Come leggere un libro

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Il meglio del jazz italiano nel Dizionario di Flavio Caprera pubblicato da Feltrinelli

Flavio Caprera, Dizionario del jazz italianoÈ stato pubblicato dalla casa editrice Feltrinelli il Dizionario del Jazz Italiano, firmato dal critico musicale e scrittore Flavio Caprera. Il saggio è un condensato del gotha del jazz italiano, che riporta i nomi dei migliori artisti e musicisti – non interpreti – italiani (viventi) in schede analitiche, con schede bio e utile discografia di riferimento. Da Franco D’Andrea a Nicola Arigliano, da Fabrizio Bosso a Gegé Telesforo, da Francesco Bearzatti a Roberto Gatto, il lungo elenco – in rigoroso ordine alfabetico – ripercorre su e giù lo Stivale alla ricerca dei nomi che hanno dato il loro contributo rilevante per la crescita della musica jazz italiana. Dunque, un’opera molto impegnativa quella di Flavio Caprera, che ha pubblicato con Feltrinelli il Dizionario del jazz italiano.

Si tratta di un lavoro, sotto certi aspetti, anche un po’ spinoso – e non meramente compilativo – a causa dell’accurata selezione che ha portato (evidentemente) all’esclusione di alcuni nomi, ma è soprattutto un tributo pieno d’amore, la volontà di lasciare nero su bianco un’impronta indelebile in grado di appassionare sia l’appassionato conoscitore che il fruitore neofita. «Il Dizionario del Jazz Italiano – spiega Caprera, che ha all’attivo altri due libri sul tema, Jazz Music e Jazz 101, pubblicati entrambi con Mondadori – ha carattere divulgativo, non ha la pretesa di proporre la storia del jazz italiano. Si tratta di un’ampia panoramica, a partire dagli inizi del Novecento, dove i grandi pionieri del passato sono presentati accanto alle giovani e promettenti leve del nostro Paese.

Il jazz italiano ha una gloriosa tradizione storica. Nasce agli inizi del Novecento, conosce una grande diffusione nel ventennio fascista, per diventare fenomeno di massa nel dopoguerra, grazie anche all’influenza degli americani».

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Pur continuando a essere un genere musicale rivolto a un pubblico ristretto, non si tratta più di un fenomeno di nicchia, per fortuna, come dimostra il grande successo di eventi come l’Umbria Jazz, ad esempio. «Il pubblico che ascolta, segue e suona questa musica è in aumento costante, così come il numero dei festival jazz cresce in ogni parte d’Italia per quantità e qualità – aggiunge – e non solo: il livello qualitativo dei musicisti italiani è cresciuto molto, dimostrando un’originalità interpretativa e una tecnica di base che li vede tra i migliori al mondo, senza tema di smentita».

Senza essere didascalico, Caprera snocciola nomi, date, luoghi, siti web di riferimento: al lettore più acuto non sfuggiranno le sfumature geografiche, le differenze tra Nord e Sud Italia: «Questo Dizionario cerca di rappresentare le diverse aree geografiche italiane – precisa – le caratteristiche intrinseche e il tipo di jazz suonato. Da Nord a Sud dell’Italia si suona un jazz differente e ogni regione presenta le sue peculiarità, dovute alle diverse tradizioni e culture. Il merito va riconosciuto anche alle scuole di jazz e ai conservatori, alle case discografiche, piccole e grandi, che investono sui talenti italiani, alle riviste specializzate. È anche grazie a loro se oggi si sente dire che il jazz italiano reca un tratto distintivo e originale, rispetto ad “altri” jazz».

Viene soddisfatta così l’esigenza di monitorare la scena musicale jazz con il Dizionario del Jazz Italiano di Flavio Caprera. 

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.3 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.