita.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.