Perché è importante leggere

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Il paradiso turbato dalle “Turbine” di Juli Zeh

Il paradiso turbato dalle “Turbine” di Juli ZehC’è un paese, abbastanza lontano da Berlino da dimenticarsi della città e abbastanza vicino da sfruttarla se necessario, in cui la natura è ancora un bene prezioso, le verdure si coltivano nell’orto di casa e le staccionate tra le villette servono più per appoggiare i gomiti durante le chiacchierate serali tra vicini che come muri divisori. Ed è proprio qui, in questa fetta di terra di nome Unterleuten, che Juli Zeh ha ambientato Turbine uscito per i tipi di Fazi nella traduzione dal tedesco di Roberta Gado e Riccardo Craver. In questo romanzo, che in Germania è già diventato un caso letterario, l’autrice mette in scena le contraddizioni del nostro tempo attraverso un microcosmo all’apparenza bucolico che si trova a essere turbato nel profondo delle sue dinamiche sociali ed economiche dall’arrivo dirompente del progresso, che in questo particolare caso ha la faccia di un campo pieno di turbine eoliche. E allora, quello che ognuno dei personaggi che abitano Unterleuten dovrà domandarsi è se è giusto sacrificare un pezzo di paradiso, e ciascuno di loro avrà un motivo all’apparenza più che valido per difendere in ogni modo la sua convinzione.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Eppure, la bellezza di Unterleuten il lettore la scopre solo dopo essersi addentrato nella lettura perché lo scenario che Juli Zeh spalanca nelle prime righe è quello di un inferno soffocante che sa di copertoni bruciati in piena estate, con il sottofondo di una neonata che strilla: «Quella bestia ci tiene in pugno», sono infatti le parole con cui inizia Turbine e anche se non si capisce ancora chi o cosa è La Bestia, quel che appare subito chiaro è che l’idillio immaginato si è presto trasformato in una trappola, almeno per Jule e Gerhard. Sono proprio loro i primi abitanti di Unterleuten che incontriamo: lui professore universitario di mezza età, sfiancato dalla continua e strenua difesa di idee politiche a cui ormai non tiene più nessuno, lei splendida studentessa universitaria piena di speranze e buoni propositi per un mondo migliore. Si incontrano e le loro anime sembrano incastrarsi alla perfezione, tanto che viene a entrambi naturale la scelta di lasciare la città per riappropriarsi della propria umanità nella campagna di Unterleuten.

Il paradiso turbato dalle “Turbine” di Juli Zeh

La stessa idea, per motivi diversi, è venuta anche a un’altra coppia: Linda, energica e prepotente che ha fatto della passione per i cavalli la sua ragione di vita, e Frederik, informatico di poco polso che ha capito presto di non poter competere con i cavalli nella lista delle priorità della sua ragazza e si è rassegnato a sostenere Linda nella, forse, folle decisione di costruire la casa perfetta per allevare questi animali, e dove se non a Unterleuten?

Ma c’è anche chi in questo pezzo di paradiso ci è nato e cresciuto, come Gombrowski, capo dell’unica azienda agricola in grado di dare lavoro al paese, e Kron, che il potere di Gombrowski invece non l’ha mai digerito. E, naturalmente, intorno a queste due figure di capifamiglia ruotano tutti gli affetti, le alleanze e le inimicizie proprie di un piccolo paese che cerca di sopravvivere alla, e nella, modernità. Un equilibrio precario ma duraturo, quello che regola i legami di Unterleuten, che si sgretola non appena si prospetta la possibilità di un impianto di turbine eoliche che andrà, sì, a turbare la natura ma allo stesso tempo permetterà al paese di crescere a livello economico: ma di chi è la terra su cui si vogliono impiantare i “mostri”? Gli abitanti accetteranno senza battere ciglio? Servirà a qualcosa opporsi? Di chi sarà il guadagno maggiore? Ed ecco che si scatena l’inferno, anche peggiore di quello che ci ha accolto nelle prime righe, dove l’interesse personale prevale su qualsiasi legame e la violenza sembra diventare l’unica risposta a disposizione.

Il paradiso turbato dalle “Turbine” di Juli Zeh

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Non è la prima volta che Juli Zeh usa le storie per esprimersi su questioni politiche e Turbine è il campo da gioco perfetto per interrogarsi su quello che sta vivendo la nostra società in questo momento in tema ambientale ma anche, e forse soprattutto, in tema di socialità e progresso. La capacità dell’autrice consiste proprio nell’aver creato una trama complessa che si sviluppa come il gioco delle coppie, dove i personaggi vanno sempre a braccetto con un compagno o un nemico, in un gioco di intrecci in cui fino all’ultimo è difficile capire chi ha ragione su chi.


Per la prima foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.