Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Il grido dei bambini vittime delle guerre. “Caro mondo” di Bana Alabed

Il grido dei bambini vittime delle guerre. “Caro mondo” di Bana AlabedBana Alabed, siriana di Aleppo e rifugiata in Turchia dove vive tuttora con la famiglia, scrive le parole che il mondo non avrebbe mai voluto leggere, mai dovuto ascoltare. All'età di otto anni pubblica un libro che è una lunghissima lettera indirizzata a tutti gli abitanti del pianeta che l'ha privata del diritto di essere una bambina. Dear World, pubblicato in Italia come Caro Mondo da TRE60, nella versione tradotta da Eloisa Banfi, è un libro che si spera faccia «venir voglia di aiutare le persone». Come si augura la stessa autrice.

Sotto il peso delle macerie dei palazzi crollati per i continui e ripetuti bombardamenti ad Aleppo est, dove viveva insieme a tutta la famiglia, Bana, incoraggiata dalla madre, cerca di comunicare al mondo intero e soprattutto ai “potenti” di turno quello che sta accadendo perché lei, come il resto degli abitanti del suo quartiere, non riescono a capacitarsi degli orrori cui sono costretti.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Libri come Caro mondo mostrano tutto il loro essere necessari in quanto accompagnano il lettore dentro le vite di coloro che, troppo spesso, vengono indicati indistintamente come civili, sfollati, rifugiati, migranti… mentre sono delle persone, abitanti, popoli, vite anche molto giovani con diritti quotidianamente violati, calpestati, ignorati. Un testo scritto da una doppia angolazione: quella di una bambina che ancora non ha piena coscienza soprattutto delle conseguenze di ciò che sta accadendo anche se percepisce il male, il dolore e la sofferenza che sta trascinando dentro la sua giovane vita e di tutti i suoi cari; e l'altra, quella di una madre che, pur avendo molta più consapevolezza di quanto sta accadendo e delle conseguenze, non riesce a non avere quasi le stesse reazioni della figlia, dettate dal terrore di un qualcosa che appare ed è troppo “brutto” da poter essere sconfitto.

Il grido dei bambini vittime delle guerre. “Caro mondo” di Bana Alabed

LEGGI ANCHE – La storia di Sophie Kasiki, la donna fuggita dall'Isis

 

Bana e i suoi famigliari si chiedono continuamente come possano essere così crudeli verso dei civili, dei bambini… vittime innocenti di una follia omicida che ha deciso di spaccare una città e un Paese, che prima erano uniti, e annientare tutti coloro che non si sono schierati apertamente con il regime. Non basta essere neutrali ed è impensabile avere un'opinione o un credo differente. Crudeltà a cui il nostro pianeta ha già assistito altre volte, troppe, anche in passato. Bana Alabed cita in apertura del libro Anna Frank, forse la bambina, vittima della follia dei guerrafondai, più famosa. Dietro al racconto di Bana e di sua madre si percepisce una sorta di emulazione positiva, insita nella volontà di dar voce a tutti i bambini, vittime innocenti della follia omicida degli adulti, dei “grandi”, dei “potenti”, degli “estremisti” come anche dei “rivoluzionari”.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

Il grido dei bambini vittime delle guerre. “Caro mondo” di Bana Alabed

Quando un'azione ha ripercussioni negative sui civili, soprattutto se bambini, è di certo una scelta sbagliata e sarà di sicuro foriera di male, dolore e sofferenza che dovevano essere evitati. Le centinaia di migliaia di vittime innocenti della guerra siriana ne sono la dimostrazione, come lo sono le vittime innocenti di ogni guerra combattuta, ma lo è anche la distruzione di una città antica e «abitata da più tempo». Un luogo che era la casa di Bana e della sua famiglia, come di tutte le famiglie degli sfollati e dei rifugiati che ora qualcuno vorrebbe anche “aiutare a casa loro”, dimenticando o ignorando che queste persone per prime, se avessero potuto scegliere, avrebbero di gran lunga preferito restarsene davvero nelle loro abitazioni, senza bombe né fucili, senza proiettili né macerie a progettare il proprio futuro insieme a parenti e amici, invece di attendere il cessate il fuoco per fare la conta dei morti e dei feriti ed essere costretti poi ad abbandonare tutto per rifugiarsi in un luogo più sicuro.

 

LEGGI ANCHE – Premio Strega 2014 – Intervista a Giuseppe Catozzella per “Non dirmi che hai paura”

 

Un libro importante, Caro Mondo di Bana Alabed, una lettera che è una speranza per l'umanità.


Per la prima foto, copyright: Jordy Meow.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.