In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Il mistero della morte di Caravaggio

Il mistero della morte di CaravaggioEdito da Skira, L’ultimo respiro del corvo. L’omicidio Caravaggio di Silvia Brena e Lucio Salvini è un appassionante giallo che indaga il mistero che si nasconde dietro la morte di Michelangelo Merisi da Caravaggio.

Il romanzo mescola storia vera e ipotesi e leggende intrecciando il mondo attuale a quello del Seicento. A fare da ponte è un certo quadro di Caravaggio che, pare, contenga informazioni essenziali per decifrare il mistero della sua morte.

Ci troviamo davanti a un personaggio davvero fuori da ogni regola. Infatti, Caravaggio è l’unico artista che raffigura il proprio volto morente. Nessun altro pittore ha mai scelto di rappresentare il momento in cui la vita si spegne attraverso il proprio ritratto. Nel farlo, usa come cornice il racconto biblico di Davide e Golia. La testa decapitata del gigante, con occhi fissi ed espressione rigida, somiglia al pittore e sembra una vera e propria maschera funeraria. A ispirarlo, pare sia stato un episodio reale.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Il 31 maggio 1606 era rimasto gravemente ferito in seguito a un accoltellamento, con morto, avvenuto nei pressi di Villa Medici dopo un incontro di pallacorda. Accusato di omicidio, fu segnalato come bandito e sulla sua testa venne messa una taglia. Il dipinto diventò parte della collezione privata del mecenate di Caravaggio, Scipione Borghese, e forse, qualora fosse stato dipinto mentre era in esilio, fuggiasco, allora il riferimento autobiografico indica la speranza di Caravaggio di riuscire a evitare l’esecuzione capitale e convincere il Borghese a concedere la grazia al suo artista di spicco.

Il mistero della morte di Caravaggio

Se queste sono le nozioni storiche, apprese sui banchi di scuola, e stimolate a riaffiorare nell’atto della lettura del romanzo, gli intrighi e gli equilibri precari che sottostanno alle logiche dei mercati d’arte diventano una scoperta grazie a L’ultimo respiro del corvo.

Il quadro che fa da ponte tra passato e presente non è quello di Golia, ma un altro, ancora più misterioso. Anzi, una copia che Caravaggio ha dipinto poco prima di morire. Il martirio di Sant’Orsola.

Nel passato incontriamo Caravaggio, un genio pazzo e irascibile, forse affetto da una malattia che gli faceva perdere il controllo scatenando la sua ira, che frequentava le prostitute e le ritraeva. Come per la Morte della Vergine dove, distesa, con un braccio ciondoloni, giace una figura terrena, con il ventre gonfio e priva di qualsiasi riferimento al canone iconografico. Pare avesse ritratto una prostituta ritrovata morta lungo il Tevere. Che Caravaggio vedesse il divino proprio in mezzo alla miseria umana? È una domanda che sorge a margine, come molte altre, perché l’eccentrico Dante Hoffman, il critico d’arte travolto dalla vicenda, ha ben altro a cui pensare.

Il mistero della morte di Caravaggio

La copia de Il martirio è scomparsa. La notizia la dà un giornale italiano riportando il ritrovamento di diverse opere d’arte nella casa di un malfattore. Manca però il quadro essenziale che possiede la chiave di volta per sciogliere il mistero dietro la morte di Caravaggio. Il genio ha lasciato un indizio, poco prima di morire; conoscerlo potrà portare Hoffman a identificare i colpevoli di questo grande e intricato cold case della storia dell’arte.

Un quadro che fa da ponte, tra il 1600 e il 2017, ed è come se si aprisse un varco in mezzo al quale Caravaggio e Hoffman si rispecchiano nei loro destini. Anche Hoffman sta per fare la stessa fine di Caravaggio. E con gli stessi mezzi.

Il mistero della morte di Caravaggio

Con una scrittura lineare e un ritmo calzante, L’ultimo respiro del corvo di Silvia Brena e Lucio Salvini è una lettura piacevole per gli appassionati del genere che tradisce una documentazione approfondita da parte degli autori volta a impreziosire il romanzo e la trama che diventa ancor più convincente.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

La domanda di fondo che tiene unite le pagine del romanzo è una: Caravaggio è stato assassinato? E, allora, per saperlo c’è solo un modo: leggere questo appassionante giallo storico che vi farà amare ancor di più la folle genialità di Michelangelo Merisi.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.