Conoscere l'editing

Curiosità grammaticali

Interviste a scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Il passato non finisce. “Paura verticale” di Linwood Barclay

Il passato non finisce. “Paura verticale” di Linwood BarclayPaura verticale è l’ultimo romanzo di Linwood Barclay, ex giornalista americano che si dedica da oltre dieci anni, e con successo, alla scrittura di romanzi thriller. Paura verticale è un congegno perturbante e rizomatico tradotto da Nicola Manuppelli per la casa editrice Nutrimenti.

È suddiviso in cinque capitoli-giorni. La vicenda si svolge a New York tra lunedì e venerdì: nel prologo siamo subito introdotti nel clima del romanzo: un ascensore in caduta libera si sfracella al suolo provocando quattro morti. Poi il cadavere di un uomo, le dita mozzate e il volto irriconoscibile, viene rinvenuto lunedì mattina nel parco di High Line. A complicare le cose un paio di esplosioni di matrice terroristica: estremisti islamici o nazionalisti americani, i Flyovers? Cosa collega gli ascensori sabotati, le esplosioni e la morte dell’uomo, ascensorista e simpatizzante del gruppo Flyovers? Indagheranno i detective Delgado e Bourque. Mentre la giornalista Barbara Matheson pubblica i suoi articoli al vetriolo contro il sindaco di New York, Glover Headley, e per motivi che non ci aspetteremmo mai.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Alla vicenda narrata s’intreccia quella di un ragazzo e del suo rapporto con la madre – «L’amore per sua madre, vittima, anni fa, di…» ma non diciamo altro – vicenda che ritorna in paragrafi scritti in corsivo a ogni fine di capitolo-giorno.

Il passato non finisce. “Paura verticale” di Linwood Barclay

L’aspetto più interessante della storia non è solo la trama con tutti i crismi del genere, ma il fatto che il vuoto in cui precipita l’ascensore, a ben vedere, pare sublimare proprio quell’incapacità di tenere sotto controllo la vita quando si sono fatte, o subite, scelte errate. Tutti i personaggi, infatti, lungi dall’essere macchiette o pedine al servizio di un banale clima da suspense, vivono, concreti e reali, all’ombra di un ingombrante passato: «Non posso cambiare quello che ho fatto. Tutto ciò che posso fare adesso è cercare di prendere decisioni migliori da qui in avanti» dice la giornalista Barbara Matheson; i fantasmi nel presente, le angosce e le nevrosi psicosomatiche sono conseguenza di eventi subiti o agiti nel passato: il detective Bourke soffrirà di tremendi attacchi di asma di cui riuscirà a liberarsi nel corso della sua ultima impresa, subendo uno shock: un corpo che vede precipitare nella tromba vuota dell’ascensore il giorno in cui si sta inaugurando il nuovo grattacielo Top of the Park. Insomma «Le azioni hanno conseguenze. Forse non dall’oggi al domani. Forse non tra una settimana, un mese o anche un decennio» e per questo non si riesce, anche dopo il terrore di un massacro, a puntare il dito contro il colpevole: qualcosa in noi reclama una sorta, quanto meno, di comprensione intellettuale, di sicuro non ci sentiamo di giudicare. All’orrore, insomma, segue l’empatia, il dubbio che ciò che appare non è l’essenziale.

Il romanzo mette in scrittura anche le relazioni familiari – i rapporti tra i genitori e i figli sono mostrati evitando cliché e concedendo linfa vitale a quel che potrebbe diventare noiosa retorica familistica –, rapporti difficili, di amore e odio, quello tra il figlio Glover e il padre, sindaco, Richard Headley, quello tra la giornalista Barbara e la figlia Arla, rapporti crepati da proiezioni e fraintendimenti, segreti, inganni e però percorsi da sottili, salvifici, rivoli di autentico affetto. E in questo senso c’è una sotto-trama stupefacente che davvero non ci si aspetta e che racconta proprio quel privato che non pare aver nulla a che spartire con le morti e il sabotaggio degli ascensori, e invece...

Il passato non finisce. “Paura verticale” di Linwood Barclay

Se il vuoto in cui cade l’ascensore evoca quel grande vuoto della nostra mancanza esistenziale, è pur vero che il protagonista di questo libro è il Reale«“Oh mio Dio!”, disse Dorothy. Aveva di nuovo infilato il cucchiaino nello yogurt e aveva scoperto qualcosa di piccolo e scuro che sembrava avere minuscole zampe e una coda»: pure nelle scene in cui non potremmo immaginarcelo, accade il Reale. Irrompe a sparigliare le carte dei falsi rapporti sociali e umani, delle finzioni politiche e televisive epone i personaggi, e i lettori con loro, a tu per tu con sé stessi e la propria capacità d’improvvisare. La struttura narrativa si gioca su diverse linee temporali che descrivono, in brevi, veloci e sorprendenti capitoli, il mondo da diversi punti di vista. Ogni personaggio colora emotivamente a suo modo uno stesso evento. E ci si chiede, alla fine del romanzo, cosa è la paura? E la vendetta: può essere che«Lo ha fatto per amore?»

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Un’altra cosa, forse la più essenziale per ogni grande scrittura: la mente dei personaggi, i loro corpi, e dunque il loro desiderio nonostante le ambasce e le difficoltà: «Tutti abbiamo delle complicazioni nella vita, ma andiamo avanti. Se c’è qualcosa che vuoi, la insegui, non importa quanto sia difficile o quanto tempo ci voglia». Il desiderio che rende reali e imprevedibili i personaggi di Paura verticale non è forse in grado di trasmettersi a noi lettori e farci riflettere, ma col fiato sospeso, sulla natura del nostro stesso desiderio?


Per la prima foto, copyright: Tim Trad su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.