Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

“Il libro delle mie vite” di Aleksandar Hemon

Aleksandar Hemon, Il libro delle mie viteSi definisce «un groviglio di domande insolubili, un coagulo di vari altri», di certo è uno dei più significativi scrittori in circolazione. È Aleksandar Hemon, autore dell’agile e densissimo Il libro delle mie vite (Einaudi, 2013, traduzione di Maurizia Balmelli), nato a Sarajevo nel 1964 e cittadino di Chicago dallo scoppio della guerra in Bosnia nel 1992, già autore, tra gli altri, del bellissimo Il progetto Lazarus. In questo memoir autobiografico racconta la sua vita tra la Sarajevo multietnica dell’infanzia e la nuova patria statunitense, attraverso le avvisaglie di guerra ‒ quell’«era breve dell’euforia da catastrofe» ‒ e poi lo scontro violentissimo dei primi anni Novanta, la guerra civile che fece deflagrare i Balcani. Uno scontro dalle radici antiche, con precise motivazioni politiche ed economiche, alimentate da mitologie nazionaliste che coinvolgevano persone fino ad allora vicine, addirittura modelli di cultura come il professore che gli aveva fatto amare Shakespeare e Montaigne e riflettere sulla letteratura, diventato poi un ideologo di Karadžić: «Il professor Koljević diventò la mia ossessione. Continuavo a cercare di mettere a fuoco l’istante in cui per la prima volta avrei potuto notare la sua inclinazione al genocidio» annota Hemon. E, senza pesanti solennità, con stile asciutto e scrittura curatissima, con l’ironia che solo chi ha vissuto davvero una tragedia riesce a utilizzare efficacemente, ci fa camminare per la Sarajevo isola di pace degli anni Ottanta e in quella martoriata dalla guerra, dove neanche lui camminava perché nel 1992, allo scoppio del conflitto, si trovava in America, da dove non fece ritorno, se non anni dopo, per commentare al rientro «di ritorno da casa, tornavo a casa», quella Chicago di cui in un gustoso capitolo elenca le ragioni per cui non la lascerebbe.

Scrittore apolide e con un profondo senso delle radici, Hemon ci aiuta a riflettere proprio sugli esiti perversi delle categorizzazioni esclusive, perché «nell’istante in cui additi una diversità, ti addentri, a prescindere dalla tua età, in un sistema di differenze preesistente, una rete di identità, tutte fondamentalmente arbitrarie e indipendenti dalle tue intenzioni, nessuna delle quali oggetto di una tua scelta. Nel momento in cui alterizzi qualcuno, alterizzi te stesso» e tutta la sua letteratura discende da questo, dal bisogno di raccontare una storia per fissare dei punti fermi: «la persona sradicata si batte per una stabilità narrativa – ecco la mia storia! – ricorrendo a una sistematica nostalgia». Scorrono così pagine di notevole letteratura, dalla nascita della sorella alle partite a scacchi con il padre, dal viaggio in Italia alle partite di calcio con improbabili compagni di squadra, dai cani vagabondi alle esperienze in radio, quando inventa un personaggio di cui scrive la storia come se fosse realmente esistito e come tale viene recepito, efficace metafora dell’ubriacatura mitologica che pervaderà la Jugoslavia pochi anni dopo, ma anche e soprattutto del potere performativo del linguaggio.

 

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: EditorialiWeb ed Eventi.

Seguiteci su FacebookTwitterGoogle+Issuu e Pinterest]

 

Aleksandar HemonLinguaggio che sarà l’unico argine al dolore inimmaginabile della perdita di una figlia piccola: «Una delle credenze religiose più meschine è che la sofferenza nobiliti, che sia una tappa lungo il cammino verso qualche forma di illuminazione o salvezza. La sofferenza e la morte di Isabel non hanno fatto niente per lei né per noi né per il mondo. L’unico esito importante della sua sofferenza è la sua morte. Non abbiamo imparato alcuna lezione che valesse la pena imparare; non abbiamo acquisito alcuna esperienza che possa giovare a chicchessia. E Isabel non è certamente ascesa a un posto migliore per lei del seno di Teri, del fianco di Ella o del mio petto», ma «l’immaginazione narrativa – e quindi la letteratura – è uno strumento evolutivo fondamentale per la sopravvivenza. Elaboriamo il mondo raccontando storie e produciamo conoscenza umana stringendo legami con dei noi immaginati».

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.