Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Il nuovo esodo di italiani all’estero

Il nuovo esodo di italiani all’esteroS’ingrossa il nuovo esodo degli italiani che scelgono di trasferirsi all’estero. Al ritmo di centomila l’anno. Un’emorragia che fa paura, che ci rivela tutta la debolezza del Paese, tutta la fragilità di un’Italia depressa, morta.

La fotografia dell’Agenzia degli Italiani Registrati all’Estero (Aire) è impietosa, a maggior ragione perché a partire sono prioritariamente i più grandi: gli over 35. Due terzi del nuovo flusso emigratorio è composto da italiani adulti, espulsi dai sistemi produttivi, marginalizzati nella miseria e nella fame. Qui non siamo nell’ambito delle percentuali, degli zerovirgola del Pil: ma nel campo delle decine di migliaia di disperati che, dopo aver affannosamente provato a farcela, vanno via.

Nuovi emigranti con titoli di studio medio alti, con bagagli di esperienza, con la voglia di riguadagnare terreno sulla vita. Sulla vita, sì, perché l’Italia non è viva. Perché l’economia e la società italiane sono inchiodate saldamente al nulla. Girare la penisola rivela l’inesistenza di un progetto produttivo nazionale. Poche isole di felicità sul volto triste e affamato della nazione.

 

LEGGI ANCHE – Le nuove regole di Stiglitz e la contemporaneità

 

Nelle valigie degli emigranti c’è il necessario per farcela, ma è dura dover ammettere che non siamo più quello che eravamo, che non saremo più quello che siamo stati. E cosa siamo stati? Un terreno di buone pratiche diventato, nel tempo e complice la politica nazionale, un terreno di conquista e di rapina. Ora siamo una terra desolata e desolante. Le università si svuotano. Si rarefanno i cervelli. Si riduce la competitività interna al rialzo. Restano spesso i peggiori e i raccomandati. Non si intravede uno spiraglio di luce, né un’ancora di salvezza.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Le retoriche della politica si frantumano davanti alla cifra dei centomila che vanno via. E vanno via pur sapendo che altrove non c’è grande desiderio di italiani. Non siamo più quelli bravi ma poveri. Siamo appena bastevoli per occupare delle posizioni medie. Perché non partono soltanto le eccellenze, ma anche gli italiani comuni, la media borghesia impoverita.

Il nuovo esodo di italiani all’estero

 

LEGGI ANCHE – Fuori dagli europei o dall’Europa?

 

Colpa della crisi? No. Colpa della privazione di senso e di direzione nazionali. Colpa dell’assenza di un progetto. Colpa della fiducia mal riposta in una classe politica poco intraprendente e troppo arrogante. Quando i generali sbagliano, l’esercito in rotta si ritira e si sparpaglia nella pianura. Questo accade ogni giorno. Le città si svuotano. Si svuotano le campagne. Restano gli anziani, con le loro pensioni. Gli impiegati pubblici, con le loro poche certezze. I politici, con le loro menzogne ben pagate. Gli altri sono il fiume del nuovo esodo di italiani verso l’estero.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (5 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.