Conoscere l'editing

Curiosità grammaticali

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Interviste a scrittori

Il lavoro che (non) c’è?

Il lavoro che (non) c’è?Il dato più recente dell’Istat sull’occupazione italiana, dato trimestrale dunque stagionale, parla di un calo del 77 per cento delle assunzioni lunghe (a tempo indeterminato) rispetto al medesimo trimestre dell’anno passato.

Il confronto tra trimestri è pericoloso quando le economie viaggiano a vele spiegate, ma torna utilissimo quando sul campo di battaglia della crisi contiamo i morti e i feriti. In ogni famiglia italiana media c’è almeno un precario, un disoccupato, una persona a rischio di povertà. È la mancanza di lavoro che produce tutto questo, nonostante siano state introdotte misure volte a sostenere gli investimenti privati (come il Quantitative Easing) e ad alleggerire gli oneri fiscali sul lavoro (come il Jobs Act). Queste misure non sono bastate, e la nostra economia nazionale soffre di un calo di credibilità sui mercati esteri e di un calo della domanda interna che provoca deflazione inarrestabile, pessimismo e tanta, tanta tristezza diffusa.

Tutto questo sta però portando a una selezione economica quasi naturale. Una specie di mano invisibile sta facendo piazza pulita delle imprese meno adatte alla crisi: quelle non sostenute dalla finanza criminale e quelle che pensano ancora di potercela fare come un tempo.

 

LEGGI ANCHE – Da cittadini a consumatori, cosa resta del Novecento?

 

Il mercato imprenditoriale si sta dividendo: da una parte i fan della ripresa a ogni costo, dell’aumento dei consumi, dell’economia di un tempo; dall’altra chi pratica impresa solidale, dà lavoro, costruisce comunità dentro opportunità economiche circolari.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Tutto ciò si accompagna alla più rapida diffusione di contenuti, anche editoriali, meno consumistici, meno patinati, più vicini al realismo di cui necessita la società. Dove si produce lavoro, infatti, è proprio dove il fordismo novecentesco della fabbrica incrocia il realismo post-moderno, la robotica, la scienza applicata alle nuove tecnologie, il giornalismo digitale. È lavoro fluido, sicuro!, ma non meno impegnativo o stancante.

 

LEGGI ANCHE – Data journalism, ecco perché rappresenta il futuro dell’informazione

 

Non è lavoro garantito, perché anche la tutela sindacale necessita di rimodularsi velocemente. Non è lavoro salariato, e qui l’assenza di un welfare pubblico adeguato pesa tutta sulle spalle delle nuove generazioni. In fin dei conti, il lavoro c’è, eccome, ma manca quella forma di tutela e di attivazione alla costruzione comunitaria delle opportunità di welfare che sempre hanno funto da paracadute in tempi di crisi. Ce la fanno, a differenza nostra, quei Paesi nordeuropei che all’impoverimento hanno risposto con più stato sociale e più lavoro nei servizi. Se non ci adeguiamo, noi rischiamo di perdere quel poco di lavoro che ancora c’è.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.