Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Il nostro altrove da scoprire, “Vinpeel degli orizzonti” di Peppe Millanta

Il nostro altrove da scoprire, “Vinpeel degli orizzonti” di Peppe MillantaNella biografia disponibile sul blog Peppe Millanta scrive che questo non è il suo vero nome: «è un nome nato per mascherare le attività eversive che il nostro compiva nella sua doppia vita durante i tempi dell'Università a Roma». L'artista è poliedrico: oltre che scrittore è anche sceneggiatore, nonché musicista di gruppi come “Peppe Millanta & L'orchestrina del malaffare”, oppure “Peppe Millanta & Balkan Bistrò”. E in effetti dalle foto sembra uno di quei personaggi usciti da una pellicola di Emir Kusturica: capelli lunghi, barba fluente e sguardo magnetico.

Neo. edizioni ha appena pubblicato il suo romanzo, Vinpeel degli orizzonti. Il libro ha la struttura di una favola che racconta di un luogo immaginario, Dinterbild, composto da un pugno di case e da ottanta persone. Un posto dove nessuno va e nessuno viene, un posto sperduto nel nulla. Vinpeel è l’unico ragazzo di questa comunità, ma si è creato il suo amico “fantasma”, Doan, con cui condivide le preghiere da recitare per espiare i propri peccati (si confessa dalle tre alle sei volte al giorno). Il ragazzino è infatti rimasto impressionato soprattutto dall'Apocalisse di Giovanni recitata da Padre Sloan durante la funzione religiosa («non era stata una grande idea quella di accompagnare il racconto dell'arrivo dei Cavalieri con tanto di grida, fumo e voce camuffata»).

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Suo padre, Ned Bundy, non gli presta attenzione; come se lui, Vinpeel, fosse trasparente. È occupato, ogni sera, a scrivere lettere che verranno poi messe dentro delle bottiglie e affidate quindi alle onde del mare (come una specie di rito). Ned ha poi un'altra occupazione, quella di raccogliere conchiglie: «le raccoglieva dalla spiaggia e se le portava all'orecchio. Lo vedevi sorridere, commuoversi, adirarsi, perché ogni conchiglia gli suscitava un'emozione diversa... Negli anni ne aveva raccolte a migliaia. All'inizio occupavano soltanto una stanza, ma ormai erano dovunque, sotto i letti, nei cassetti, dentro la credenza. Conchiglie su conchiglie accatastate l'una sull'altra, ognuna con una propria storia».

Il nostro altrove da scoprire, “Vinpeel degli orizzonti” di Peppe Millanta

A Dinterbild la gente è strana (vengono svolte delle gare chiamate “Il lancio del nano”), non ci sta tanto con la testa, forse perché ha la testa per aria. Soprattutto Doan che nella forma delle nuvole cerca il suo “dannatissimo attimo” perduto, visto che Jla sua vita si era bloccata come un disco rotto che ripete lo stesso attimo all'infinito nell'attesa di quello successivo». Nel paese c'è una locanda che non si chiama locanda, ma locanba Biton: da quando il proprietario ebbe la malaugurata idea di costruire un'insegna luminosa per far concorrenza alle stelle. Le lettere da appendere vennero distrutte o dimenticate da chi era incaricato del lavoro (Selmer e il Dottor Fros). La locanba fa le zuppe più buone di Dinterbild («perché sono le uniche» dicono le solite malelingue del villaggio). Vinpeel e Doan hanno un sogno. Quello di raggiungere le luci che vedono al di là del mare, quelle luci magnifiche che non hanno attimi persi o Cavalieri dell'Apocalisse: l'Altrove. Perché Dinterbild è un posto dove la speranza, il ricordo della felicità si è spento, è entrato in un letargo che sembra infinito; la tristezza sembra aver avuto la meglio.

Il nostro altrove da scoprire, “Vinpeel degli orizzonti” di Peppe Millanta

I due amici fanno i più svariati tentativi, ancora una volta suggestionati dalle letture sacre di Padre Earl (provano persino a camminare sulle acque del mare, prendendo a modello Gesù). Poi incrociano sulla loro strada una bambina, Mune, scaraventata lì perché anche lei ha avuto un inciampo nella vita. Insieme al pazzo del villaggio Krisheb (l'uomo alla ricerca della sua gamba di legno perduta) cercano il modo migliore per partire verso l'altrove. E così aspettano la festa più fredda dell'anno, quella della Merla, per fare un fuoco potente e col proprio pallone volante allontanarsi finalmente verso l'orizzonte luccicante. Ma ci vuole «un fuoco più grande» per raggiungere la luce e dimenticare il buio. C’è bisogno di tutti gli abitanti di Dinterbild...

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

È un romanzo non banale Vinpeel degli orizzonti. Ci sono degli echi cinematografici (proprio “il realismo magico” di Kusturica) e letterari: alcune suggestioni che si ritrovano nelle cose scritte da Benni, Cavazzoni, ma anche Baricco (soprattutto Oceano Mare, ad esempio). C’è infatti il fascino suggestivo e “affabulatorio” del mare: «perché il mare è come una spugna, e prima o poi dentro ci vanno a finire tutte le storie del mondo, anche quelle che sembrano non entrarci nulla». È la grande, illimitata fiducia nel potere delle storie, le uniche che riescano a far “alzare la testa” all'uomo, così da dimenticare gli inciampi della vita e magari riannodare legami un tempo perduti (Vinpeel che attraverso le conchiglie finalmente torna ad avere un dialogo affettivo con suo padre). Soltanto raccontandoci delle storie riusciamo a toccare gli orizzonti lontani, a farli sentire prossimi a noi. È questo il grande, indistruttibile fascino della letteratura. Da Omero in poi.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.